I benefici del Timo

0
44
timo, fiori, pianta aromatica

Tra le piante aromatiche che possono colorare e profumare i nostri balconi e i nostri piatti troviamo il Timo (Thymus vulgaris e Thymus serpillum le specie più usate). È una pianta che appartiene alla famiglia delle Lamiacee e produce bellissimi fiori che sfumano dal bianco al rosa. Si presta ad essere coltivata sul balcone poiché non richiede cure particolari e resiste anche al freddo. Possiamo trarre benefici sia dai fiori che dalle foglie. Scopriamo insieme tutte le preziose proprietà di questa pianta aromatica.

Proprietà

Il timo fornisce un buon apporto di vitamina A, vitamina C, flavonoidi e  sali minerali tra cui calcio, fosforo, potassio, magnesio e ferro e oli essenziali tra cui il timolo, linalolo, carvacrolo.

Il timo è un buon depurativo, ha proprietà antisettiche, antibatteriche, espettoranti e balsamiche. Favorisce la digestione e allevia i disturbi dell’apparato digestivo, stimola l’appetito ed è un buon tonico per l’organismo.

Come sfruttare al meglio i benefici del Timo

Sotto forma di infuso, lasciando le foglie in infusione per non più di 5 minuti in acqua bollente, si ottiene un vero e proprio rimedio naturale. E’ utile per i disturbi dell’apparato digestivo: nausea, digestione lenta dovuta a pasti abbondanti, flatulenza.

L’infuso è utile anche per contrastare le i disturbi da raffreddamento come tosse e raffreddore e le infezioni del cavo orale, i dolori mestruali. Le foglie possono anche essere utilizzate per dei suffumigi disinfettanti ed espettoranti.

Il timo è anche un ottimo alleato cosmetico: l’infuso se utilizzato per l’ultimo risciacquo dopo lo shampoo regolarizza il cuoio capelluto rendendo i capelli meno grassi e più luminosi. In alternativa potete aggiungere qualche goccia di olio essenziale al vostro shampoo neutro.

Il timo in cucina

Potete aromatizzare molti dei vostri piatti preferiti con questa erba benefica sia fresca che essiccata: risotti, minestre, zuppe ma anche verdure, legumi e frittate.

Controindicazioni

E’ sconsigliato in gravidanza ed in ogni caso l’infuso va assunto con moderazione. L’olio essenziale non va ingerito.

Ti può interessare anche:“Oli essenziali di Timo e Rosmarino”

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.