Dolore alla caviglia: significato psicosomatico, cause, sintomi

dolore alla caviglia, caviglia, male alla caviglia, articolazioni, tendinite

Dolore alla caviglia, un problema abbastanza diffuso. Cerchiamo di sapere cosa può significare questo problema delle articolazioni e come affrontarlo con il supporto dei rimedi naturali.

Caviglia: in psicosomatica cosa rappresenta?

Le articolazioni sono zone di grande scambio cinetico di diversa natura: muscolare, ossea, connettiva e nervosa. Le specificità sono molteplici, a volte coinvolgono più parti, a volte si originano in tempi lontani…

Gli arti inferiori in psicosomatica rappresentano il mezzo per andare avanti, la nostra indipendenza, ma anche il nostro spazio relazionale da percorrere. La caviglia, in particolare, rappresenta la decisione di come, quando e dove muoverci o non muoverci. È sede di stabilità, elasticità, rigidità.

Articolazioni in MTC e ristagni energetici

In Medicina Tradizionale Cinese le articolazioni e i tendini sono governati dall’energia del fegato, considerato il “Ministro della guerra”, deputato a decisioni coraggiose e a prese di posizione.

Infatti, quando le nostre articolazioni, soprattutto polsi, caviglie e ginocchia sono dolenti, potrebbero esserci ristagni energetici di fegato su cui lavorare.

Fisiologia della caviglia

La caviglia è un’articolazione complessa che permette la rotazione del piede e rappresenta la flessibilità rispetto ad una direzione o ad un orientamento.

Essa collega la gamba al piede e coinvolge tre distretti ossei: perone, tibia, astragalo, convergenti nella capsula articolare che grazie al liquido sinoviale consente i movimenti senza attriti e traumi.

Lateralmente alla caviglia ci sono i legamenti interni ed esterni e attorno ci sono i tendini che svolgono la funzione di unire i muscoli della gamba al piede.

A completare la fisiologia della caviglia ci sono due borse sierose che contengono il liquido sinoviale.

Dolori alle caviglie in psicosomatica

Le ferite alle caviglie indicano un senso di colpa rispetto ad un orientamento che si è assunto.

Negarsi il diritto di provare piacere

Se ci si ferisce giocando probabilmente ci si nega il diritto a provare piacere, magari perché a suo tempo si erano visti i propri genitori mai concedersi un attimo di tempo per svago. Quindi ci si chiede se si prova colpa per non aver seguito l’esempio genitoriale, oppure si prova un senso di inferiorità verso qualcuno a cui ci si rapporta.

Sentirsi bloccati o scoraggiati o…

Dolori alle caviglie sono legati spesso alla sensazione di sentirsi bloccati, trattenuti o scoraggiati nell’avanzare verso una direzione a cui si tiene molto.

Si può avere l’impressione che altri ci mettano i bastoni tra le ruote o che vogliano imporci una direzione da seguire. A meno che non siamo noi stessi ad aver paura di avanzare verso una nuova direzione o che ci svalutiamo nella direzione che abbiamo preso.

Distorsione alla caviglia e problemi ai legamenti

La distorsione alla caviglia è una lesione traumatica dell’articolazione provocata un movimento violento o da uno stiramento di legamenti, talvolta anche con loro rottura. I legamenti rappresentano i legami, ciò che ci trattiene. In un bambino rappresenta il suo bisogno di trattenere il godimento della compagnia di amici, si sente colpevole di divertirsi perché infrange un divieto genitoriale.

Nell’adulto, rappresenta il sentirsi trattenuti da diversi impegni, mentre si avrebbe voluto del tempo per se stessi. Rappresenta il sentirsi trattenuti nell’andare verso le scelte del proprio cuore. Le distorsioni continue rappresentano il cercare di liberarsi da scelte fatte o decisioni prese dai genitori al posto nostro.

Edema

L’edema alla caviglia rappresenta il sentirsi limitati nell’andare avanti sulla propria strada, il sentirsi limitati nell’avanzare in direzione aspirata e desiderata.

Le cause del dolore alla caviglia

La causa più comune del dolore è la distorsione alla caviglia: la maggior parte sono distorsioni laterali che si verificano quando il piede poggia male e di conseguenza il peso del corpo è sbilanciato.

La torsione estende i legamenti, lesionandoli, e le ossa della gamba e del piede perdono contatto. Normalmente appare il gonfiore alla caviglia e, talvolta, anche il livido. Gonfiore e livido possono durare anche due settimane. Ovviamente, le caviglie slogate sono più deboli e più a rischio per altre distorsioni.

La lesione ai legamenti avviene per un trauma, una caduta o un movimento innaturale, la tendinite può essere provocata da una postura errata protratta nel tempo, la borsite è un’infiammazione della borsa sierosa del tendine di Achille provocata da carichi di lavoro ripetuti, tipici di chi pratica il calcio o la corsa, la frattura provoca dolore intenso con gonfiore, ematoma, e deformazione da riallineare.

Rimedi naturali

Per il trattamento immediato in casa di dolore alla caviglia si consigliano:

  • riposo,
  • ghiaccio,
  • compressione ed elevazione.

Riposo

Riposare il più possibile ed eventualmente non caricare la caviglia interessata, ma usare le stampelle

Ghiaccio

Una sacca va tenuta 15-20 minuti per tre-quattro volte al dì dall’inizio del dolore. Il gonfiore è ridotto e il dolore attenuato.

Compressione

Avvolgere la caviglia con una benda elastica non troppo stretta.

Elevazione

Tenere la caviglia sollevata su una pila di cuscini o altri supporti.

Antidolorifici e antinfiammatori

Da assumere sotto il controllo medico.

Curiosità: dolore alla caviglia e artrite

Se il dolore alla caviglia è risultato di un’artrite, la guarigione totale non sarà possibile e nemmeno l’eliminazione del dolore.

La sintomatologia può essere così gestita dietro parere medico:

  • assumere farmaci antinfiammatori non steroidei per ridurre il dolore, l’infiammazione, il gonfiore,
  • fare regolare attività fisica senza sforzare troppo,
  • fare allungamenti per mantenere una buona gamma di movimenti articolari,
  • seguire una sana alimentazione,

in caso di sovrappeso o obesità impegnarsi in una dieta, fare interventi terapeutici mirati e consigliati dal medico.

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.