Buona nanna bambini

0
1259
bambini, coccole, nanna

Il momento della nanna non sempre viene vissuto dai bambini con serenità.

Molti, infatti, sono i piccoli che non riescono ad addormentarsi serenamente, che non vogliono dormire soli nel proprio lettino, che si svegliano continuamente durante la notte e che hanno un continuo bisogno di contatto durante il sonno, in particolar modo con la madre.

La notte diventa allora per genitori e bambini un momento problematico e fonte di ansie e conflitti.

Annuncio pubblicitario

Il giorno e la notte

Nel gioco degli equilibri, dove maschile e femminile sono parte di un’unica realtà e dove questi due aspetti coesistono e si bilanciano, il maschile rappresenta il giorno e la luce mentre al femminile corrisponde la notte e il buio.

Questi aspetti della vita esistono fuori e dentro di noi e il loro alternarsi crea il giusto equilibrio.

Così, con il calare della sera tutto quello che è governato dalla “luce della ragione” lascia il posto al gioco delle acque guidate  dalle lune.

L’acqua, elemento che dentro di noi si colloca nell’addome in corrispondenza del secondo chakra, rappresenta il nostro campo emotivo nel quale rientrano tutti gli aspetti positivi del sentire come la gioia, entusiasmo, la vitalità; ma anche quelli meno piacevoli come le paure, le ansie e la rabbia e i conflitti derivati dai traumi vissuti.

La sera, nel gioco degli equilibri, ci invita a prende consapevolezza di queste parti di noi e ad accettarle completamente così da creare un’ unione tra luce e ombra e proseguire nel nostro percorso di crescita.

Molti bambini hanno difficoltà a vivere serenamente il momento della sera e della nanna, mostrando ansia e agitazione. Loro sanno che proprio in questa fase della giornata avviene il distacco dai genitori, che per loro rappresentano un’ ancora di sicurezza a cui aggrapparsi quando arrivano le paure e i brutti pensieri.

La solitudine e il silenzio porta a galla le loro paure ansie e a volte emergono ricordi di traumi e brutte esperienze vissute durante la giornata o nel passato.

Creare un ponte nella fase di distacco

Rimproverare i bambini e forzarli a dormire “soli e sereni” non è utile a risolvere il problema anzi può creare ulteriore ansia e frustrazione in quanto i piccoli si sentono abbandonati e non compresi. Può essere utile allora trovare ed utilizzare gli strumenti adatti affinchè si crei un ponte tra il giorno e la notte e si attivi un processo di distacco grazie alla cura e alla comprensione del disagio del bambino.

Aura soma e la bottiglia 20: il bambino delle stelle

Tra le 111 bottiglie equilibrium del set Aura Soma, la bottiglia 20 rappresenta e incorpora un’energia particolare. Infatti questa bottiglia viene chiamata “il bambino delle stelle” e racchiude nella sua composizione il massimo potenziale di un bambino.

Gli oli essenziali di lavanda e camomilla, contenuti nella bottiglia, favoriscono la calma e il rilassamento.

Le vibrazioni del rosa sono un antidoto naturale contro la paura e trasformano la rabbia in amore incondizionato. Il blu porta pace e senso di protezione e favorisce una chiara espressione del sé.

La bottiglia aiuta i bambini ad accettare serenamente la propria incarnazione su questo pianeta con tutti i suoi aspetti, possono imparare così ad accogliere la luce e l’ombra dentro di loro.

Per questi motivi l’equilibrium 20, di cui ho sperimentato direttamente l’efficacia su mia figlia, è particolarmente adatta per i piccoli.

Applicare la bottiglia ai bambini

La bottiglia, quando applicata ad altri, viene miscelata con la mano destra restando in contatto con il corpo del bambino con la mano sinistra. Va poi applicata sul corpo del bambino, dove lui lo desidera, ogni sera prima di dormire.

Unendo un piccolo massaggio possiamo favorire un sereno processo di distacco in quanto il bambino impara attraverso il contatto, che la mamma si prende cura di lui.

Le pomander

Le pomander sono composte da 49 erbe che vengono lasciate macerare per 2 o 3 anni e agiscono sul campo elettromagnetico (più conosciuto come campo eterico), luogo di comunicazione tra il corpo e lo spirito.

