Essere artefice del proprio destino, una riflessione

2
1146
Uomo, destino, malattie, artefice del proprio destino

Soltanto l’individuo è artefice del proprio destino, soltanto lui ha la possibilità di forgiare la propria sorte fornendo contenuti di cui è disposto a raccogliere le forme.

L’uomo deve trovare, o meglio ritrovare il rapporto, il collegamento col proprio destino.

Gli eventi negativi acquistano una colorazione completamente diversa quando l’individuo impara ad interpretarli e a riconoscerli come risultato della propria condotta.

Thorwald Dethlefsen

Malattia e destino
Thorwald Dethlefsen
Edizioni Mediterranee

Voto medio su 22 recensioni: Da non perdere

 

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

2 Commenti

  1. Interpretare GLI EVENTI in generale come condotta personale, quindi anche quelli che non ci aspetteremmo. Bisogna sostituire il termine RISULTATI con FRUTTI innanzitutto, oltre a tante altre cose.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.