Dien Chan: a cosa serve la Multi Riflessologia Facciale Vietnamita

Dien Chan, multi riflessologia facciale, riflessologia facciale, riflessologia del viso, dien chan

Dien Chan: cos’è

Il Dien Chan è un originale metodo vietnamita, denominato anche Multi riflessologia facciale perché consiste nello stimolare i punti riflessi, sia sul viso che sul corpo, agendo sull’intero organismo, per il benessere globale della persona. Rientra nelle terapie di medicina olistica naturale.

Straordinario metodo naturale che permette alla persona di recuperare e mantenere l’equilibrio dell’organismo, attraverso la stimolazione di punti sul viso e sul corpo che riflettono parti corrispondenti.

Annuncio pubblicitario

La tecnica del Dien Chan nasce in Vietnam, inventata dal Prof. Dr. Bui Quoc Chau, medico agopuntore e autore di numerose pubblicazioni in riviste specializzate e internazionali. È una disciplina olistica diffusa in 35 Paesi nel mondo, ma non ancora ampiamente conosciuta in Italia.

Multi Riflessologia Facciale Vietnamita

La Multi riflessologia facciale parte dal presupposto che sul nostro volto siano riflessi tutti i nostri organi, così come il nostro sistema scheletrico. Ogni parte del corpo riflette l’insieme dell’organismo, ad ogni organo corrisponde un punto riflesso in una specifica parte del viso. Su questo principio si basa la medicina orientale, in un’ottica quindi di visione olistica dell’essere umano.

Lo straordinario metodo del Professore si avvale di una moltitudine di mappe, dette anche schemi di riflesso, che sono il frutto di ricerche, scoperte e applicazioni pratiche convalidate per oltre trentanni in diverse parti del mondo.

La guarigione vera non può essere che olistica, cioè della persona nella sua totalità. Impariamo fin d’ora a prenderci cura del nostro corpo nel suo insieme, e non consideriamo soltanto le parti indebolite: i buoni risultati non si faranno attendere!

Tratto dal volume Dien Chan del dr. Bui Quoc Chau

Multiriflessologia Facciale Dien Chan
Bùi Quôc Châu
Multiriflessologia Facciale Dien Chan
La medicina della semplicità
Hermes Edizioni

A cosa serve il Dien Chan? La stimolazione dei punti riflessi

La tecnica che si basa sulla stimolazione di punti riflessi su viso e corpo, i quali, a loro volta, generano uno stimolo risposta in una determinata area riflessa del corpo, è usata attraverso diversi protocolli per portare sollievo a dolori specifici.

Il viso è, infatti, lo specchio di tutti i dolori. La sua stimolazione rilassa il sistema nervoso e permette alle energie di fluire liberamente, portando benessere all’intero organismo. Inoltre, agisce sulla regolazione della circolazione sanguigna, del sistema linfatico, del riequilibrio degli organi interni e rafforza di conseguenza il sistema immunitario. Metodo efficace, semplice e senza alcuna controindicazione.

Quali disturbi trattare con il Dien Cham

I disturbi che si possono trattare con in Dien Chan sono molteplici. I principali e più comuni riscontrati nelle persone sono:

Inoltre, ci sono protocolli specifici per il rilassamento, per il sistema linfatico, per problemi alla vista o per osteoporosi, così come per infiammazioni di vario genere e obesità.

Una tecnica di prevenzione e senza controindicazioni

L’utilizzo primario che se ne fa in Occidente è di prevenzione e riequilibrio energetico. Anche se spesso per problematiche più comuni e non gravi, la multi riflessologia facciale risulta essere risolutiva, per patologie importanti può tranquillamente essere affiancata e di supporto alle terapie mediche tradizionali, senza controindicazione alcuna.

Il beneficio è riscontrabile anche sui segni dell’invecchiamento poiché grazie alla micro stimolazione effettuata, la pelle ritrova più elasticità e i segni dell’età si possono attenuare.

Come si pratica il Dien Chan?

La tecnica si pratica usando degli strumenti specifici, ma in caso di emergenza anche usando il retro di una penna con punta arrotondata o semplicemente le nocche delle dita.

Si agisce con dei piccoli, micro-movimenti su determinati punti per riequilibrare l’organo o l’apparato corrispondente e ripristinare, così, il corretto flusso energetico nel corpo.

