Celiachia, le 5 regole base per vivere bene senza glutine

0
166
celiachia, intolleranza al glutine, gluten free, senza glutine

Fra celiachia e intolleranza al glutine, oggi sono molte le persone che anche in Italia devono convivere con una dieta gluten free. Lo sostengono i numeri esposti dal Ministero della Salute, secondo i quali in Italia si contano quasi 200mila casi (anche se, in realtà, calcolando anche gli individui che ancora non sanno di avere questo problema, le stime si spingono fino a 400mila). E per queste persone ci sono alcune regole importanti da seguire, se si vuole convivere al meglio con il disturbo in questione.

Le regole per vivere con la celiachia

L’Associazione Italiana Celiachia, da parte sua, per andare in soccorso dei celiaci e degli intolleranti ha stilato un elenco di cinque regole:

  • La dieta gluten free non è periodica, così come non lo è la celiachia. Ciò vuol dire che bisogna seguire un regime alimentare privo di questa proteina per tutta la vita, senza alcun tipo di strappo alla regola;
  • È altresì importante consultare sempre l’elenco degli alimenti consentiti, uno step necessario per avere una panoramica completa su ciò che può essere o non essere consumato;
  • La dieta deve comunque essere varia e non limitarsi a pochi alimenti, per evitare carenze di tipo nutrizionale. Inoltre, si dovrebbe sempre accompagnare la dieta con l’attività fisica.
  • È importante seguire i consigli per preparare pasti senza glutine a casa: ad esempio evitare le contaminazioni con pentole e padelle, e lavarsi sempre le mani prima di iniziare a cucinare.
  • Fare sempre attenzione quando si consumano i pasti fuori casa.

Cosa può mangiare un celiaco

Un altro passo importante è sicuramente capire quali cibi poter consumare liberamente. In questo senso, la lista degli alimenti privi di glutine, a dispetto di quanto si possa pensare, è comunque ampia e variegata. Fra i cibi concessi si trovano ad esempio il latte e i latticini, insieme alla carne e al pesce (a patto che non siano presenti panature di alcun tipo).

Annuncio pubblicitario

Anche la verdura e la frutta non contengono la proteina del glutine, e lo stesso dicasi per le uova, fra l’altro un cibo molto proteico. Via libera anche alle patate, al grano saraceno, ai legumi e ad altri alimenti come i funghi e il miele.

Le possibili alternative gluten free

Le regole viste poco sopra vanno sempre rispettate, per evitare le complicazioni dovute alle reazioni del sistema immunitario in presenza di glutine. Bisogna dunque optare sempre e solo per i cibi consentiti, ma questo non equivale a rinunciare del tutto ad alcune pietanze. Se una persona non vuole fare a meno di pasta e pizza, ad esempio, può sempre scegliere prodotti come quelli senza glutine della Coop: si tratta di cibi pensati appositamente per i celiaci, ottimi per continuare con le proprie abitudini alimentari, soprattutto quando si scopre questa intolleranza solamente in età avanzata. Cinque regole, tanti accorgimenti e altrettante alternative: la vita senza glutine va affrontata nel modo giusto, senza però dover per forza rinunciare ai piaceri della tavola. L’unica accortezza è quella di leggere le etichette per evitare di scegliere alimenti di qualità discutibile.

Ti può interessare anche: gluten sensivity, ovvero intolleranza al glutine

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.