Cinque irrinunciabili oli essenziali per l’estate

oli essenziali

Oli essenziali un valido aiuto anche in estate.Tempo d’estate, di caldo, di punture d’insetto, di scottature, di mal di macchina, tempo di vacanze, di mare, di montagna, di campagna. Ma anche di estate in città, magari in ufficio con sbalzi di temperatura: fuori 35 gradi e dentro gelo polare da aria condizionata regolata senza criterio e così: mal di gola, dolori articolari, raffreddori sono in agguato. Insomma, l’estate oltre il sole ed il caldo porta con se anche tanti piccoli grandi acciacchi, che spesso possiamo risolvere anche in modo naturale.

5 Oli essenziali

Oli essenziali: quali avere a disposizione nel nostro armadietto o nella nostra valigia per l’estate? Io ne propongo cinque, ma chiaramente la “valigetta odorosa di pronto soccorso” può essere allargata anche ad un numero maggiore di oli essenziali, preziosi alleati del nostro benessere. Quali oli essenziali scegliere? Menta piperita, Elicriso italiano, Lavanda (Lavandula latifolia), Tea tree, Camomilla romana.

1.Menta piperita

La menta piperita può essere utile in varie situazioni: per la nausea, il mal di macchina (o qualunque altro mezzo di trasporto), per i problemi di adattamento all’altitudine, per il mal di testa, per la stanchezza. E’ altresì un ottimo analgesico/antidolorifico in caso di artrosi, reumatismi o traumi. Rende inoltre l’aria più salubre e dona quella irripetibile sensazione di fresco.

Annuncio pubblicitario

La menta va sempre diluita in olio vettore. Non utilizzare nelle donne in gravidanza, durante l’allattamento al seno, in caso di epilessia, negli anziani e bambini sotto i 6 anni.
E’ severamente vietato l’uso in presenza di  neonati  fino a 30 mesi (tossicità per contatto locale: riflesso faringeo o nasale che  possono causare arresto respiratorio).

2.Elicriso italiano

L’Elicriso Italiano è perfetto in caso di traumi e piccoli lividi ed ematomi. Basterà applicare 1 o 2 gocce sulla zona traumatizzata tre o quattro volte al giorno per tre giorni. L’olio essenziale va come sempre diluito in olio vettore, in questo caso d’arnica sarebbe il complemento perfetto.  Perfetto anche in caso di flebite, problemi circolatori, fragilità capillare, che possono essere accentuati dal calore.

Da evitare l’uso in gravidanza, bambini piccoli e pazienti in terapia con anticoagulanti.

3.Lavanda

La Lavanda è uno di quegli oli non solo da portarsi in vacanza, ma da tenere sempre in borsa! E’ attiva su molteplici problematiche come: mal di testa, punture di insetto, piccole ferite, bruciature, funghi della pelle, laringiti, sinusiti, otiti, reumatismi, insonnia. E’ altresì un buon analgesico. Insomma, uno dei primi oli essenziali da tenere sempre a portata di mano.

Da non usare durante la gravidanza e l’allattamento al seno. Non è consigliato per i bambini sotto i 7 anni  ad eccezione di un uso occasionale molto localizzato, a partire dai tre anni, ad esempio:  una goccia su una puntura d’insetto o di una piccola ferita. Non usare su  pazienti epilettici.

4.Tea Tree

Il Tea Tree, un po’ come la Lavanda, è un altro olio essenziale indispensabile e tutto fare. E’ indicato in caso di gengivite, stomatite, afte, sinusite, faringite, vaginite e leucorrea (l’uso dei costumi, spesso tenuti addosso umidi dopo il bagno,  ne favoriscono la crescita). Per le punture di insetto e come repellente degli insetti . Ottimo disinfettante antimicrobico e purificante. Può essere usato anche per disinfettare la biancheria e per la pulizia di bagno, wc e pavimenti.

Anche in questo caso sconsigliato l’uso in gravidanza, soprattutto nei primi tre mesi.

5.Camomilla Romana

La Camomilla romana è un olio essenziale molto gradevole, utile per via della sua azione sedativa, in caso di insonnia, agitazione, nervosismo. Attraverso la sua azione dolce porta alla calma e alla tranquillità. Utile in caso di prurito, pelle sensibile, eczema, ed allergie. E’inoltre un buon antispasmodico. Migliora i dolori di stomaco, la nausea, i dolori di pancia e le coliche in generale oltre a stimolare la digestione troppo lenta.

Anche in questo caso è sconsigliato l’uso in gravidanza e nei neonati.

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.