Echinacea: proprietà e benefici per tosse, raffreddore, mal di gola

echinacea, antinfiammatorio, insfluenza
Foto di Matthias Böckel by Pixabay
disclaimer, avvertenze, rivolgersi al proprio medico,
disclaimer, avvertenze, rivolgersi al proprio medico,
disclaimer, avvertenze, rivolgersi al proprio medico,
disclaimer, avvertenze, rivolgersi al proprio medico,

L’echinacea è una pianta molto apprezzata in fitoterapia e non solo, che può aiutarci a sostenere le nostre difese immunitarie.

Quando ci capita di essere colpiti da uno dei comuni malanni di stagione come tosse, raffreddore e mal di gola è molto probabile che le nostre difese immunitarie siano basse, ovvero il nostro sistema immunitario ha aperto le porte a virus e batteri.

Un sistema immunitario ben funzionante ci permette di combattere le malattie, inoltre contribuisce a contrastare, quando mantenuto in efficienza, le insidie degli agenti patogeni e gli effetti dell’invecchiamento.

Dunque, la domanda interessante è

che fare per rinforzare il nostro sistema immunitario e mantenerlo efficiente?

Echinacea, un aiuto dalla natura per il nostro sistema immunitario

Premesso che ogni stato di malattia, secondo la visione psicosomatica, ci comunica che qualcosa nel nostro stile di vita non sta funzionando, oltre a fare prevenzione è possibile intervenire anche a seguito della manifestazione del malessere ottenendo un supporto da alcuni rimedi della natura.

Non si tratta di farmaci ma di rimedi naturali che possono sostenerci nei momenti di difficoltà, per i quali è comunque importante chiedere consiglio a un medico proprio per la loro adeguatezza e la loro efficacia in relazione alla nostra situazione personale.

Tra i rimedi naturali più indicati, in particolare per le malattie da raffreddamento, una particolare attenzione va data all’Echinacea (Echinacea angustifolia). Questa pianta, nota agli erboristi per le sue caratteristiche definite impropriamente antibiotiche, è considerato un medicamento efficace anche per malattie di origine infettiva, allergica e autoimmune.

La pianta

Si tratta di una pianta dal caratteristico fiore rosa intenso, riconosciuta anche dal ministero della salute come in grado di sostenere le naturali difese dell’organismo. Il suo uso, con il nome di rudbeckia, risale già agli Indiani dell’America del Nord, che ne traevano benefici per molte delle sue proprietà, tra cui:

  • analgesiche,
  • immunostimolanti,
  • antinfiammatorie,
  • antitossiche,
  • cicatrizzanti,
  • antispastiche,
  • decongestionanti a livello ghiandolare.

Nel XIX secolo anche i coloni conobbero e utilizzarono l’Echinacea.

Un gruppo di medici che si definivano eclettici registrarono il sapere curativo esistente e inserirono anche l’Echinacea all’interno dei rimedi terapeutici riconosciuti.

Proprio per questo motivo già nel 1850 l’Echinacea conobbe un grande successo tra i farmaci. Con l’avvento degli antibiotici venne via via messa da parte e dimenticata dai più. Ora siamo supportati da studi scientifici che ne confermano le sue proprietà salutari e curative.

Proprietà e benefici dell’Echinacea

L’attività principale dell’Echinacea riconosciuta è quella di stimolare il sistema immunitario.

Nel libro Echinacea, la straordinaria pianta che cura le infezioni, le malattie respiratorie e i più comuni disturbi, che mi ha ispirato questo articolo, c’è una descrizione molto chiara di come l’Echinacea apporti benefici a tutto il nostro organismo:

“Questa preziosa pianta contiene principi attivi in grado di fornire informazioni al sistema immunitario perché possa reagire correttamente verso molti agenti patogeni, batterici e virali e riconosca al tempo stesso tutto ciò che non arreca danno, così da non scatenare reazioni contro agenti innocui e tessuti dell’organismo stesso”

Principi attivi e principali azioni

Il fitocomplesso contenuto nell’Echinacea, composto dal suo olio essenziale e da altre sostanze come l’echinasoide, l’echinacina, flavonoidi, polisaccaridi, acido caffeico e alcaloidi, la rende preziosa per diverse azioni:

  • rinforzare le naturali difese immunitarie prevenendo i disturbi stagionali (protegge da virus e batteri ed ha effetto immunostimolante)
  • sostenere la funzionalità delle prime vie respiratorie anche in caso di raffreddamento o tosse;
  • agevolare la funzionalità delle basse vie urinarie.
  • svolgere un’azione antinfiammatoria

Le sue proprietà curative e preventive derivano da un’azione sinergica delle varie molecole in essa contenute, ognuna delle quali ha un’azione specifica amplificata dalle altre (fonte Riza.it).

Altre applicazioni

Nel libro dedicato all’Echinacea (di cui potete trovare altri dettagli a questo link), trovate un’ampia lista di applicazioni corredate di indicazioni d’uso. Eccone alcune:

  • affezioni biliari,
  • ascessi e foruncoli,
  • asma,
  • bronchite,
  • dermatosi squamosa,
  • diarrea,
  • emorroidi,
  • febbre,
  • stati influenzali,
  • infezioni alle vie urinarie,
  • labbra screpolate,
  • laringite,
  • malattie articolari, tendinee e muscolari,
  • mal di gola,
  • mani screpolate,
  • micosi,
  • psoriasi,
  • raffreddore da fieno,
  • sciatica e colpo della strega,
  • tosse,
  • vene varicose.

Echinacea come assumerla

L’Echinacea è facilmente reperibile in varie preparazioni:

  • tintura madre,
  • estratti alcoolici,
  • estratto secco in polvere dalla radice (in capsule),
  • estratto secco per la preparazione di tisane
  • succo di parti aeree.

Seguite la posologia e la modalità di somministrazione indicati sulle confezioni, tuttavia consiglio sempre di confrontarsi con un medico, un farmacista o un erborista esperto.

Ekinflu - Integratore Spagyrico di Echinacea
Stimola le naturali difese dell’organismo
Ecosol – Forza Vitale

Avvertenze e controindicazioni

Generalmente, le preparazioni in pastiglie o in capsule sono ben tollerate.

Attenzione però alle allergie: l’Echinacea può provocare, come tutte le piante, reazioni allergiche. In particolare, per i soggetti allergici al polline delle Composite (o Asteraceae) esiste un rischio reale. Per questo motivo è consigliabile che questi individui si rivolgano al proprio medico che, eventualmente, potra prescrivere un apposito test. L’echinacea è, inoltre, sconsigliata a chi soffre di malattie autoimmuni o sta assumendo farmaci immunosoppressori. Dosi elevate in alcuni casi possono causare nausea e vertigini.

Fonti e studi scientifici

Echinabiocitrus - Semi di Pompelmo ed Echinacea
Estratto alcolico di Semi di Pompelmo ed Echinacea
Remedia Erbe
© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.