Bacche di Goji superfood e integratore di benessere. Consigli

bacche di goji, gojy berry, Goji Berries, antiossidanti, frutti rossi

Bacche di Goji e superfood, un connubio ormai noto.Originarie delle valli e degli altipiani Himalayani, le bacche di Goji (Lycium barbarum) sono considerate da secoli un vero e proprio un farmaco naturale. Secondo la tradizione delle popolazioni locali  queste bacche (o berries) hanno la proprietà di preservare la salute, di donare energia fisica e mentale,  anche in età avanzata. Queste e altre proprietà, come vedremo, sono ormai riconosciute e verificate anche in occidente, che ha acquisito l’appellativo di elisir di lunga vita. Leggete e ne capirete il motivo.

Bacche di Goji o Goji Berries, non solo moda

Quando nel 2011 pubblicavo il mio primo articolo sui frutti rossi del Tibet dalle sorprendenti proprietà, le bacche di Goji appunto, questi superfood erano da poco apparsi sul mercato italiano ed erano noti solo ai più curiosi e attenti alle novità dell’alimentazione naturale.

Oggi alle fiere di alimentazione e benessere se ne vendono a chili, e non solo: se prima dovevi cercarle nei negozi di prodotti naturali e biologici ora le trovi anche al mercato rionale, sul banco insieme ad olive e capperi. Ma non fidatevi, in fondo all’articolo vi spiego  come scegliere il prodotto giusto.

Per cominciare, ecco i 7 buoni motivi per mangiare le bacche di Goji

  1. Contrastano l’invecchiamento
  2. Rinforzano le difese immunitarie
  3. Prevengono  l’insorgere di malattie
  4. Stimolano il metabolismo
  5. Rinforzano i capelli
  6. Aiutano a dimagrire
  7. Sono buone e naturali (ma non tutte!)

Ottime  proprietà antiossidanti

Le bacche di Goji o Goji Berries, o Lycium Barbarum se vogliamo utilizzare il nome scientifico sono frutti di piante spontanee  originarie dell’Asia, più precisamente delle  valli Himalayane, del Tibet, della Mongolia ed di alcune zone della Cina. Sono bacche rosse simili  a ciliegie allungate sono ormai considerate un supercibo – un superfood appunto – ed i benefici che possono apportare al nostro benessere sono tanti che giustificano l’eccezione alla scelta del prodotto locale e di stagione.

Goji  in cucina ma anche curative

Non a caso le bacche di Goji non sono una novità per il mondo orientale, esse sono conosciute da migliaia di anni e considerate un elemento essenziale nella medicina tradizionale cinese. E cosi se da una parte sono note e usate per curare una grande varietà di disturbi, dall’altra sono parte dell’alimentazione tradizionale come ingredienti per le zuppe.
Esperti di tutto il mondo concordano nel definire le Goji Berries uno degli alimenti naturali più nutrienti e soprattutto più ricchi di antiossidanti, e quindi con importanti proprietà anti-invecchiamento.

Il frutto della longevità

Numerose ricerche mediche hanno dimostrato che le bacche di Goji costituiscono un potente integratore naturale con la proprietà di rafforzare il nostro sistema immunitario. Questo è possibile grazie ad un potere antiossidante nettamente superiore a quello di altri frutti come arance, fragole, mirtilli, e melagrana (anch’essa superfood). Infatti il valore attribuito alle bacche di Goji sulla scala ORAC (valore che misura il potere antiossidante dei cibi) è oggettivamente superiore a tutti i cibi citati.

PubMed un sito di riferimento  del mondo scientifico che vanta un archivio di milioni tra documenti, ricerche e referti biomedici da tutto il mondo, stima più di 100 articoli  sulle proprietà benefiche del Lycium Barbarum, alle quali sono attribuiti anche effetti antitumorali.

