Eritema solare: cos’è, rimedi naturali, cosa non fare

eritema solare, scottatura, scottarsi al sole, eritema, cura dell'eritema solare

Eritema solare, un rischio in agguato per molte persone, soprattutto d’estate. Ma quando ci capita di doverlo curare ci assalgono mille dubbi. Cosa fare? Cosa non fare? Quali rimedi naturali utilizzare?

Cos’è l’eritema sola

L’eritema solare è una scottatura, o ustione, provocata da un’eccessiva esposizione al sole e ai raggi UV (ultravioletti), specie se la pelle non è stata protetta adeguatamente con un filtro solare.

Oltre all’arrossamento delle parti di cute che sono state esposte al sole, gli altri sintomi dell’eritema sono evidenti e compaiono, in genere qualche ora dopo l’esposizione al sole. Nel linguaggio comune si usa la parola “scottatura”, ma, in realtà, spesso si tratta di una vera e propria ustione di primo o secondo grado. Le forme in cui si manifesta possono essere diverse, ma tutte abbastanza fastidiose o dolorose.

Questo tipo di eritema, in genere provoca, in alcuni casi, delle vescicole, delle bolle e/o delle papule sulla cute, causa a loro volta di un gran prurito, poi una sensibilità della cute al tatto molto aumentata che può trasformarsi anche in dolore, una secchezza della pelle con principi di esfoliazione.

I sintomi

L’eritema solare è, dunque, una reazione più grave della semplice scottatura. I principali sintomi che si manifestano sono i seguenti, impossibile non notarli:

  • evidente arrossamento della pelle
  • prurito
  • vescicole, bolle, papule
  • estrema sensibilità della cute al tatto
  • dolore
  • secchezza cutanea, o xerosi
  • esfoliazione.

Da che cosa dipende l’eritema solare?

L’eritema solare è, quindi, causato da un eccesso di raggi ultravioletti, ma non solo. La gravità dell’eritema solare e la probabilità di esserne vittime dipendono da diversi fattori sia soggettivi che oggettivi. Da una parte il fototipo della pelle della persona, la sensibilità individuale, dall’altra la quantità di raggi ultravioletti assorbiti (UV)

Cos’è il fototipo?

​Il fototipo è la classificazione dermatologica determinata per le diverse tipologie di persone in funzione della quantità di melanina presente nella pelle.

I diversi fototipi sono 6 e sono contraddistinti da una scala numerica da 1 a 6. La classe di individui di fototipo 1 ha la pelle bianca (lattea) e molto chiara, passando per le diverse gradazioni si arriva al fototipo 6 che comprende gli individui con la pelle scura (nera).

A parità di durata dell’esposizione al sole e di quantità di raggi UV assorbita la reazione cutanea per i 2 fototipi sarà differente: è facile comprendere che la persona di fototipo 1 è più esposta al rischio eritema. Ciò non deve indurre a pensare che i fototipi più scuri non siano esposti al rischio e che non debbano preparare la pelle adeguatamente prima di esporsi al sole per l’abbronzatura. Sicuramente hanno una minor sensibilità ai raggi UV.

In quanto tempo guarisce l’eritema solare

Nonostante la gravità questo disturbo può guarire spontaneamente in 4 o 5 giorni, durante i quali bisogna evitare di prendere il sole. Tuttavia, sarà quasi sempre necessario ricorrere a dei rimedi per alleviare i fastidi o i dolori.

Inoltre, se avete l’eritema solare in questo momento, o se ne siete stati colpiti in passato, dovete sapere che se ripetuto nel tempo, l’eritema aumenta il rischio di macchie cutanee, tumore della pelle (melanoma) e foto invecchiamento, che si manifesta con rughe e secchezza generale della pelle causate dall’invecchiamento precoce della cute troppo esposta al sole.

Cosa fare? I rimedi contro l’eritema solare

Rimedi naturali da applicare sulla pelle

  • Yogurt bianco
  • Cetriolo a fette
  • Impacchi a base di camomilla
  • Aloe vera in gel
  • Crema alla calendula

Altri rimedi utili

  • Immergere la parte ustionata in acqua corrente fredda. Se la zona coinvolta è estesa, fare una doccia fredda
  • Applicare del ghiaccio sulla zona interessata (crioterapia). In questo caso è consigliabile avvolgere la borsa del ghiaccio in un panno di cotone che andrà a contatto con la pelle.
  • Applicare panni inumiditi con acqua fredda sulle zone interessate, da sostituire qualora la sensazione di bruciore doloroso dovesse farsi avvertire nuovamente.
  • Idratare la pelle arrossata con una crema, un latte o un gel specifiche.
  • Un altro rimedio, anche se temporaneo, consiste nell’areare la pelle arrossata con l’utilizzo di un ventilatore.

