Come creare il tuo profumo con oli essenziali e fragranze

profumo, donna, olfatto

Creo il mio profumo tra fragranze, oli essenziali e magia

Profumi, oli essenziali, fragranze … queste parole evocano  in tutti noi (o quasi..) un mondo affascinante e complesso, magico ed etereo, abitato da eccezionali materie prime naturali, un mondo in cui gli odori, oltre al loro potente effetto sulla nostra psiche, hanno un obiettivo di seduzione, di affermazione della nostra personalità o del nostro stato d’animo. Naturalmente hanno anche effetto di benessere ed allegria per sé e per gli altri.

Il piacere di scoprire gli odori naturali, imparare ad annusare, a sviluppare le immense possibilità dell’olfatto, la “magia” nell’associare le varie essenze tra di loro, secondo i nostri desideri e la nostra personalità permette di creare il proprio profumo unico e speciale. Questo diventerà con il tempo un gioco ed un’abilità di cui non potremo più fare a meno.

Non dimentichiamo, infatti, che la storia del profumo è intimamente legata alla storia della civiltà: fin dai tempi antichi il profumo è stato uno strumento  di cui si è fatto un grandissimo uso nei culti religiosi, nelle cure mediche, nell’igiene o come  rituale di bellezza. Ben  presto è stato considerato un piacere per il corpo e la mente e utilizzato come strumento di seduzione. Si dice che tutti possano creare qualcosa con un buon odore, ma che il difficile sia creare qualcosa con un’anima.

Il mio profumo…da dove comincio?

Annuncio pubblicitario

Di primo impatto può sembrarci difficile creare il nostro profumo, imparare ad “annusare” non è così semplice per tutti, bisogna allenarsi, riscoprire la magia dell’olfatto, unico senso legato senza alcun genere di filtri al nostro cervello antico. Dobbiamo considerare il profumo, come una ricetta di cucina, dove l’armonia degli ingredienti ne determina la fragranza, il gusto, l’appetibilità. Nel nostro caso gli ingredienti saranno gli oli essenziali ciascuno dei quali porterà con sé la sua nota caratteristica, le sue emozioni. Bisogna imparare, proprio come si fa in cucina, a dosare i vari componenti e assemblarli seguendo regole ed istinto, numero di gocce ed emozioni, utilizzando note di testa, cuore e fondo con abilità e grande sensibilità. Il risultato di questa magica alchimia sarà sorprendente e accarezzerà la vostra anima come una delicata ventata di benessere.

La piramide olfattiva

Dal momento in cui “indossiamo” il nostro profumo, con il passare dei minuti e delle ore, il profumo varierà, attraversando varie sfumature:  quelle della piramide olfattiva.

Appena spruzzato le prime note che il nostro naso percepisce sono le note di testa:  agrumate, fresche, verdi, aromatiche. Con il passare dei minuti le note di testa lasciano spazio alle note di cuore: un tripudio di fiori, frutti e spezie. Questa profumazione perdurerà diverse ore e sarà quella identificativa del profumo, della sua potenza, quella che lascerà la scia e che ci distinguerà tra la gente.  Nelle ore successive il profumo virerà ancora nella sua terza ed ultima fase: le note di fondo che renderanno il profumo ancora più profondo, intenso, sensuale. Ecco quindi apparire ancora le spezie, i legni, la vaniglia, le resine e tutte quelle essenze che servono come fissanti delle note di cuore (polvere di radice di  iris, assoluta di benzoino, patchouli, legno di sandalo, salvia sclarea, ecc.). Queste note potranno perdurare ancora a lungo e spesso resteranno “impresse” sui vostri vestiti e nell’ambiente in cui avrete soggiornato.

Il passo più difficile, ma nello stesso tempo più intrigante, sarà proprio quello di imparare a riconoscere e di dosare questa piramide. Una volta appresa la tecnica e dato carta bianca alle emozioni tutto vi sembrerà naturale e potrete dare spazio alle vostre creazioni.

Le fragranze naturali

Comporre un profumo con materie prime naturali significa addentrarsi nel mondo degli oli essenziali, un mondo davvero magico e sottile che tocca profondamente le nostre emozioni e la nostra psiche. Scoprire quale alchimia accade unendo le varie essenze vi aprirà scenari nuovi ed impensati. Potrete creare qualcosa di unico, unico come ognuno di voi, che vi identificherà al meglio per quello che siete nella vostra essenza più profonda.

La profumoterapia

Ed ecco che il profumo potrà anche trasformarsi in qualcosa di molto più profondo, legato al nostro benessere interiore. L’aromaterapia si trasformerà in profumoterapia, perché le essenze naturali “parleranno” ai nostri sensi,  alle nostre emozioni, ai nostri ricordi. Potremo creare profumi adatti alle nostre necessità, una vera “cura” che ci regalerà rilassamento, calma, energia, allegria, concentrazione, ….,  in base alle nostre necessità del momento. Insomma, diversi profumi da indossare e cambiare nell’arco della giornata come un vestito in base al nostro umore, al nostro sentire, alle nostre necessità.

Nella seconda parte di questo articolo vi racconterò di note e famiglie, di come si prova un profumo, di come si usa e come si conserva. Non ultimo qualche ricetta per cominciare…

 “Il profumo ha una forza di persuasione più convincente delle parole, dell’apparenza, del sentimento e della volontà.” Patrick Sûskind

Per chi fosse interessato a partecipare ad incontri/workshop di profumoterapia e creazione del proprio profumo può contattarmi qui: Contattami

Ti può interessare anche: "Gli odori: ci vuole naso"

 

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.