Bambini inappetenti: come fare a far sì che mangino

bambini inappetenti

Bambini inappetenti, che fare?

Quando ci troviamo nella situazione in cui i nostri bambini sono inappetenti può essere una buona occasione anche per noi. Possiamo per trasformare la noiosa routine in un momento di gioco e scoperta.

Portare l’attenzione all’appetito dei bambini

Si può cominciare col fare la spesa assieme assecondando i gusti dei piccoli in fatto di forme e colori. Saranno così portati ad assaggiare ciò che da soli hanno scelto, faranno più attenzione ai sapori e forse cominceranno a capire che non tutto ciò che è bello e colorato è poi così buono.

L’estate ricca di colori, profumi e varietà alimentari sembra il periodo più adatto. Ma anche ritrovarsi in cucina nei pomeriggi invernali, preparando biscotti e torte o spiando il lento sobbollire dei fagioli, permette di riscoprire almeno per qualche ora un ritmo più pacato del tempo, da utilizzare per giocare e raccontare delle storie invece di abbandonarsi davanti alla tivù

Bambini inappetenti: attenzione alla quantità

Stabilire a priori la quantità di cibo ideale per un bambino è un’astrazione che spesso provoca errori o grosse ansie.

Ogni bambino è unico e particolare. Anche tra fratelli le esigenze sono diverse, per cui è bene osservare il singolo bambino e calibrare le porzioni di ogni pasto sulle sue specifiche esigenze, proprio come si fa con un vestitino.

Chi meglio del bambino può capire quando ha fame o quando è sazio? Non potendo esprimersi a parole il lattante piangerà se ha fame e dormirà pacifico se è sazio, poi oltre ai desideri del momento saranno la sua vitalità e il suo stato di salute in generale a indicarci se ciò che mangia è sufficiente

Mangiare troppo

Al giorno d’oggi in occidente è molto più facile che i bimbi mangino troppo rispetto ai loro reali bisogni, infatti la percentuale degli obesi è in aumento.

Bisogna poi distinguere nettamente tra i cibi fondamentali e i cibi superflui. Spesso i nostri bimbi vengono abituati a mangiare in continuazione cibi non essenziali: gelati, caramelle, cioccolatini, merendine,

Molto spesso a base di zucchero raffinato, coloranti, conservanti e grassi di scarsa qualità.

Si tratta di NON-alimenti che impoveriscono invece di nutrire l’organismo e ne riducono le difese aprendo così la porta a malattie e infezioni.

Preparare un menù con loro

Vediamo di coinvolgere anche i nostri bambini inappetenti stimolando la fantasia dei nostri piccoli cuochi.

Le regole del gioco:

  • avere a disposizione un bel piano di lavoro, libero dagli oggetti non necessari e pulito cucinare con un bel sottofondo musicale
  • lavarsi le mani
  • cominciare a pesare e a predisporre sul piano di lavoro tutti gli ingredienti
  • seguire le varie fasi della ricetta
  • maneggiare con la massima attenzione gli utensili taglienti
  • accendere in anticipo il forno
  • controllare con un orologio o un timer i tempi di cottura
  • fare attenzione nel mettere le padelle e le casseruole sul fuoco

Pain perdu (per 4 persone)

Ingredienti

  • ½ bicchiere di latte di soia
  • 2 uova
  • 2 cucchiai olio di oliva
  • 4 fette di pane raffermo

Preparazione

  1. Mettete le uova e il latte in una ciotola, sbattete leggermente il composto e immergetevi le fette di pane.
  2. Scaldate in una padella l’olio di oliva e quando è bollente adagiatevi le fette di pane strizzate
  3. Cuocete il pane a fiamma vivace e quando incomincia a colorirsi, giratelo e portate a termine la cottura
  4. Servite il pane “perso” caldo, cosparso con abbondante succo d’acero e gustate insieme ai vostri bambini!

Ti può interessare anche:“L’effetto degli additivi alimentari sui bambini”

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.