Centrifuga o estrattore? Le differenze

centrifuga o estrattore, centrifuga, estrattore, succhi frutta

Centrifuga o estrattore? Facciamo una importante premessa.

I succhi di frutta e verdura fanno bene, un dato di fatto

Prendiamo a prestito l’incipit di una articolo del sito della fondazione Veronesi: “Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, un consumo adeguato di frutta e verdura cambierebbe la mappa mondiale delle malattie cardiovascolari. Si stima che con 600 grammi di frutta e verdura al giorno si eviterebbero oltre 135 mila decessi, si eviterebbero un terzo delle malattie coronariche e l’11 per cento degli ictus. Le famose 5 porzioni al giorno arrivano in media a 400 grammi, la quantità minima consigliata, dunque, per un menu salutare.”

I vantaggi provati dei benefici di frutta e verdura

Sui vantaggi di assumere frutta e verdura quindi nulla da dire. Medici, nutrizionisti, naturopati, tutti gli esperti concordano sulla necessità di una dieta ricca di frutta e verdura, più verdura che frutta, possibilmente.

Uno studio inglese a cui fa riferimento un articolo del magazine Focus, dichiara che per vivere sani e più a lungo bisogna mangiare 7 porzioni al giorno di frutta e verdura e non “solo” 5 come raccomandato finora. La verdura protegge il nostro organismo più della frutta: 7 porzioni al giorno di frutta e verdura allungano la vita.

Potrei andare avanti con tantissime altre citazioni e bibliografie. Il tema che ne consegue è: come fare ad assumere grandi quantità di frutta e verdura per beneficiare di importantissimi nutrienti come vitamine, minerali, enzimi, antiossidanti ?

La soluzione del benessere

La soluzione è la seguente: bere quotidianamente, specie in estate, succhi freschi di frutta e verdura di stagione. Il che non significa sostituire il consumo di frutta e verdura ma integrarlo.

Ed ora arriviamo al dunque: quali sono le differenze tra la buona vecchia centrifuga e il moderno estrattore di succo ? Vediamo allora di rispondere alla domanda: centrifuga o estrattore.

Centrifuga o estrattore, alias centrifugati o succhi estratti?

Fino a qualche anno fa il dilemma era noto solo agli integerrimi fautori dell’alimentazione naturale e vegana.

L’estrattore di succo era uno strumento per pochi, per la maggior parte delle persone la soluzione era ed è ancora la centrifuga. Gli estrattori erano poco diffusi ed i loro prezzi abbastanza elevati ( alcuni raggiungevano 1000 euro). Oggi la situazione è cambiata, sul mercato sono disponibili estrattori di succo di diverse marche, con prezzi mediamente compresi tra 200 e 400 euro in funzione della qualità del prodotto proposto, contro una cifra inferiore alle 100 euro necessaria per una buona centrifuga. Dunque, quale elettrodomestico acquistare per realizzare succhi di frutta e verdura ?

Il tema è dibattuto e ad oggi non abbiamo test di comparazione attendibili tra le due tipologie di prodotto, per cui  andiamo a riassumere, quali sono, in termini generali, le principali differenze tra i 2 dispositivi, evidenziando per correttezza che le teorie riguardo il numero di giri e l’impatto del calore che produce una centrifuga rispetto ad un estrattore sono al momento teorie non provate scientificamente.

Pro e contro di centrifughe ed estrattori

Il metodo di produzione del succo è diverso:

Come funziona la centrifuga

la centrifuga sminuzza il vegetale mediante una lama e sfruttando la forza centrifuga creata dai 1000 e più giri al minuto dello strumento per estrarre il succo dalle cellule.

Come funziona un estrattore di succo

L’estrattore di succo fa un lavoro meccanico attraverso una parte  chiamata coclea, una sorta di vite a forma di spirale. La coclea comprime i vegetali contro il filtro dell’estrattore tramite una potente torsione, facendo si che  il succo presente nella nostra frutta e verdura venga estratto, separandosi dalla parte solida, la fibra.

Pro e contro di ognuno degli strumenti

Per rispondere alla domanda centrifuga o estrattore è importante conoscere quanto segue:

