Ghiaccioli e gelati con coloranti ai bambini: fate attenzione!

0
2796
coloranti, aromi, bambini, coloranti da evitare

Coloranti nei ghiaccioli che compriamo ai nostri bambini, ci avete mai pensato?

D’estate  la vita all’aria aperta, il caldo torrido ci porta a sentire il bisogno di mangiare qualcosa di fresco. Gelati, ghiaccioli, granite sono tra i prodotti più consumati  dai grandi e dai bambini.

Gelati, ghiaccioli e granite sono così salutari e genuini ?

Per quanto riguarda la sfera infantile  l’assunzione di prodotti contenenti coloranti vari  potrebbe esporre  i piccoli consumatori  (in particolare a chi ha una predisposizione alle allergie) a problemi e disturbi più o meno seri. Vediamo insieme di che cosa si tratta.

Ghiaccioli attraenti e colorati con i coloranti

Annuncio pubblicitario

La maggior parte dei ghiaccioli ad esempio contiene coloranti che possiamo definire “accettabili” (attenzione! accettabili non vuol dire che siano naturali ndr) ossia non propriamente tossici o dannosi. La classe colorante prevalente è quella degli antociani che sono presenti anche nella frutta, ma che non possono essere considerati altrettanto salutari se  contenuti in un prodotto insieme ad altri additivi…

Alcuni additivi da evitare

Gli ingredienti più preoccupanti sono gli aromi, onnipresenti in tutte le marche, la maggior parte dei quali ottenuti sinteticamente e di cui si ignorano le possibili interazioni con altri additivi ed aromi … L’abitudine ideale ogni volta che si acquista un prodotto (ed in particolare se destinato ad un bambino) è quello di verificare  negli ingredienti la presenza ( ma meglio ancora l’assenza …) di  alcune sigle, che trovate nella piccola lista che segue.

E102 la TARTRAZINA: è un colorante che si trova molto frequentemente, è altamente tossico ; i rischi derivanti dalla sua assunzione  vanno dall’iperattività all’asma, insonnia, eczema, disturbi alla vista. È cancerogeno.

E131 il BLEU PATENTATO (quello che si trova nella maggior parte dei gelati gusto PUFFO  delle gelaterie artigianali), crea problemi di asma.

E104 GIALLO DI CHINOLINA ( colorante sintetico di catrame di carbonfossile ) presente in gelati , ghiaccioli  e caramelle . Ha un effeto stimolante sulla produzione di istamina, quindi pericoloso per i soggetti allergici.

E150/150B/C/D  caramello  si trovano in tutti i gelati , caramelle, ghiaccioli  al gusto di coca cola. Sono altamente dannosi, ottenuti da una reazione esotermica  tra saccarosio ( edulorante cancerogeno ) esostanze chimiche quali acido solforico e ammoniaca.

E 300  ACIDO ASCORBICO, presente in una vastissima  quantità di prodotti , la vitamina C per intenderci , che sia di origine sintetica o naturale se assunta in grosse quantità potrebbe  provocare disturbi gastrointestinali, calcoli renali.

Attenzione anche ai prodotti dolcificati

Caramelle light e bevande light, chewing gum light, quali scegliere?  In linea generale andrebbero evitati  in quanto ritenuti  cancerogeni ed in alcuni paesi addirittura vietati. Leggendo le etichette fate particolare attenzione ai seguenti ingredienti:
Aspartame   prodotto neurotossico assolutamente da evitare
Acesulfame k  provoca tumori, leucemie , ipercolesterolemia, ipoglicemia.
Saccarina il meno pericoloso dei tre ma comunque sintetico .predispone ad allergie varie.

E allora facciamo ghiaccioli in casa

I  coloranti  sopracitati sono una minima parte di quelli presenti  nei prodotti che consumiamo tutti i giorni  per questo una sana abitudine è quella di verificare sempre l’etichetta dei prodotti che pensiamo di consumare, e magari decidere i di produrre i ghiaccioli  che sono semplicissimi da preparare in casa.

Si possono scegliere gusti e varianti che si preferiscono ottenendo cosi dei prodotti completamente naturali e privi di coloranti e aromi artificiali si possono dolcificare con malto di riso o sciroppo d’acero e se si utilizza frutta molto matura non vi è nemmeno la necessità di dolcificarli. Del resto un tempo le  nonne utilizzavano questi sistemi per creare delle leccornie per i propri  nipotini !

Se volete un’idea per fare degli ottimi e sani ghiaccioli in casa ai vostri bambini leggete questo articolo.

L’antica saggezza

“Non prescrivere mai un rimedio finché è possibile dare consigli alimentari” … diceva il medico arabo  Ibn al-Nafis (chiamato dagli scrittori latini Annafis) nel XVIII secolo,  nonostante in quel tempo non ci fosse  la chimica del giorno d’oggi. E allora facciamo tesoro di questi consigli antichi, ma quanto mai attuali.

 

Biololly Ghiaccioli
© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.