Finocchio e semi di finocchio: stomaco sgonfio e buona digestione

finocchio, digestivo, gonfiore

Il finocchio è un ortaggio che non dovrebbe mai mancare sulle nostre tavole ed è disponibile per quasi tutto l’anno,  fatta eccezione per i mesi estivi. Si tratta di una verdura dalle tante proprietà, con un potere calorico molto basso (solo 15 calorie per 100 grammi) dal potere digestivo e di riduzione del gonfiore addominale, quindi ideale per obiettivi di riduzione del peso corporeo.

Finocchio crudo o con una cottura leggera

Portiamo l’attenzione ai benefici di questo ortaggio che consigliamo di mangiare crudo per sfruttare al meglio tutte le sue proprietà. Se lo amate cotto utilizzate un metodo di cottura dolce, come ad esempio la cottura al vapore. In alternativa, potete saltarlo per pochi minuti in padella anche insieme ad altre verdure, con pochissimo, ripeto pochissimo, olio extravergine di oliva bio.

Annuncio pubblicitario

Le proprietà

Il finocchio è dissetante, ha molte importanti proprietà a favore dell’apparato digerente: digestivo ed antispastico intestinale. Infine, è un buon diuretico, quindi depurativo ed un antisettico. Di questo ortaggio in tavola si può utilizzare tutto, sia il bulbo che le foglie dal caratteristico profumo aromatico.  Anche i semi di finocchio, masticati a fine pasto, svolgono un’efficace azione digestiva. Le medicine popolari utilizzano da sempre i semi per  la preparazione di tisane e di decotti da bere a fine pasto al fine di rendere la digestione meno lunga e pesante.

Finocchio: maschio o femmina, quale scegliere ?

Ho trovato alcune interessanti informazioni nel libro di Michele Riefoli “Mangiar Sano e Naturale“. “Il finocchio maschio è quello dalla forma più arrotondata ed è più adatto al consumo a crudo. Quello femmina invece, più coriaceo, si presta meglio ad essere cotto. Il finocchio contiene flavonoidi che ci conferiscono proprietà antiossidanti, tipiche di molti vegetali freschi, e fitoestrogeni con effetti blandi comunque utili nel regolare gli ormoni femminili.  I fitoestrogeni hanno un’azione benefica di protezione anche nei confronti dell’azione cancerogena di un eccesso ormonale andando ad occupare i recettori degli estrogeni. Se invece gli estrogeni dovessero essere carenti, i fitoestrogeni ne stimolano la produzione.” Per questo motivo le donne in particolare dovrebbero consumare abitualmente questo ortaggio ed anche i suoi preziosi e gradevoli semi”.

Succo estratto di finocchio

Se disponete di un estrattore oppure di una centrifuga, vi consigliamo di bere di tanto in tanto un succo estratto di finocchio. Se il sapore è troppo intenso, può essere abbinato a del sedano a delle carote, oppure alla barbabietola. Il succo di finocchio favorisce la formazione del sangue (dal libro di Norman Walker  Succhi Freschi di  Frutta e Verdura) ed è di grande aiuto nei disturbi mestruali. Unito a sedano e carota è un ottimo antiossidante, remineralizzante, fonte di vitamine ed oligolementi.

Ti può interessare anche:“Succhi di frutta e verdura: i benefici dei succhi estratti con l’estrattore”

Olio essenziale di finocchio

L’olio essenziale viene estratto mediante distillazione. Ne esistono di due tipi: quello dolce si ottiene dai semi pressati, quello amaro dall’intera pianta.

Tra le sue principali proprietà:

  • digestivo,
  • antispasmodico,
  • antinfiammatorio,
  • carminativo (limita la formazione e il ristagno di gas a livello gastro-intestinale, favorendone l’espulsione da stomaco e intestino),
  • diuretico,
  • espettorante,
  • stimola le mestruazioni,
  • tonico,
  • lassativo,
  • vermifugo,
  • antisettico,
  • stimola la produzione e il flusso della bile.

In tavola  l’olio essenziale di finocchio dolce può essere usato per creare un condimento per le insalate dalle funzioni digestive ed anti-fermentative: è sufficiente aggiungere 2 gocce in 1/2 litro di olio di oliva extravergine bio (come questo in vendita su macrolibrarsi).

’olio essenziale  stimola l’appetito ed agisce su  diverse funzioni dell’organismo, incrementandone l’attività come peraltro l’ortaggio consumato fresco: ne beneficiano quindi la funzione digestiva, quella intestinale e quella diuretica.  Inoltre l’olio essenziale di finocchio dolce induce un aumento della produzione di tutti i liquidi del corpo, in particolare contribuisce ad accrescere la secrezione salivare, quella biliare e stimola la produzione di latte materno.

Importante: gli oli essenziali vanno usati con cautela e sempre seguendo il parere di un esperto.

Tintura madre (integratore alimentare)

Per godere dei benefici e delle proprietà salutari del finocchio (digestive, carminative, antispasmodiche ed espettoranti) è possibile anche assumere un integratore alimentare sotto forma tintura officinale.

Una nota importante

Quanto descritto in questo articolo fa riferimento al finocchio comune (coltivato) che si acquista abitualmente da ortolani e nei supermercati. Tuttavia è molto diffuso anche quello selvatico, o finocchietto, dal sapore più intenso, che cresce spontaneamente ed è usato prevalentemente con erba aromatica.

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.
Articolo precedenteMiele: come sceglierlo e dove acquistarlo (quello buono non scade mai)
Articolo successivoDimagrire: 6 motivi per i quali non stai perdendo peso
Claudio Monteverdi
Naturopata, esperto di alimentazione naturale, educatore alimentare. Convinto sostenitore della visione olistica e del vivere etico e sostenibile, curioso e studioso. È impegnato da anni nella divulgazione di tematiche su alimentazione e benessere. Ha frequentato il corso triennale di naturopatia alla scuola Riza Natura dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica (Milano). Ha frequentato corsi di perfezionamento su floriterapia alla scuola del Bach Center, tecnica Craniosacrale, Digitopressione Dinamica e Riflessologia Plantare Integrata® presso Riza. Ha frequentato il master Operatore del Benessere presso il Centro Studi di Perugia. Ha approfondito L’alimentazione naturale con alcuni riferimenti del mondo medico scientifico (Franco Berrino, Debora Rasio, Martin Halsey...) partecipando a numerosi convegni e workshop. Partecipa costantemente a convegni, eventi formativi e manifestazioni a tema alimentazione e benessere. Grazie alle passioni storiche per il web, il marketing e la comunicazione, derivate da una Laurea in Scienze dell'Informazione e da anni "da manager" in diverse aziende, dopo aver collaborato con importanti iniziative editoriali del mondo olistico e con alcune realtà di prodotti naturali, ha ideato e fondato il progetto BenessereCorpoMente.it. Mette a disposizione di aziende e privati la sua esperienza facendo anche attività di consulenza, in particolare sui temi dell'alimentazione naturale e dell'educazione alimentare.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.