La storia delle bacche

Mi piace  anche citare una storia trovata nel web  che parla di un pozzo d’acqua in Tibet, che  si trovava nei pressi di un tempio buddhista nell’800 d.C. Il pozzo era circondato da piante di Goji e gli abitanti del luogo che si recavano al tempio per pregare,  bevevano la sua acqua, e godevano tutti di ottima salute: anche in anziana età erano sani, il colore dei loro capelli non era cambiato, ed avevano tutti i loro denti. Tutto ciò si dice fosse dovuto alle bacche di Goji che cadendo nell’acqua del pozzo la trasformavano in elisir di giovinezza per i suoi “bevitori”.

Goji
Bodo J. Baginski, Shalila Sharamon
Goji
Punto d’Incontro

Proprietà nutrizionali

Le proprietà nutrizionali variano in relazione al luogo di provenienza e al tipo di coltivazione e lavorazione a cui sono sottoposte, per cui qui vi evidenziamo solo dati qualitativi. Le Bacche di Goji contengono proteine, ferro (in quantità paragonabili alle lenticchie), 18 aminoacidi, vitamina C in quantità assolutamente superiore ad arance ed agrumi, vitamine del gruppo B (B1, B2 e B6), vitamina E (tocoferolo), oligoelementi e tracce di 21 minerali, polisaccaridi, betacarotene (10%), superiore alle carote.
Cugine di patate, pomodori e melanzane

Il Goji appartiene alla famiglia botanica delle Solanacee (ebbene si! la stessa di pomodori, peperoni, melanzane e patate), ed una delle caratteristiche interessanti dei suoi frutti è che provengono da zone del globo il cui suolo è molto ricco di minerali e sostanze preziose per la sua crescita..

Come si mangiano

La forma più diffusa in Italia è il frutto essiccato che si presenta con aspetto simile all’uva sultanina, ad eccezione del colore marcatamente rosso.  Recentemente si iniziano a trovare in vendita anche i frutti freschi, ma sono ancora poco diffusi. Il sapore è gradevole, leggermente zuccherino, consistenza simile alle uvette, ma per capire bisogna assaggiare. Se ne consigliano 20/30 grammi al giorno a colazione, oppure come spuntino spezza-fame.

Idee per utilizzarle in cucina

Oltre a mangiarle tal quali, ecco alcune idee.

  • A colazione: aggiunte al latte vegetale (latte di riso, latte di mandorla, latte di avena) con frutta secca, semi, crunchy o muesli secondo il vostro gradimento.
  • A pranzo: nelle insalate. Mettete a mollo per 10/15 minuti le bacche essiccate per ammorbidirle. Scolatele ed aggiungetele alle vostre insalate miste. Daranno una nota di colore, gusto e fantasia.
  • Nel dessert: possono essere utilizzate come ingrediente di creme dolci o anche solo per guarnirle.
  • Per le tisane: potete aggiungere qualche Goji berry alla vostra tisana floreale preferita, oppure al tè verde.

Quali comprare

Questo è un capitolo molto importante. La recente diffusione, la moda, delle bacche di Goji ha portato all’immissione sul mercato di prodotti di dubbia qualità. Non certificati, di non chiara provenienza, senza informazioni sulle modalità di coltivazione.

La prima regola è di acquistare prodotti con il marchio di certificazione biologica. O comunque, verificare per bene l’offerta dell’azienda, i principi etici e la qualità dell’offerta.

Bacche essiccate al sole, un controllo utile

Inoltre, un altro aspetto importante che vale la pena di verificare è che si tratti di bacche essiccate al sole. Perché questa precisazione? Perché spesso per consentire una lunga conservazione dell’alimento, questo viene sottoposto a “pastorizzazione”. Ciò significa che le bacche vengono essiccate portandole ad alte temperature che ne deteriorano le qualità nutrizionali.

Un esempio di prodotti di qualità? Fortunatamente in commercio si trovano anche degli ottimi prodotti come le Bacche di Goji Bio Forlive (in vendita qui)

 

Bacche di Goji Bio
Bacche di Goji Bio
Articolo aggiornato il giorno 8/6/2018.

 

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.