Colazione ayurvedica: come iniziare la giornata con leggerezza

0
4256
colazione ayurvedica, alimentazione ayurvedica, cucina dell'anima

Colazione ayurvedica: ecco i consigli dalla cucina Ayurvedica per una colazione nutriente, energetica ma che non appesantisce

Come deve essere la colazione, consigli dall’Ayurveda

La colazione viene spesso definita il pasto più importante della giornata, quello in cui bisognerebbe mangiare di più, non a caso si dice: “Colazione da re, pranzo da principe, cena da povero”.

Nell’alimentazione ayurvedica però il pasto principale in cui si dovrebbe mangiare di più e con particolare attenzione è il pranzo.  A mezzogiorno infatti il nostro corpo, sempre in sintonia con la natura, raggiunge il massimo potere digestivo, l’Agni (fuoco digestivo) trae forza dal sole e permette una digestione migliore. La colazione è il secondo pasto più importante della giornata e dovrebbe essere nutriente, energetica ma leggera per non appesantire l’organismo dopo il riposo notturno e non aggravare il dosha Kapha che al mattino è nella sua massima espressione.  È importante comunque ascoltare il proprio senso di fame reale e, nel caso ci si svegli con la sensazione di aver digerito male la cena o comunque senza fame, rispettare il corpo ed evitare di assumere cibo a colazione.

Colazione Ayurvedica: cose importanti da sapere

Preparazione della colazione

Secondo l’Ayurveda il cibo non andrebbe mai preparato con tanto anticipo e soprattutto mai riscaldato. La colazione in particolare che è il pasto con cui iniziamo la giornata va preparata al momento e dovrebbe essere gustosa e calda o tiepida (calda per le costituzioni Vata e Kapha, tiepida o fresca, ma non fredda, per Pitta).

Ambiente e concentrazione per la cucina dell’anima

Durante la colazione si dovrebbe essere concentrati sul pasto, in un ambiente sereno, consumare il pasto con calma perché la fretta impedisce di assaporare il cibo (gustare il cibo permette di mandare stimoli di gioia e serenità al cervello) e compromette la digestione.

Quantità

Né troppo cibo né troppo poco e gli alimenti scelti devono apportare energia e nutrimento.

Consumare correttamente la colazione:

  • produce senso di leggerezza
  • dona forza,
  • corretta sensazione di appetito durante la giornata
  • giusta sete
  • corretto funzionamento intestinale
  • chiarezza mentale
  • nutrimento dei tessuti

Colazione ayurvedica da variare secondo le stagioni

È importante variare la colazione ayurvedica secondo le stagioni, sia per avere un apporto di frutta fresca, sia perché in ogni periodo dell’anno abbiamo delle esigenze specifiche.

Primavera

Una tazza di tisana o tè specifico per il proprio Dosha (Vata, Pitta, Kapha), oppure una tisana allo zenzero che può andar bene per tutti o un caffè di cereali. Pane tostato, meglio se tipo chapati, con miele o ghee, semi di girasole, zucca o sesamo e frutta secca. Un frutto, meglio se cotto.

Estate

Per le costituzioni Pitta o per chi sente particolarmente l’esigenza di qualcosa di fresco, un estratto di frutta e verdura oppure una macedonia di frutta fresca. Sempre la tisana o il tè o il caffè di cereali. Per tutti yogurt con cereali, frutta secca e miele oppure, soprattutto per le costituzioni esili Vata, riso cotto nel latte (anche vegetale) con miele e uvetta.

Autunno

Mele cotte con frutta secca o Torta energetica di sola frutta (vedi ricette in fondo all’articolo). Tisana, tè o caffè di cereali o latte caldo di cereali. Per le costituzioni in sovrappeso e per Kapha meglio le mele cotte ed evitare la torta energetica.

Inverno

Porridge ayurvedico (vedi ricetta in fondo all’articolo), oppure orzo caldo con aggiunta di cereali soffiati, miele e cannella. Tisana, tè, caffè di cereali o latte caldo di cereali. Attenzione per Kapha che tende ad appesantirsi meglio mangiare le mele cotte con frutta secca anche in inverno.

In ogni stagione

Secondo la colazione ayurvedica è bene aggiungere ai cibi le spezie consigliate per la propria costituzione, e ricordarsi di utilizzare spezie rinfrescanti (finocchio, cumino, coriandolo) nelle stagioni calde e spezie riscaldanti (cannella, chiodi di garofano, pepe, cardamomo, noce moscata) nelle stagioni fredde. Lo zenzero va bene sia in inverno che in estate.

Ricette per la colazione ayurvedica

Mele cotte con frutta secca

  • 2 mele piccole
  • ½ cucchiaino di cannella,
  • 1 pizzico di noce moscata
  • 20 gr. di lamelle di mandorle
  • 1 cucchiaino di ghee
  • rosa himalaya, 1 pizzico
  • 1 cucchiaio di semi di chia o canapa ammollati in acqua per 20 minuti

Cuocere le mele per 5 minuti con poca acqua, spegnere il fuoco e aggiungere tutti gli ingredienti.

Torta energetica di sola frutta

  • ½ kg di datteri snocciolati
  • ½ kg di uvetta essiccata e ammollata in acqua calda
  • 120 gr. di pesche o albicocche secche
  • 1 o 2 banane (a seconda se si vuole il tutto più morbido o più duro)
  • 240 gr. di mandorle

Tagliate le banane a pezzetti, mischiate bene tutti gli ingredienti e passateli al frullatore. Pressate il tutto in uno stampo e lasciate indurire per un’ora. Poi affettare e servire.

La Saggezza nel Cibo
La Saggezza nel Cibo

Porridge ayurvedico

Ingredienti per 1 persona:

  • 2 cucchiai di fiocchi di avena non zuccherati
  • 1 cucchiaio di uvetta
  • zucchero integrale (1 cucchiaino, facoltativo)
  • 1 cucchiaino raso di ghee
  • 4/5 mandorle spezzettate o anacardi
  • 1 cardamomo, 1 pizzico di cannella, poco zenzero fresco grattugiato

Cuocere a fuoco basso in 250 ml di acqua tutti gli ingredienti per 15 minuti, a fine cottura aggiungere lo zenzero fresco e il ghee. Per renderlo più ricco aggiungere frutta cotta di stagione

È sempre consigliato in tutte le stagioni e per tutte le costituzioni bere un bicchiere di acqua tiepida con succo di limone e un cucchiaino di miele d’acacia al risveglio, almeno 15 minuti prima della colazione.

Ti può interessare anche:“Ayurveda, la scienza della vita eterna”

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.