Queste erbe, selezionate e suddivise, creano una pomander per ogni colore e si utilizzano mettendo tre gocce del colore scelto sul palmo della mano sinistra, offrendo questa luce all’universo e alla terra, ripulendo i centri energetici e infine respirandone la fragranza per almeno tre volte.

Pomander arancio per superare i traumi e scacciare gli incubi

Durante la sera e la notte emergono i sogni come speranze e aspettative ma possono anche manifestarsi come paure nascoste, conflitti inespressi e traumi irrisolti che si trasformano durante la notte in incubi. Aura soma ci offre un ulteriore aiuto in questi casi grazie alla pomander arancio. L’arancio infatti aiuta a superare i traumi e gli shock che causano la maggior parte dei conflitti emotivi nell’essere umano.

La pomander arancio è particolarmente indicata per scacciare i brutti sogni e se utilizzata in coincidenza con traumi o incidenti ne risulta essere una buona prevenzione.

I risultati

Dalle esperienze di genitori a cui ho consigliato l’utilizzo di questi “rimedi” naturali e dalla mia esperienza personale ho constatato che spesso i bambini dopo le prime applicazioni manifestano il desiderio di applicare da soli la bottiglia e inventano nuovi rituali con la pomander.

Molti iniziano a sentire il desiderio di stare soli nel loro lettino, e manifestano la necessità di avere un loro spazio intimo e protetto.

Il momento della nanna può diventare qualcosa di magico, dove il bambino sente di avere gli strumenti e la forza per mandare via mostri e streghe che lo perseguitano. Dove un buon profumo può allontanare i brutti pensieri e, come nelle fiabe, anche nella realtà il bene vince sempre sul male.

Così anche noi possiamo sapere che grazie alla nostra presenza e forza di volontà tutto diventa luce e, come dice una piccola favola di Tony Wolf, “il buio nasconde solo le cose che vedi ogni giorno”.

La sera allora, non vedono più l’aspetto ombra come qualcosa di pauroso, ma vedono il momento della nanna come un bel rituale magico.

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.
Articolo precedenteLuce !
Articolo successivoRidurre lo stress con i rimedi naturali
Monica Crippa
Pratica la disciplina yogica - alla quale si è immediatamente appassionata - dall’età di 19 anni. La pratica quotidiana le ha permesso di conoscersi meglio e di comprendere le necessità del proprio corpo, soprattutto di potenziare le sue abilità fisiche sviluppando quella che chiama “concentrazione gentile”, cioè la capacità di restare collegati mentalmente alle proprie azioni, essere tutt’uno con ciò che si fa. Il suo insegnante di riferimento nella formazione Insegnanti e Yoga Terapia è Marc Beuvain. Dal 2010 insegna yoga proponendo sequenze di Asana (posizioni dinamiche e statiche) di base, Pranayama (tecniche di respirazione), fornisce accenni di Nada Yoga (Yoga del suono) ed utilizza, durante ogni sessione, Bhavana (visualizzazioni) e momenti dedicati al rilassamento. Ecco perchè vuole condividere gli strumenti che questa disciplina mette a disposizione con le persone che sono interessate ad impararle. Inizia a proporre yoga ai bambini durante gli studi universitari (laurendosi in seguito in Scienze dell' Educazione) e il suo lavoro di educatrice con i minori. Decide poi di dedicare tutto il suo impegno all’insegnamento dello Yoga organizzando singoli incontri e brevi percorsi dove i bambini hanno potuto sperimentare questa disciplina giocando e divertendosi. Inizia nel 2010 un percorso di formazione con Wanda Patt proseguendo con la formazione annuale presso A.I.Y.B. (Associazione Italiana Yoga Bambini) e con Marc Beuvain. Curiosa ed aperta ad apprendere nuovi modi di trasmettere lo Yoga, soprattutto ai bambini, si documenta studiando testi di altri famosi insegnanti ed educatori come Gabriella Cella e Thich Nhat Hanh. Per lo yoga dei bambini ritiene fondamentale una pratica personale e costante che sperimenta con i suoi due figli costatandone l’importanza e l’efficacia. In parallelo al percorso yoga, sviluppa la passione per Aura Soma, un sistema di cura basato sul colore, nato in Inghilterra. Nel 2010 inizia la formazione fino a completare il terzo livello. Fornisce consulenze ad adulti e per rendere questo sistema accessibile ed adatto ai bambini abbina la fiaba e lo yoga durante le consulenze ai piccoli.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.