Ceci: proteggere il cuore e fare il pieno di energia

0
1058
ceci, legumi

I ceci sono al terzo posto nella coltivazione mondiale dei legumi ed i principali produttori sono l’India, il Pakistan e l’Australia. Le regioni maggiori produttrici in Italia sono Umbria, Toscana, Lazio e Liguria.

Le prime notizie della pianta del cece arrivano dalla Turchia 4000 anni or sono, ma ci giungono notizie anche dall’antico Egitto e dalla Grecia che ha dato il nome a questo prezioso legume chiamandolo “kikus” il cui significato è “forza”. Il medico greco Galeno ne loda le proprietà energizzanti ed afrodisiache.

Proprietà dei ceci

Annuncio pubblicitario

Composti per circa il 50% da carboidrati, 20% da proteine, 16% da fibre e acqua, i ceci sono ricchi di vitamine del gruppo B e vitamina C, vitamina E e K. Contengono sali minerali tra cui ferro, magnesio, calcio e potassio. Contengono, inoltre le saponine, sostanze vegetali che abbassano i livelli di colesterolo, una buona quantità di acidi grassi polinsaturi o Omega 3 che proteggono il sistema cardiocircolatorio. Forniscono acido folico utile all’abbassamento dell’omocisteina, un aminoacido presente nel sangue che a livelli alti potrebbe provocare infarto o ictus.

I ceci, come già ci raccontavano i greci, sono potenti energizzanti e rinvigorenti . Ottimi in caso di astenia, debolezza, stanchezza e periodi di convalescenza.
Migliorano la circolazione sanguigna, mantenendo equilibrata la pressione arteriosa, mantengono in equilibrio i livelli di glucosio nel sangue, sono sazianti e regolarizzano e rinforzano l’intestino grazie al buon apporto di fibre. Sono pertanto indicati nei regimi alimentari ipocalorici e nelle diete dimagranti.

Forniscono un buon apporto di proteine. In abbinamento con un cereale si ottiene un assorbimento migliore: si pensi alla famosa pasta e ceci della tradizione.

Ceci in cucina

I ceci si trovano in commercio secchi, sotto forma di farina, già cotti e conservati in scatola (che sconsigliamo perché solitamente hanno conservanti aggiunti).
I ceci secchi vanno lasciati in ammollo dalle 12 alle 18 ore e una volta scolati fatti cuocere a fuoco lento per circa tre ore in un tegame con coperchio. La giusta cottura è importante altrimenti restano indigesti.
Sono ottimi con la pasta, meglio se integrale, nelle minestre ed aggiunti alle insalate creano un piatto sano leggero e nutriente. Dal medioriente ci arriva la ricetta dell’hummus che prevede l’unione dei ceci schiacciati con la pasta di semi di sesamo, limone, olio e spezie.

Ricette semplici

Se volete scoprire una nostra gustosa ricetta leggete qui.
La farina di ceci, si ottiene macinando i ceci essiccati ed è priva di glutine.
La ricetta più famosa e semplice è la farinata ligure che si prepara unendo 250 gr di farina di ceci, 750 cl di acqua, 2 cucchiai di olio, mezzo cucchiaino di sale e, a piacere, rosmarino.
Il composto va lasciato riposare per circa 4 ore, versato in una teglia unta con almeno due cucchiai di olio e infornato alla temperatura di 180° finché non diventa dorato (solitamente 10 minuti circa).

Ti può interessare anche la ricetta”Hummus di ceci”

I ceci neri

In Italia e più precisamente in Puglia e Basilicata, vengono coltivati i ceci neri. Hanno pressoché le medesime proprietà di quelli bianchi ma sono più piccoli e rivestiti di una buccia nera, mantenendo bianco-gialla la parte interna. A differenza di quelli bianchi richiedono un ammollo di 48 ore mentre la procedura di cottura è la medesima. Sono molto saporiti e vellutati pertanto è consigliabile gustarli da soli con un filo d’olio e qualche spezia oppure abbina alla pasta. In alternativa, le ricette consigliate sono quelle di passate o creme di ceci.

Ceci Biologici
Ceci Biologici
La Finestra sul Cielo
ceci bio

Ti può interessare anche la ricetta“Farinata alla curcuma con datterini e capperi”

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.