Come creare il giusto distacco dai genitori

madre e figlia, distacco,

Così noi viviamo, per sempre prendendo congedo.
Rainer Maria Rilke

Colpiscono le parole del grande poeta esistenziale, perchè riassumono in una frase una delle grandi contraddizioni umane: poter vivere unicamente il presente, ma poter ricordare il passato e immaginare il futuro.
E così l’uomo si dibatte, costentemente impegnato a lasciar andare un passato che non esiste più, ma che forse si vorrebbe ancora presente, come un amore fatalmente concluso; oppure che si sarebbe voluto diverso, come un’occasione mancata; o che non si sarebbe voluto affatto, come un lutto per una persona cara.

La lotta interiore

L’essere umano si agita in questa costante compresenza di ciò che c’è, ciò che non è più, e ciò che potrebbe essere; si tratta di una lotta senza fine, che conosce momentanei attimi di grazia (che solitamente ricordiamo bene, come momenti in cui abbiamo dimenticato per qualche istante chi e cosa siamo trascendendo le nostre usuali emozioni/reazioni), utili spesso soltanto per prepararsi al proseguimento della lotta.
Ma se è vero che contribuiamo a costruire il nostro presente, come – più o meno consapevolmente – siamo i principali fabbri del nostro futuro, il passato sfugge alla nostra capacità di modificarlo. E’ un libro già scritto, un finale già vissuto, un copione già interpretato sul palco; i ruoli, le battute, gli effetti sonori e musicali sono già stabiliti, lo spettacolo è già stato fatto, il pubblico ormai lascia la sala.

Una trappola: cercare la rivalsa

Si cerca la rivalsa quando si cerca, interagendo nel presente, di rifarsi di qualcosa che rifiutiamo del nostro passato. E’ il caso, ad esempio, di coloro che, in lotta contro l’autorità genitoriale, rifiutano di rinunciare a uscire, prima o poi (sperano) definitivamente vincitori contro coloro che hanno cercato (dal loro punto di vista) di imporre loro il proprio punto di vista. Spesso però quando il figlio cresce e il genitore invecchia, cristallizzandosi sempre più nei propri punti di vista sviluppati in un mondo ormai diverso da quello dell’appartenente alla generazione più giovane, il confronto appare sempre più surreale ad un osservatore esterno. La mission impossibile di far cambiare idea ai propri genitori intrappola in una sempiterna lotta contro i mulini a vento; uno sforzo costante che ruba energie e forze vitale a chi non lo tiene a bada, e l’unico vincitore è…il vento.

Un piccolo esercizio contraddittorio per creare distacco

Se dovessimo scrivere una lista di tutti i difetti dei nostri genitori, quanto sarebbe lunga? Sarebbe divisa in sezioni tematiche oppure preferiremmo un approccio più intuitivo? Preferiremmo corredarla di esempi oppure ci limiteremmo ad alcune lapidarie sentenze? Utilizzeremmo un vernacolo degno di un portuale ligure, oppure preferiremmo poche ed eleganti stilettate verbali?
L’esercizio di stilare una lista di tutti i difetti, veri o immaginari, che possiamo imputare ai nostri genitori, potrà fornirci un po’ del desiderato distacco da ciò che avremmo voluto loro fossero (e non sono stati), e il congendo da qualche infantile speranza. Ovviamente non dovremo parlare del contenuto della lista con nessuno, tantomeno i nostri genitori. Non vorremmo impegnarci in una battaglia senza uscita, vero?

Giacomo Crivellaro

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.