Elemento Metallo in Medicina Tradizionale Cinese

metallo, elemento metallo, cinque elementi, 5 elementi, medicina tradizionale cinese, metal

Elemento Metallo: iniziamo da qui il viaggio nei 5 elementi della Medicina Tradizionale Cinese.

L’autunno apre le porte all’elemento Metallo ed esattamente come questa stagione insegna in natura a finire i raccolti e non disperdere le energie, così è bene si faccia anche con il nostro corpo: passiamo da un’energia yang tipica della stagione estiva, ad una energia yin tipica dell’inverno. Vi ricordo che per la legge di creazione (Sheng) il metallo è stato generato dalla terra ma genera l’acqua quindi squilibri di questo elemento porteranno a ristagni come cellulite, catarro e muco. Il clima di questo periodo è secco quindi i disturbi a cui possiamo andare incontro sono tosse e gola secca.

Cosa accade secondo la Medicina Tradizionale Cinese

STAGIONE          autunno

Annuncio pubblicitario

CLIMA                  secco

ORGANI              polmone (yin) intestino crasso (yang)

EMOZIONE         malinconia/tristezza

SAPORE               piccante

COLORE               bianco

Sheng: il metallo è generato dalla terra e genera l’acqua

Ko: il metallo controlla il legno ed è controllato dal fuoco

L’elemento metallo e il lasciar andare

Le azioni collegate a questo elemento sono la raccolta e messa in riserva: la capacità di introdurre cibo e aria, di assimilare e di utilizzare l’energia e poi espellere ciò che non è necessario. L’energia Metallo perde equilibrio in caso di stipsi quindi quando ci sono disturbi all’intestino crasso, quando tratteniamo il dolore, sia fisico che emotivo e quando viviamo nel passato, l’abuso di fumo e l’eccesso di solitudine.

La parola d’ordine per il benessere e l’equilibrio del Metallo è “lasciar andare”: lasciare andare il passato, lasciare andare le emozioni negative, lasciare andare la rigidità.

L’emozione di questo elemento è tristezza, il pianto,  con la capacità di interiorizzare, mentre la patologia collegata è la depressione.

I disturbi legati all’elemento metallo

Le malattie più frequenti collegate ad un metallo debole sono asma, allergie e dermatiti. Un soggetto con un elemento Metallo carente sarà pallido, lento e con poca voglia di fare, tendenzialmente depresso, con un sistema immunitario deficitario. In questa stagione dove sarà soggetto a raffreddori, influenza e bronchiti (polmone) e che tenderà ad isolarsi per evitare il contatto sia fisico (pelle) che emotivo (aria/relazioni).

Per la relazione nonno/nipote un metallo debole inibirà il legno con conseguente incapacità di portare avanti i progetti. Le attività che portano beneficio sono la pulizia di soffitte e cantine per evitare l’accumulazione e la raccolta differenziata che ci rimanda al processo alchemico di separazione del puro dall’impuro. Il fiore di Bach collegato è Crab Apple il depuratore per eccellenza.

Alimentazione e altre curiosità

Per quanto riguarda l’alimentazione in caso di squilibrio è bene evitare i latticini, i dolci, le farine, il caffè, il fumo, i fritti, gli alcolici, l’abuso di spezie e prediligere semi oleosi, miele, miglio, fiocchi d’avena, senape, cipolla, porro, cavoli, verze, mandorle, tè verde.

Un film che rappresenta molto bene l’energia metallo è “Moulin Rouge” di Baz Luhrmann. Lo scambio che avviene con il collettivo tramite la respirazione – inspiro porto dentro il collettivo, espiro porto fuori me – è meravigliosamente rappresentato dalla frase Amare e lasciarsi amare, il tema portante del film è questo e viene ripetuto continuamente “la cosa migliore che puoi fare è amare e lasciarti amare”. Ma non solo, è una storia di grande sofferenza-polmone e di incapacità di lasciare andare-intestino crasso.

In erboristeria si trovano preparati fitoterapici specifici per ogni elemento ma il consiglio è sempre quello di rivolgersi ad un professionista in grado di verificare il reale stato delle cose.

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.