  • L’estrattore estrae mediamente il 20% in più di succo rispetto alla centrifuga
  • La centrifuga sfrutta la forza centrifuga per estrarre il succo ed il motore collegato alla lama, che sminuzza i vegetali introdotti, compie 1000 o più giri al minuto, l’estrattore meno di 100 (i migliori 40 giri al minuto (ora anche 32 giri/min), anche se va detto che  non ci sono dati scientifici che confermino che tra 40 o 80 giri/minuto apportino differenze sul valore nutrizionale del succo), da qui seguono le prossime due considerazioni
  • L’estrattore produce meno fibra di scarto (che può comunque essere riutilizzata)
  • La centrifuga impiega meno tempo centrifugare la stessa quantità di frutta e verdura rispetto all’estrattore
  • Poiché il processo di estrazione della centrifuga espone le particelle di succo all’aria, questo tende ad ossidarsi più rapidamente, disperdendo parte delle sue proprietà nutrizionali, per cui il succo centrifugato va bevuto subito
  • La centrifuga è più rumorosa dell’estrattore
  • Il succo prodotto con l’estrattore è meno soggetto all’ossidazione, può quindi essere conservato in frigorifero, in un recipiente chiuso e riempito completamente, per 24/48 ore. Ovviamente prima viene bevuto meglio è.
  • La centrifuga costa meno
  • L’estrattore ha un prezzo più elevato
  • Generalmente un estrattore di succo si pulisce più facilmente di una centrifuga, anche se questo dato andrebbe verificato sullo specifico prodotto esaminato
  • Gli estrattori sono in grado di estrarre succo anche dalle verdure in foglia ricche di clorofilla e antiossidanti, le centrifughe no
  • Gli estrattori possono produrre latte vegetale da frutta secca opportunamente preparata.

Quest’ultimo punto è di particolare interesse in quanto le diffuse intolleranze al lattosio o le  scelte di stili di vita che non prevedono l’uso di latte animale fanno dell’estrattore lo strumento chiave per l’auto-produzione di bevande alternative sane fresche e naturali. La centrifuga non consente di lavorare frutta secca come le mandorle, o cereali come l’avena.

Ti può interessare anche Succo detox uva nera e kiwi

Considerazioni e conclusioni

In molti sostengono che i succhi degli estrattori siano più ricchi in vitamine e enzimi rispetto ai succhi ottenuti con la centrifuga. Pur non essendoci ancora studi a riguardo noi restiamo convinti della miglior qualità dei succhi estratti, se non altro per il fatto che il succo estratto è meno soggetto al fenomeno dell’ossidazione. Un altro punto a vantaggio è la capacità degli estrattori di produrre succo dai più svariati vegetali come gli ortaggi a foglia, o di lavorare la frutta secca opportunamente preparata per produrre latte vegetale.

Qual è dunque la risposta alla domanda “quale strumento scegliere”? Dipende.

Per scegliere, avere chiare le esigenze

Sicuramente vi siete fatti un’idea dello strumento adeguato alle vostre esigenze.

Possiamo affermare che l’estrattore di succo è più versatile della centrifuga e consente di ottenere succhi qualitativamente migliori. Il prezzo maggiore rispetto alla centrifuga lo rende adatto a chi ne fa un uso continuativo, mentre chi beve succhi di tanto in  tanto può benissimo dotarsi di una centrifuga ad un prezzo contenuto. Sconsigliamo l’acquisto di estrattori a basso costo: se il prezzo è troppo basso va sicuramente  a scapito della qualità dei materiali.

Nella valutazione del prezzo va ricordato che il minore scarto di fibre dell’estrattore rispetto alla centrifuga si traduce in  un risparmio sul lungo periodo.

Quale estrattore scegliere

In realtà è proprio quando si inizia ad utilizzare un estrattore ed ad apprezzarne tutte le potenzialità che molte persone iniziano ad inserire i succhi estratti nel proprio stile alimentare. Se siete propensi ad acquistare un estrattore, abbiamo individuato due prodotti di qualità:  Hurom Slow Juicer (HH Series) e l’ecologico Essenzia by siQuri.

Il prodotto di Hurom risulta più silenzioso (ed anche nettamente più costoso), ma la  nostra scelta, dopo averlo provato, si è orientata decisamente sull’estrattore Essenzia PRO GREEN by siQuri, visionabile e acquistabile a questo linkun estrattore dalle spiccate doti ecologiche, facilmente trasportabile (utile nei periodi di vacanza) ed in assoluto il più semplice estrattore da usare, montare, lavare.
estrattore di succo, estrattori di succo, essenzia pro green, siquri, essenzia pro green by siQuri, succhi estratti

SPECIALE SCONTO RISERVATO A TE

  1. Clicca qui
  2. Metti nel carrello, concludi i tuoi acquisti e vai al carrello
  3. inserisci il codice BENESSERECORPOMENTE
  4. Ottieni immediatamente un extra-sconto del 10% (in aggiunta alle promozioni in corso) per l’acquisto del nuovo estrattore ESSENZIA PRO GREEN e per tutti gli altri prodotti del carrello.

Consiglio finale: masticate i succhi

La digestione dei carboidrati comincia nella bocca, grazie alla ptialina salivare, quindi  anche quando bevete un succo estratto o centrifugato è importante masticarlo. Masticare il succo che significa tenerlo in bocca una manciata di secondi in modo che, unendosi alla saliva, consenta l’assorbimento di  alcuni enzimi che altrimenti  a contatto con gli acidi dello stomaco muoiono.

Ti può interessare anche Estrattori di succo: i 3 migliori e quale acquistare

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.