Dien Chan e agopuntura

L’agopuntura, tecnica praticata molto in Asia, risulta affine al Dien Chan; in quest’ultimo, però, non si usano aghi, ma strumenti specifici detti, appunto, cercapunti. Tra l’altro in Occidente gli aghi possono adoperarli solamente i medici, mentre il Dien Chan può essere praticato anche da un operatore olistico, ovviamente competente in materia.

Dien Chan,  Riflessologia Facciale

Come avviene la stimolazione

La stimolazione può essere eseguita facendo dei movimenti circolari e/o orizzontali e verticali. La pressione esercitata non deve essere esagerata, infatti il cliente non deve sentire assolutamente male, ma rilassarsi. D’altro canto, non deve essere troppo lieve per risultare efficace; quindi occorre moderare la pressione facendo riferimento alla soglia di sopportazione del dolore della persona in trattamento.

Esempio di trattamento di un disturbo cervicale

L’operatore stimola con movimenti verticali e orizzontali la fronte del suo cliente, proprio all’attaccatura dei capelli.  Insisterà sulla parte dx della fronte e ugualmente sulla parte sx, per un paio di minuti circa.

Si procede, poi, in mezzo alle sopracciglia, all’inizio del naso; se la zona stimolata si dovesse un po’ arrossare è del tutto normale.

Continuare per qualche minuto fintanto che il fastidio non si allevia.

Curiosità

Il Dien Chan dà molta libertà a chi lo pratica. Non c’è bisogno di un lettino o di essere sdraiati e il trattamento può durare anche soli pochi minuti. Chiunque apprenda in modo proficuo la tecnica nei suoi elementi basilari può procedere innanzitutto all’auto trattamento e successivamente quando è competente e sicuro del suo operato può procedere a lavorare sugli altri.

Ovvio che rivolgersi a professionisti del settore olistico con competenze assodate in materia è sempre molto più sicuro e consigliabile.

Nota conclusiva

Sottolineo, come già scritto in questo articolo, che il  Dien Chan è un metodo naturale per preservare la salute, non è una terapia medica.

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.
Articolo precedenteCosa farebbe adesso l’amore?
Articolo successivoCosmetici naturali ed eco-compatibili: perché scegliere i cosmetici green
Dr.ssa Federica Zanca
Laureata all’Università degli studi di Verona con una laurea magistrale in Pedagogia ad indirizzo filosofico-psicologico nel 1997. Vincitrice di concorso per la scuola dell’infanzia, primaria e per le scuola superiori è entrata di ruolo nel 1990 e ha insegnato con passione per 25 anni continuativi. Ad un certo punto della sua vita, a 39 anni per la precisione, decide di realizzare il suo sogno nel cassetto: diventare naturopata! Madre di 2 figli a quel tempo abbastanza autonomi anche se ancora bambini, si iscrive al triennio parauniversitario dell’Istituto Riza del Dott Morelli, diplomandosi a pieni voti nel 2012 e seguendo i master di specializzazione per i quali si sentiva portata, imparando così tecniche di terapie olistiche con le quali tutt’ora opera. Decide perciò di lasciare l’insegnamento per dedicarsi completamente ad un’altra professione completamente diversa anche se sempre di aiuto agli altri! Lavorare come Naturopata psicosomatico . Nel 2013 consegue il master di operatore del benessere con più di 1193 ore di corso. È stata in questi anni ed è tuttora assistente ai corsi del naturopata Luigi Dragonetti. Si interessa di medicina ; infatti segue i corsi del Dott Penzo sulla medicina del dottt. Hammer. Segue corsi di Igor Sibaldi su tematiche diverse che vanno dall’analisi della personalità all’angelologia. Ha seguito corsi sull’ipnosi regressiva con Manuela Pompas e Brian Weiss. Partecipa a sedute di costellazioni familiari a Mantova tenute dal Dott Silvestri. Tiene serate informative su benessere salute alimentazione e su tematiche altre riguardanti l’aspetto psicologico della persona( autostima, come rielaborare i traumi del passato…) Ha la sua pagina fb Dottssa e Naturopata psicosomatico Federica Zanca dove è possibile vedere gli articoli che scrive e le attività da lei promosse.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.