Alcuni consigli

Può essere utile raffreddare il rimedio prescelto in frigorifero prima di applicarlo: vi darà maggior sollievo.

Se i rimedi naturali non danno l’atteso sollievo e l’eritema causa un dolore persistente può essere necessario assumere un antidolorifico, per questo chiedere consiglio al farmacista oppure a un medico. Se l’eritema solare è particolarmente esteso potrebbe innescare processi infiammatori più gravi, anche in questo caso è necessario rivolgersi ad un medico.

L’importanza dell’idratazione

Bevete molto. Per prevenire la disidratazione è importante bere molti liquidi:  acqua, infusi o tisane fredde, oppure succhi estratti di frutta e verdura.

Alimentazione adeguata

Privilegiate frutta e verdura di stagione. In particolare, un’alimentazione ricca di alimenti con beta carotene e vitamina E (potente antiossidante). Questi micronutrienti aiutano a rigenerare la pelle e stimolano la produzione di melanina. Per il betacarotene scegliete vegetali rossi e arancioni come albicocche, melone, carote, pomodori, preziosi anche per favorire l’abbronzatura. La vitamina E è un antiossidante presente in tantissima frutta e verdura. Ne sono ricchi spinaci e altre verdure a foglia, asparagi, frutti di bosco, mandorle, olio di germe di grano, avocado, legumi in genere.

Cosa non fare

Se volete guarire in un tempo ragionevole, 4-5 giorni, oltre a prendervi cura dell’eritema solare con i rimedi naturali a voi più congeniali, ci sono anche alcune cosa da non fare assolutamente. Vi consiglio di prenderne nota per evitare di rovinarvi la vacanza, oppure il rientro a casa.

Ecco la lista delle cose da evitare assolutamente nei giorni successivi alla comparsa dell’eritema solare

  • Esporsi al sole. Quasi scontato dirlo: l’esposizione al sole va immediatamente interrotta fino a che l’eritema non sarà guarito del tutto.
  • Sottoporsi a sedute abbronzanti artificiali con lampade (anche qui, ça va sans dire).
  • Il prurito può essere fastidioso ma è importante resistere per non peggiorare l’infiammazione, soprattutto se sono presenti delle bolle.
  • Rompere bolle e vescicole: la fuoriuscita del liquido e l’esposizione dello strato sottostante della cute aumentano i rischi d’infezione. Rischio di allungamento dei tempi di guarigione
  • Asciugare la pelle con panni di spugna ruvida. Meglio invece tamponare la pelle umida delicatamente con un panno morbido e soffice, di fibra naturale.
  • Peeling e scrub della pelle (difficilmente vi verrà in mente, ma…meglio ricordarlo!)

E dopo? Cosa fare quando l’eritema solare è passato

  • Esporsi nuovamente al sole gradualmente, evitando le ore centrali della giornata
  • Proteggersi sempre e adeguatamente.

I possibili rischi di eritemi solari ripetuti o trascurati

Abbiamo detto che i problemi causati dall’eritema solare dipendono sua dalla quantità di raggio UV assorbiti, sia dal fototipo individuale. Tuttavia, è importante tenere presente che se ci si espone frequentemente al sole in modo eccessivo e senza le giuste protezioni, aumenta il rischio delle conseguenze. Le conseguenze possono essere anche gravi:

  • macchie sulla pelle permanenti
  • cheratosi attinica o cheratosi solare, una lesione della cute che può evolvere anche in forme cancerogene
  • fotoinvecchiamento, che provoca la formazione di rughe e la perdita del tono cutaneo e della elasticità della cute
  • melanomi (tumori della pelle).

Prevenzione

A questo punto è chiaro anche cosa fare per prevenire l’eritema solare, ora sapete tutto:

  • Esporsi gradualmente al sole, verificando di volta in volta come reagisce la propria pelle
  • Proteggersi sempre con una crema con un fattore di protezione adatto al nostro fototipo
  • Curare l’alimentazione
  • Idratare l’organismo bevendo adeguatamente
  • Idratare sempre la pelle
Crema Solare Viso e Corpo Spf 25 - Nature's (I Solari)Crema Solare Viso e Corpo Spf 25 – Nature’s (I Solari)
Melanina vegetale e Latte di Albicocca.Compralo su il Giardino dei Libri
Betacarotene 10.000 - AntiossidanteBetacarotene 10.000 – Antiossidante
Integratore alimentare a base di betacaroteneCompralo su il Giardino dei Libri
© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.