Cetriolo: depurativo per eccellenza

0
1173
cetriolo, fiore giallo
sconto macrolibrarsi
ebook gratis
ebook gratis
ebook gratis

La pianta del cetriolo, dalle grandi foglie verdi adornate di piccoli fiori gialli, ha origine antichissime si dice che risalga all’India di 5000 anni fa. Grazie agli egiziani ha raggiunto il Mediterraneo e l’Europa, possiamo così oggi beneficiare di questo prezioso frutto poco calorico e ricco di benefici.

Proprietà: depurativo e riequilibrante

Composto principalmente da acqua e ricco di minerali tra cui ferro, calcio, potassio, zolfo, manganese, magnesio e fosforo, contiene anche una buona dose di vitamina A, vitamine del gruppo B, vitamina C, vitamina E e fibre. Contiene inoltre, l’acido tartarico, un acido naturale che ha proprietà antiossidanti e che impedisce ai carboidrati di trasformarsi in grassi, motivo per cui è spesso consigliato a chi desidera perdere peso.

Il cetriolo ha proprietà diuretiche favorendo l’eliminazione degli acidi urici ed è un frutto alcalino, utile in caso di acidosi metabolica. E’ depurativo, idratante, re mineralizzante, favorisce l’equilibrio gastrointestinale, proteggendo i reni e la vescica. Abbassa il colesterolo ed è utile in caso di ipertensione. E’ alleato della pelle ed aiuta l’eliminazione della cellulite.

Cetriolo alleato di bellezza

Il cetriolo è un ottimi idratante, disinfiammante, astringente: in caso di irritazioni della pelle, acne, dermatiti o scottature da sole potete fare una maschera con del cetriolo frullato e lasciato in posa per almeno 20 minuti. Se invece avete gonfiore agli occhi e occhiaie potete mettere due fette di cetriolo fresco sugli occhi e riposare per minimo mezz’ora.

Cetriolo in cucina

E’ suggerito consumare il cetriolo crudo e con la buccia per mantenere intatte le proprietà nutritive. Ci sono moltissime varietà di cetriolo, le principali sono: americano (verde scuro, liscio di forma allungata); olandese (verde scuro, liscio, di forma tozza leggermente appuntita); parigino (verde chiaro, piccolo e allungato). Quelli piccoli possono anche essere coltivati in vaso, sul balcone.

Vi consigliamo di aggiungere il cetriolo alle insalate o di tagliarlo sottile sottile e di condirlo con un cucchiaino di olio extravergine di oliva bio e poco sale marino integrale, in alternativa potete preparare un succo estratto di cetrioli e anguria, rinfrescante e idratante o in caso di calcoli alla cistifellea, ai reni o in presenza di renella, barbabietola e carota, come suggerisce Norman Walker nel suo libro “Succhi freschi di frutta e verdura”.

Vi ricordiamo anche la salsa greca tzaziki di cui vi forniamo la ricetta bio: frullare 2 cetrioli grattugiati, eliminare l’acqua ed aggiungere yogurt bianco magro bio oppure yogurt di soia, un pizzico di sale, un cucchiaio di olio, qualche foglia di basilico e prezzemolo tritate.

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.
Annunci pubblicitari e articoli
ebook gratis
ebook gratis
ebook gratis
ebook gratis

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.