Di cosa abbiamo bisogno per essere felici?

0
1971
donna, medita, osserva il paesaggio

Dovremmo chiederci spesso “di cosa abbiamo bisogno per essere felici”. Una domanda che ci porta a riflettere sui nostri veri bisogni e su ciò che ci rende davvero felici.

Gli studiosi del mondo interiore hanno data per buona la piramide disegnata dallo psicologo statunitense Abraham Maslow anche se credo oggi sia necessario integrarla.

piramide maslow, piramide bisogni

Di cosa abbiamo bisogno? Impariamo ad ascoltarci…

Dopo aver provveduto alla tua sopravvivenza, bisogno che oggi per la maggior parte delle persone è più che soddisfatto, cosa senti di aver davvero bisogno? In quali aree della tua vita senti un vuoto, qualcosa che non è proprio come vorresti?

Sono domande che ci invitano a riflettere sulla nostra vita personale che è diversa da quella di tutte le altre persone.

C’è chi è nato in una famiglia agiata, chi in una famiglia povera, chi ha vissuto esperienze affettive dolorose, chi invece è cresciuto nell’amore.

L’area del lavoro

Il lavoro risponde al bisogno di sicurezza se non si è in una situazione di agiatezza economica, altrimenti si sposta nel bisogno di auto realizzazione.

Molte persone però nonostante un lavoro ben retribuito non si sentono felici e realizzate.

Talvolta cambiano le priorità ed alcuni bisogni diventano impellenti. Si trasformano così in desideri, desideri che ci portano ad esprimere i nostri talenti e ciò che ci piace fare. Se l’area del lavoro è per te più importante di tutto il resto, soddisfare il bisogno di realizzarti ti rende felice.

L’area dell’amore

L’amore e gli affetti rispondono al bisogno di appartenenza, di sentirsi parte di un gruppo, di una famiglia, di una coppia. È un bisogno che ci riguarda tutti da vicino poiché muove il sentimento più importante della vita. Anche in questo caso la nostra storia personale può indurci a metterlo al primo o al secondo posto. C’è chi sente questo bisogno fortissimo e chi meno.

Quali sono i bisogni che ci permettono di essere felici?

Forse la prima risposta d’istinto potrebbe essere “tutti”, in fondo nella vita siamo sempre alla ricerca di qualcosa in più.

La nostra evoluzione verso il materialismo ci ha spinti a nutrire e ampliare il bisogno del “qualcosa in più”.

Ma questi bisogni con cui ogni giorno entriamo in contatto non sono reali se ci ascoltiamo bene.

Davvero hai bisogno della casa più grande, della macchina più performante, di tutti quei soldi in più per essere felice?

Guardati attorno osserva e ascolta

Forse abbiamo bisogno di pace, quella vera, di rallentare i ritmi, di imparare a godere di ciò che la vita ci ha donato e ci ha dato la possibilità di imparare. Forse possiamo imparare a cogliere il bello in ciò che ci circonda. Forse possiamo ascoltarci profondamente e decidere noi cosa davvero ci rende felice. Può essere qualcosa di intimo, di piccolo, qualcosa che appartiene solo a noi e che ci contraddistingue da tutto il resto del mondo.

Ci sono realtà che tutti condividiamo, indipendentemente dalla nostra nazionalità, lingua o gusti individuali.

Così come abbiamo bisogno di cibo, così abbiamo bisogno di nutrimento affettivo: d’amore, di gentilezza, dell’apprezzamento e del sostegno degli altri.

Abbiamo bisogno di capire il nostro ambiente e il nostro rapporto con esso. Abbiamo bisogno di soddisfare certi appetiti interiori: il bisogno di felicità, della pace mentale e della saggezza.

Swami Kriyananda

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.