Come curare capelli secchi e sfibrati

capelli secchi, donna spaventata

Nel precedente articolo sulla cura dei capelli secchi, mi sono occupata di prendere in esame alcuni dei principali ingredienti che possiamo reperire facilmente in cucina.

Sempre in riferimento ai capelli secchi e rovinati, mi occuperò qui di un’altra categoria di elementi naturali: gli olii e gli olii essenziali.
Possono essere utilizzati mescolati tra loro, o anche aggiunti agli ingredienti già indicati.
È importante ricordare sempre che qualsiasi impacco contenga degli olii dovrà essere applicato a capelli umidi e dovrà necessariamente essere lavato via con uno shampoo.

Gli olii

In generale gli olii possiedono proprietà nutrienti, ammorbidenti e lucidanti; alcuni di essi (solitamente quelli più densi o pesanti) possono sciogliere il sebo presente naturalmente sul capello, portandolo a seccarsi in tempi più o meno brevi. Pertanto è necessario ricordarsi di applicare gli olii sui capelli bagnati o ancora molto umidi in modo da permettere all’acqua di fare da barriera ed evitare che si verifichino queste condizioni.
Ecco una suddivisione degli olii in base alla loro densità, per capire quali siano quelli più semplici da applicare e da togliere (leggeri) e quali, pur essendo molto nutrienti, devono essere utilizzati con più moderazione (pesanti) in quantità ridotte e sempre su capelli ben inumiditi o bagnati.

Leggeri: Jojoba (leggerissimo), Argan, Mandorle, Cocco, Macadamia, Oliva
Medi: Albicocca, Germe di grano, Girasole, Neem, Sesamo
Pesanti: Lino, Ricino

Proprietà

Jojoba: lucida e previene le doppie punte
Argan: nutre e lenisce, azione lucidante, capelli secchi, fragili e sfibrati ristrutturante
Mandorle: per capelli secchi
Cocco: nutriente, lucidante, ammorbidisce e aiuta contro il crespo
Macadamia: molto nutriente e ammorbidisce. Per capelli secchi e sfibrati
Oliva: idrata e nutre
Albicocca: nutriente per capelli sfibrati
Germe di grano: nutre capelli secchi molto nutriente
Girasole: nutriente
Neem: nutriente e lucidante – odore molto forte
Sesamo: Nutriente
Lino: Ristrutturante dei capelli
Ricino: molto rinforzante

Olii essenziali

In generale gli olii essenziali hanno proprietà antisettiche, e nel caso di quelli indicati qui sotto hanno anche proprietà riequilibranti per la cute, in questo modo facilitano anche la crescita dei capelli, che non è più ostacolata dalle irritazioni della cute.

Betulla: presente anche in molti shampoo, è rivitalizzante e illuminante, e anch’esso è indicato in casi di problematiche cutanee quali le dermatiti.

Calendula: Aiuta a rinforzare i capelli fragili e secchi, mentre sulla cute agisce riequilibrandola, ammorbidendola e proteggendola.

Camomilla: come l’olio di lavanda ha un forte potere calmante e lenitivo, pertanto si può utilizzare in caso di irritazioni e pruriti del cuoio capelluto. Previene le doppie punte.

Geranio: aiuta a rinforzare i capelli deboli e spenti, stimola la circolazione ed è utile in caso di cute eccessivamente grassa.

Lavanda: è un olio calmante e permette di ridurre i piccoli problemi della cute, è adatto a tutti i tipi di capelli, ma in particolare può essere impiegato per prevenire le doppie punte.

Rosmarino:
ammorbidisce i capelli ed è indicato in caso di capelli secchi. Stimola la circolazione e promuove la crescita dei capelli, aiuta ad alleviare i fastidi di dermatiti e forfora.

Salvia: riequilibrante e purificante del cuoio capelluto, aiuta a rinforzare i capelli e a renderli lucenti.

Come si utilizzano gli olii e gli olii essenziali negli impacchi

Un olio: Si applica sui capelli bagnati, dalla radice alle punte se i capelli sono secchi su tutta la lunghezza, oppure sulla parte di lunghezza che vediamo secca, ad esempio le punte. Si tiene in posa un paio d’ore e si toglie con l’aiuto dello shampoo, di solito sono necessarie un paio di passate.

Più olii: Si mescolano tra loro più olii in base alle proprietà che riteniamo ci siano utili e in base all’affinità che presentano con i nostri capelli basandoci sulla nostra esperienza.
La metodologia di applicazione è la medesima per uno o più olii.

Uno o più olii aggiunti a un impacco vario: All’impacco di frutti e alimenti si aggiunge un olio o più di uno. Di solito è meglio non esagerare con la quantità, consiglio un cucchiaino su un impacco normale. In questo modo si aggiungono le proprietà dell’olio a quelle degli altri elementi dell’impacco, senza rendere quest’ultimo troppo pesante o difficile da togliere come nel caso degli impacchi di soli olii.
È comunque consigliato applicare l’impacco sui capelli umidi.

Gli olii essenziali: Si possono aggiungere all’olio, alla miscela di olii oppure all’impacco, sempre in gocce, senza mai superare le due gocce per impacco.
Non scegliere mai olii essenziali per i quali non abbiamo testato la nostra tolleranza cutanea.

E’ estremamente importante fare attenzione in caso di eventuali allergie ad uno o più di questi olii essenziali. Se si presentano allergie non devono essere utilizzati, e bisogna evitare di utilizzarli anche se non si è del tutto sicuri. Informarsi sempre sulle controindicazioni.
In caso di dermatiti o problemi cutanei è necessario consultare prima il proprio medico.
In caso di donne in stato interessante è necessario consultare sempre un medico prima dell’utilizzo.

Esempi di impacchi (per capelli di lunghezza media)

1) Idratante, nutriente, lenitivo e contro le doppie punte

– Sbucciare una mela e detorsolarla, grattugiarla o schiacciarla con l’aiuto di una forchetta fino a raggiungere un composto omogeneo
– Aggiungere mezzo vasetto di yogurt e mescolare bene
– Aggiungere un cucchiaino di miele e mescolare bene
– Aggiungere mezzo cucchiaino di olio di cocco e mescolare bene
(l’olio di cocco si presenta sempre solido tranne in estate, è necessario farlo scaldare leggermente e calcolare mezzo cucchiaino di olio liquido)
– Aggiungere due gocce di olio essenziale di camomilla e mescolare bene
– Applicare l’impacco sui capelli umidi, lasciarlo in posa da 30 minuti a un’ora e mezza, procedere al normale shampoo e ai consueti trattamenti

2) Nutriente, lucidante, riequilibrante, ammorbidente; potrebbe dare un tono leggermente più scuro

– Sbucciare una banana e schiacciarla bene con l’aiuto di una forchetta fino a raggiungere un composto abbastanza omogeneo
– Se necessario aiutarsi aggiungere un cucchiaio di latte per ammorbidirla
– Aggiungere mezzo cucchiaino di cacao
– Aggiungere un cucchiaino di olio di Argan
– Aggiungere due gocce di olio essenziale di Rosmarino
– Applicare l’impacco sui capelli umidi, lasciarlo in posa da 30 minuti a un’ora e mezza, procedere al normale shampoo e ai consueti trattamenti

Ti può interessare anche:“Come curare i capelli con gli ingredienti della cucina”

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.