Come armonizzare il terzo chakra

manipura, terzo chakra

Manipura Chakra, il fuoco in noi

 Il nostro percorso alla scoperta dei Chakra prosegue con Manipura, il terzo Chakra, posizionato tra l’ombelico ed il plesso solare. Legato all’elemento fuoco governa l’apparato digerente, il pancreas, la muscolatura e le ghiandole surrenali. Si passa dalla materia al movimento, alla creazione di energia. E’ la combustione data dal metabolismo, la trasformazione, l’azione. Si passa dalla materia e dall’inerzia dei primi due chakra all’energia del fuoco, con le sue fiamme che fluiscono verso l’alto. E’ questo il centro energetico dell’attrazione tra i sessi, della scoperta delle emozioni, dell’affermazione personale, dell’autostima, del potere e della volontà. Rappresenta gli aspetti razionali e logici del nostro pensiero. Troviamo l’equilibrio tra le idee e le emozioni con questa pratica Yoga:

Mantra – Suono

Il mantra legato al primo centro energetico è RAM, potete ripeterlo a voce alta oppure mentalmente durante la pratica, quando espirate.

Pranayama – Respirazione

Bastrika Completo- Mantice

Annuncio pubblicitario

Inspiro: Rapido e ritmato, l’ombelico esce velocemente verso l’esterno,  Rilassa la mandibola.

Espiro: attiva la muscolatura addominale, fai rientrare l’ombelico in modo veloce e deciso, spingendo fuori l’aria, contemporaneamente avvicina i denti, come se stessi masticando.

Mantieni la colonna vertebrale allungata verso l’alto, evita di cedere curvando la schiena. Cerca di espirare muovendo solo l’addome, in modo deciso ma fluido, evitando di far sobbalzare il torace.

Inspiro ed espiro aumentano gradualmente di velocità. Questa respirazione attiva il fuoco, attiva l’apparato digerente.

Asana – Posizioni

Parivritta Utkatasana – La sedia in torsione.

Piedi uniti, allunga le braccia in alto oltre la testa inspirando, espirando scendi come se dovessi sederti su una sedia dietro di te. Porta il peso sulle dita dei piedi, porta il pube in avanti facendo scendere il sacro per distendere la zona lombare. Unisci i palmi delle mani ed espirando ruota verso destra, portando il gomito sinistro oltre il ginocchi destro. Le mani sono al centro del petto, le ginocchia allineate sullo stesso piano, la nuca in linea con il sacro. La torsione aiuta ad eliminare le tossine ed ad attivare gli organi addominali. Ripeti a sinistra.

Bujangasana – Il Cobra.

In posizione prona a terra, gambe distese con il dorso dei piedi a terra, mani sotto le spalle, inspirando distendi le braccia e solleva le spalle e la testa, inarca la schiena. Allunga l’addome, elasticizza la colonna, migliora il funzionamento dell’apparato digerente, dei reni.

Navasana – La barca.

Seduto con le gambe distese le mani a terra di fianco al bacino, solleva le gambe da terra. Trova l’equilibrio, attiva la muscolatura addominale e solleva le braccia portandole parallele a terra. Tieni la schiena allungata, con la colonna vertebrale distesa. Potenzia la fascia addominale, massaggia gli organi interni e rafforza le lombari.

Parivritta Parshvakonasana – Posizione laterale ad angolo ruotata.

Parti in piedi con le gambe divaricate, ruota il piede destro verso destra di 90°, porta le braccia all’altezza delle spalle, inizia il movimento dalla base della colonna vertebrale e mantenendo la schiena allungata scendi con la mando destra lungo la gamba destra, fino a tera. Sei in Trikonasana, il triangolo. Piega la gamba destra mantenendo il ginocchio in linea sopra la caviglia. Appoggia a terra la mano sinistra e solleva la destra, facendo una torsione. Elasticizza la colonna e le gambe, Attiva l’apparato digerente, aumenta le capacità respiratorie. Ripeti a sinistra.

Mudra – gesti delle mani

Apan Mudra – Mudra dell’energia.

Unisci le punte di pollice, medio e anulare, le altre dita distese.  Aiuta ad eliminare scorie e tossine, Apporta energia a fegato e cistifellea, Favorisce pazienza, serenità, fiducia, equilibrio interiore e armonia.

Pratica con costanza ed osserva la crescita del tuo fuoco interiore.

Ti può interessare anche:“Plesso solare e 3° Chakra: come rimettere in moto l’apparato gastro-intestinale”

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.