Elemento Legno in Medicina Tradizionale Cinese

elemento legno, medicina tradizionale cinese,

L’elemento Legno in Medicina Tradizionale Cinese è l’elemento della novità, dell’inizio. La freschezza con cui si intraprende, pieni di speranza, qualcosa di nuovo, è la freschezza del Legno. Corrisponde alla primavera, la stagione della nascita e coincide con il tempo adatto per assorbire energia, il Qi vitale, per crescere e per rinascere. Il legno è la messa in moto, ritma tutte le possibili partenze e ripartenze dell’uomo a qualsiasi livello: fisiologico, psicologico ed energetico.

Gli inizi quotidiani

Se riscontriamo difficoltà per qualunque tipo di inizio: la giornata, lo studio, la digestione, i rapporti sessuali, il riposo, l’apprendimento, dobbiamo concentrarci su questo elemento e sugli organi ad esso collegati. L’elemento Legno incorpora l’aspirazione intima dell’uomo verso il continuo sviluppo personale, psichico e spirituale. Questa aspirazione è molto forte e continua a manifestarsi per tutta la vita. Se tale evoluzione viene bloccata, subentra la collera che potrà, in determinate situazioni, sprigionare tutto il potenziale accumulato in un’esplosione distruttiva.

Annuncio pubblicitario

I significati dell’elemento legno

È il tempo della crescita tumultuosa, il periodo in cui il giovane si esprime senza limitazioni. I bambini vogliono espandersi fisicamente, psichicamente ed energeticamente in ogni direzione.
L’organo di senso è l’occhio e il senso è, ovviamente, la vista. È facile intuire l’accostamento del senso della vista con il Legno dopo aver detto che una delle capacità di questo elemento è il guardare avanti, al futuro. È l’elemento degli adolescenti: compito dei genitori è sostenere il talento dei loro figli.

Cosa accade secondo la medicina tradizionale cinese

  • Stagione: primavera
  • Clima: vento
  • Organi: fegato (yin) vescica biliare (yang)
  • Emozione: rabbia
  • Colore: verde

Il legno e gli altri elementi

L’elemento Legno è una forza Yang giovane e fresca che conferisce alla forza tranquilla dell’Acqua (la madre del Legno) espressione e movimento.
La condizione del legno ha effetto immediato sul Fuoco (figlio del Legno). La Terra è controllata dal Legno, una circostanza che ha notevole importanza pratica e che ai giorni nostri rappresenta la causa prima di molti problemi di stomaco e di digestione.

Peculiarità e perdita di equilibrio energetico

Tra le peculiarità di questo elemento troviamo la pazienza, l’indulgenza, la flessibilità, l’efficacia e la creatività anche in circostanze difficili. Il soggetto ha una visione chiara del futuro e capacità organizzative idonee a trasformare in realtà questi progetti. I soggetti Legno sono persone creative, hanno un corpo flessibile e la capacità di allungarsi ma anche la mente flessibile senza pregiudizi aperta alle nuove idee, sanno prendere decisioni e affrontano con determinazione i periodi di crisi.

Come già detto l’emozione collegata è la collera, che subentra quando un controllo troppo stretto sul corpo o sull’ambiente turba la natura libera dell’energia legno. La sua manifestazione più palese è il tino di voce molto alto. Altri fattori che portano in squilibrio energetico questo elemento sono le abitudini smodate (abusare di alcool e cibi grassi), lo scarso movimento (essere costretti a lavori sedentari, non fare attività fisica), la repressione delle emozioni forti (se non sbottano si infiammano) e lo stress (non riconoscere i segnali del proprio corpo e non avere la capacità di delegare per alleggerire il proprio carico).

Disturbi collegati all’elemento Legno

Quando l’elemento legno è disturbato, possono sorgere sensazioni di blocco emotivo e di chiusura, che si manifestano come irrigidimento a livello del diaframma, della zona pettorale e della gola. Il disturbo può anche causare manifestazioni fisiche di mancanza di equilibrio e di stabilità, oppure confusione e incapacità di mettere radici proprie. Questo elemento se non viene alimentato sufficientemente e riceve poca luce del sole, perde vitalità con conseguenti problemi alla spina dorsale, alle articolazioni, agli arti e difficoltà nei movimenti.

Legate a questo elemento sono le problematiche di fegato e vescica biliare, cuoio capelluto, muscoli, tendini, occhi e unghie.

Alimentazione e rimedi naturali

Il sapore acido rinfresca e armonizza il Legno. Predilezione e inclinazione per i cibi acidi sono espressione delle forze di autoregolazione dell’organismo.

Per quanto riguarda i Fiori di Bach i rimedi per il meridiano di fegato sono Oak, Olive e Impatiens mentre per il fegato organo useremo Crab Apple per la depurazione e Beech per l’emozione rabbia/collera; per il meridiano di vescica biliare i fiori sono Rock Water e Sclerantus mentre per vescica biliare organo Holly. Come piante abbiamo il tarassaco o la cicoria e il carciofo che potrete trovare come fitoestratti oppure in forma di tisana. (Ricordo sempre il NO al fai dai te! È necessario rivolgersi a personale competente). In ogni caso la parola d’ordine di questo elemento e di questa stagione è detox.

Ti può interessare anche:“Elemento Metallo in Medicina Tradizionale Cinese”

Ti può interessare anche:“I 5 Elementi della Medicina Tradizionale Cinese”

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.
Articolo precedenteCartamo: olio e fiori preziosi per la salute
Articolo successivoCalcoli renali: sintomi, rimedi naturali e psicosomatica
Maria Vittoria Piras
Diplomata in Naturopatia c/o Istituto RIZA di Medicina Psicosomatica, Master di specializzazione in Floriterapia, Erboristeria, Kinesiologia applicata e Cristalloterapia. Operatore Certificato Theta Healing. Socio FINR (Federazione Italiana Naturopati RIZA). Si occupa di Benessere di adulti e bambini, di riequilibrio psico-fisico ed educazione alla mindfullness. Da sempre appassionata di natura e particolarmente attenta allo stile di vita volto al benessere anno dopo anno ha perfezionato i suoi studi conseguendo primo fra tutti il master in Erboristeria per conoscere tutto ciò che la natura ci ha messo a disposizione. Il passo successivo è stato il master in Floriterapia per fare suoi tutti i segreti meravigliosi nascosti non solo nelle essenze scoperte da Bach , ma anche nelle essenze Australiane, Californiane ed Himalayane. Il master in Kinesiologia Applicata è stato la chiave di volta che le ha dato gli strumenti necessari per mettere a punto tutto ciò che fino a quel momento aveva imparato, dalla Medicina Tradizionale Cinese alla Floriterapia. Infine, ma è certa che non sarà l’ultimo, il master in cristalloterapia e la meravigliosa energia delle pietre. Crede che ognuno di noi possa vivere in modo meraviglioso. Riceve nel suo studio a Verona dove si occupa del Benessere di bambini ed adolescenti, donne e uomini, anziani. Riceve a Verona in Via del Pontiere 12/a

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.