Expo2015: nutrire il pianeta, con McDonald e Coca Cola. E l’Happy Meal è meglio della Pizza

nutrire il pianeta, coca cola, mcdonalds, patatine,
disclaimer, avvertenze, rivolgersi al proprio medico,
disclaimer, avvertenze, rivolgersi al proprio medico,
disclaimer, avvertenze, rivolgersi al proprio medico,
disclaimer, avvertenze, rivolgersi al proprio medico,

Alcune settimane fa riflettendo su Expo2015 e sulla connessione al tema dell’alimentazione, a me caro da sempre e anche argomento principe del progetto benesserecorpomente.it, avevo fatto mentalmente una considerazione in merito alla particolarità della manifestazione “Nutrire il Pianeta” che ha scelto come sponsor più importanti McDonald e Coca Cola. Mi ero ripromesso di scrivere un articolo che esprimesse le mie perplessità, oggi ne ho l’occasione.

Nutrire il pianeta: di cosa stiamo parlando?

In un panorama mondiale di scelte e trend di mercato che, salvo eccezioni, vanno in direzione opposta a quella del benessere delle persone e del pianeta, qualunque attività collegata all’argomento “Nutrire il pianeta” è degno, se non altro, di attenzione. Ma ancor prima di andare a toccare con mano e verificare di cosa si tratta, consideriamo che tra gli sponsor dell’evento ci sono 2 tra le più importanti  aziende al mondo  che producono e vendono cibi e bevande, definiti anche “Junk Food” o “Cibo spazzatura”. I quali sono alla base e concause importanti di molti dei problemi di salute, tra cui l’obesità ed altre importanti malattie come il diabete e l’ipertensione. In virtù di ciò è lecito qualche dubbio sull’argomento “Nutrire il pianeta”!  E’ ovvio che quando si parla di “Nutrire il pianeta” si fa riferimento a tanti temi importanti, non necessariamente collegati alla salute individuale, come quello della fame nel mondo, dello spreco alimentare, della sostenibilità ambientale e così via. Tuttavia, l’idea di un cibo sano e sostenibile per l’individuo e per l’ambiente dovrebbe essere alla base di ogni attività di informazione o campagna mediatica a favore del benessere sociale.

L’intervento del dott. Franco Berrino: ad Expo 2015 non si parla di biologico

Il prof. Franco Berrino è uno dei medici di riferimento per me e anche ispiratore del nostro portale di informazione. Non mi stupisce che si sia pronunciato in merito al tema di questo articolo.  Tra le sue importanti dichiarazioni che vi invitiamo ad ascoltare, il prof. Berrino, uno dei massimi esperti in italia della relazione tra Cancro ed alimentazione, mette in luce il fatto che sui tavoli di preparazione per Expo2015 non si è parlato di cibo biologico. Ecco il video dell’intervista che abbiamo reperito su Youtube.

 

 

Berrino fa anche riferimento alle parole di Papa Francesco che recentemente “ha parlato del paradosso dell’abbondanza: produciamo quantità enormi di cibo che potrebbe nutrire l’intero pianeta eppure ci sono intere popolazioni che muoiono di fame. La causa principale della fame del mondo dipende dall’inequità. E l’inequità dipende dal nostro sistema economico. No al libero mercato nel campo del cibo.”

Oltre al danno, la beffa: “Happy meal meglio della pizza”

A ridosso di Expo2015, che come noto si terrà a Milano, Italia, patria della pizza, uno dei simboli dell’alimentazione mediterranea, McDonald, sponsor di Expo2015, “Nutrire il pianeta” ha lanciato uno spot che ha fatto scalpore. Nello spot un bambino, seduto con i genitori in una pizzeria, rifiuta la pizza dichiarando di preferire l’Happy Meal (Hamburger, Patatine, Bevanda gassata e zuccherata, giocattolino). Ve lo mostriamo

 

E’ arrivata pronta e divertente la risposta da Napoli la patria della pizza con mozzarella e pomodoro “Tuo figlio non ha dubbi, pizza a portafoglio”

 

Il nostro commento

Che la pizza sia un cibo sano per definizione non ce la sentiamo di affermarlo, dipende molti dagli ingredienti che vengono usati. Dal nostro punto di vista, poichè la pizza contiene quasi sempre farina bianca (un prodotto industriale raffinato e carente di nutrienti) e mozzarella ( i recenti studi scientifici attribuiscono a latte e latticini la concausa di diversi disturbi), se vi piace molto, vi consigliamo di mangiarla, ma di tanto in tanto, senza che diventi un cibo quotidiano.

A pochi giorni dall’Expo “sparare” contro un cibo italiano non è certo una mossa etica. Le ripercussioni a livello economico di una tale campagna pubblicitaria sono imprevedibili, ma certamente non positive. La carne dell’hamburger  (in generale, ma soprattutto se proveniente da allevamenti intensivi, come nella quasi totalità dei casi) non è un alimento sostenibile né salutare. I prodotti che vengono ad esso abbinati (patatine e bibita gassata e zuccherata) sono le principali cause di obesità e diabete.

Nutrire il pianeta con il cibo dei Fast Food ? qualcosa non torna…

Voi cosa ne pensate?

Claudio Monteverdi

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.