Colore blu: simbolo di calma e quiete, le proprietà anti ansia e stress

Cromoterapia, blu, antistress, benessere corpo mente

Colore blu: continuiamo il nostro affascinante viaggio nei colori alla scoperta dei loro effetti su corpo e mente. Il blu è il colore simbolo della quiete, dell’introversione e della saggezza.

Anche per questo colore, riconoscere le sue proprietà e gli effetti che produce è importante per riequilibrare nei momenti opportuni della nostra vita, ambienti e persone.

Blu e cromoterapia

La cromoterapia utilizza il blu nelle pareti per contrastare ansia e stress.

Annuncio pubblicitario

Anche l’insonnia sarà placa dal colore blu, che si tratti di colore alle pareti, luci, abiti… oppure di utilizzo terapeutico della cromoterapia.

Le varie tonalità del blu poi possono essere prese in considerazione per situazioni più specifiche: il celeste può donare sollievo agli occhi, l’indaco consigliato in caso di cataratta.

Blu come… significati simbolici

Il blu è il colore del cielo, azzurro di giorno e blu di notte, come il mare, come l’acqua.  Blu come la profondità, e azzurro come la spensieratezza.

Blu come la calma e la staticità.

E’ il colore della fiducia, della sobrietà e del rispetto. E’ associato al lato sinistro, e femminile, il moto centripeto. E’ anche un colore istituzionale. Probabilmente per questo motivo molte aziende lo utilizzano nella loro comunicazione e nei loro marchi. Nel mondo della tecnologia basti pensare ad IBM ed HP.

In ambito spirituale il blu simboleggia la divinità, la meditazione.

Blu è un colore freddo e rinfresca. Pensate alla sensazione della permanenze in un ambiente illuminato da luce blu.

Effetti sul corpo

Dal punto di vista energetico il blu è l’antagonista del rosso.

E’ un colore dall’effetto rinfrescante, agisce sul sistema nervoso parasimpatico e tra gli effetti che produce ci sono il rallentamento del battito e la diminuzione della pressione sanguigna. Inoltre il suo potere sedativo e rilassante predispone alla calma ed al riposo. Agisce anche come antisettico ed attenua i dolori.

Anche se non ci sono prove scientifiche pare che il blu plachi le infiammazioni.

Esplica la sua azione sulla tiroide, sulla zona della gola e del collo (anche per i dolori).

In cromoterapia sono davvero tante le situazioni in cui il blu può apportare utili benefici, comprese molte situazioni di disagi acuti che portano dolore (e causate da un eccesso di calore): febbre e infiammazioni, emorroidi, spasmi, dolori mestruali, dolori acuti, ascessi, ecc.

Effetti sulla psiche

Infonde tranquillità e genera silenzio, suscita fiducia, fedeltà e sobrietà. Incute rispetto. Il colore blu piace alle persone cerebrali ed alle persone introverse, non a caso l’espressione inglese “feeling blu” significa “essere giù di corda”.. E’ quindi il colore della mente riflessiva, dell’intuizione. Chi non lo ama non apprezza l’eccessiva calma e la pace che determina. Ecco perchè la cromoterapia utilizza il blu per far dimenticare lo stress e tutti i problemi ad esso annessi come ansia, insonnia, irritabilità e nervosismo.

Cibi blu

Quando c’è bisogno di blu, e se possibile seguendo la stagionalità, è utile introdurre nell’alimentazione cibi come il cavolfiore viola, le melanzane, i mirtilli, le more, l’uva nera, ed altri cibi di colore blu o violaceo. Nell’ambito delle problematiche collegate all’alimentazione, come per esempio l’obesità, gli esperti di cromoterapia hanno ipotizzato che tra le cause ci possa essere anche uno squilibrio cromatico e nel caso specifico dell’obesità un eccesso di blu e conseguente carenza di raggi rossi, per cui sono possibili interventi sulla dieta che tengono conto dell’equilibrio cromatico dei cibi, e l’introduzione di acqua solarizzata rossa. Al contrario persone sottopeso possono beneficiare del potenziamento del blu a livello alimentare.

Altre curiosità: chakra e cristalli

Nella filosofia yogica il blu corrisponde al centro energetico posizionato al centro della gola, il 5^ Chakra, implicato nella comunicazione. Le proprietà del blu lo rendono indicato nelle camere da letto, e controindicato in luoghi di riunione, o salotti, in quanto tende a far spegnere le conversazioni.

E’ stato dimostrato che la luce blu riduce la crescita delle piante, e in ogni caso crea un rallentamento anche nell’attività dell’uomo.

Le benefiche vibrazioni dei colori possono essere trasmesse all’organismo anche attraverso l’uso di cristalli colorati che rappresentano un forma “purificata della materia” grazie al fatto che i loro atomi sono legati tra loro con armonia e compattezza. Una visione olistica considera i cristalli come una forma di luce cristallizzata. Tra le pietre blu nelle sue diverse gradazioni, ricordiamo l’azione calmante e ricostituente del topazio azzurro, l’agata blu oppure lo zaffiro che è stato per lungo tempo associato alla pace e alla felicità, e che in passato si credeva – probabilmente non a torto – aiutasse nella comunicazione, nella introspezione, nell`intuizione, e nella preghiera. Nei trattamenti olistici spesso i cristalli vengono posizionanti sul punto – ad esempio sul punto del chakra in disequilbrio  – per consentire di beneficiare della loro energia.

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.
Articolo precedentePrevenire le allergie di primavera con la naturopatia
Articolo successivoPensieri: affollano la nostra mente. Sai a cosa stai pensando?
Claudio Monteverdi
Naturopata, esperto di alimentazione naturale, educatore alimentare. Convinto sostenitore della visione olistica e del vivere etico e sostenibile, curioso e studioso. È impegnato da anni nella divulgazione di tematiche su alimentazione e benessere. Ha frequentato il corso triennale di naturopatia alla scuola Riza Natura dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica (Milano). Ha frequentato corsi di perfezionamento su floriterapia alla scuola del Bach Center, tecnica Craniosacrale, Digitopressione Dinamica e Riflessologia Plantare Integrata® presso Riza. Ha frequentato il master Operatore del Benessere presso il Centro Studi di Perugia. Ha approfondito L’alimentazione naturale con alcuni riferimenti del mondo medico scientifico (Franco Berrino, Debora Rasio, Martin Halsey...) partecipando a numerosi convegni e workshop. Partecipa costantemente a convegni, eventi formativi e manifestazioni a tema alimentazione e benessere. Grazie alle passioni storiche per il web, il marketing e la comunicazione, derivate da una Laurea in Scienze dell'Informazione e da anni "da manager" in diverse aziende, dopo aver collaborato con importanti iniziative editoriali del mondo olistico e con alcune realtà di prodotti naturali, ha ideato e fondato il progetto BenessereCorpoMente.it. Mette a disposizione di aziende e privati la sua esperienza facendo anche attività di consulenza, in particolare sui temi dell'alimentazione naturale e dell'educazione alimentare.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.