Bardana: proprietà di depurazione, integrazione, equilibrio

bardana, radice di bardana, fiore di bardana, estratto idroalcolico, tintura madre, la bardana, benessecorpomente

La Bardana, il cui nome botanico è Arctium lappa, è una pianta erbacea biennale della famiglia delle Asteraceae, o Composite, che predilige i terreni incolti, alta fino a due metri, con caratteristiche bratte uncinate. Per usi fitoterapici ne vengono utilizzate principalmente le radici, meglio se fresche, e le foglie. La raccolta avviene in autunno o nella primavera prima della fioritura.

Storia della bardana, il mito

Le sue proprietà sono magnificate già da Publio Virgilio Marone nelle “Bucoliche” (43-39 a.C.).

Annuncio pubblicitario

Nell’antica Cina veniva già utilizzata per le malattie da raffreddamento, nel Medioevo Santa Ildegarda da Bingen la utilizzava per curare le neoplasie maligne. Targioni Tozzetti nel suo “Materia Medica” del 1847 scrive: “Questa radice è stimata aperitiva, mondificante, diuretica, febbrifuga, sia sola che unita ad altre droghe della medesima qualità”.

Alla corte di Enrico III Re di Francia, la si utilizzava contro la sifilide e dalle cronache del tempo sembra che egli stesso, oltre a molti suoi cortigiani, ne venne guarito. Altri usi in tempi più recenti la rilevavano efficace contro stafilococchi, streptococchi, pneumococchi, con qualità depurative, diuretiche e coleretiche.

Inoltre, se ne affermava già da tempo la validità per contrastare fenomeni artritici e le affezioni reumatiche; in alcune culture antiche le veniva attribuita anche la proprietà di ‘tenere lontano il Male”.

Bardana amica della pelle: depurativa e antisettica

La bardana viene spesso usata, grazie alle sue proprietà depurative e antisettiche, principalmente per problematiche di pelle, a partire dall’acne giovanile, che contrasta molto efficacemente, ma anche contro eczemi e dermatosi in genere.

Usando la Bardana, in tintura madre, indicativamente 40 gocce in due dita di acqua, venti minuti prima dei pasti, tre volte al giorno per cicli di due mesi, si possono avere ottimi risultati visibili in tempi rapidi sulla pelle.

Un buon abbinamento è quello con la tintura madre di Viola tricolor, che ne potenzia l’efficacia.

Principi attivi e sua utilità in erboristeria

Polisaccaridi (inulina e mucillagini), amari, polifenoli (acido caffeico, acido clorogenico), principio antibiotico ad attività simil-penicillinica attivo sui germi Gram positivi, sterolì, oli essenziali.

Le sue componenti conferiscono a questa pianta le seguenti proprietà:

  • depurative
  • drenanti del fegato
  • antimicotiche
  • ipoglicemizzanti (può avere interazioni con gli ipoglicemizzanti di sintesi)
  • antibatteriche
  • antireumatiche.

Oltre che per dermatosi e acne, la bardana è utile per riequilibrare le iperglicemie e iperuricemie, talvolta a supporto di trattamenti farmacologici prolungati (con corticosteroidi e antibiotici), ma anche nelle forme reumatiche e in corso di malattie esantematiche quali morbillo e rosolia.

Nel caso di reumatismi se ne consiglia l’uso sotto forma di estratto secco, in capsule.

Un’ottima abitudine depurativa è bere una tisana di bardana alla sera, facendo bollire le radici (in vendita qui) lentamente per 3 minuti, lasciando poi riposare per altri 5, e bevendone una tazza ogni sera per cicli di due mesi (lontano dal pasto).

Estratto spagirico di Bardana

Una nota a parte merita l’elixir spagirico di Bardana.

Si tratta di un prodotto, derivante da un particolare procedimento di estrazione che ne conserva intatte le proprietà affinché apportino beneficio sui 3 piani dell’essere umano.

Azione dell’estratto spagirico di bardana sul piano fisico

Sul piano fisico si usa contro infezioni batteriche, acne, psoriasi, ipercolesterolemia, litiasi renale ma anche epatiti, cirrosi epatiche e litiasi biliari. Su quello emotivo l’estratto spagirico è indicato per coloro che temono fortemente la disapprovazione altrui.

Azione dell’estratto spagirico di bardana sul piano mentale

Sul piano mentale la bardana risulta efficace per aiutare chi ha difficoltà ad integrare le diverse parti della propria personalità. Le quantità del rimedio sono molto ridotte, essendo la sua azione molto sottile, e se ne suggerisce l’assunzione da 1 a 7 gocce in poca acqua da 1 a 3 volte al giorno.

Bardana controindicazioni e avvertenze

Si sconsiglia l’uso in gravidanza e durante l’allattamento. Per ulteriori dubbi rivolgersi al proprio medico.

Vi ricordo che questi consigli hanno valore generico, per particolari problematiche connesse a patologie o sospette patologie si consiglia sempre di rivolgersi ad un medico per la diagnosi, o a un professionista esperto, per avere una consulenza mirata e soggettiva.

Bardana - Infuso
Infuso di Bardana
Rocca Dei Fiori

 

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.