Come armonizzare il quarto chakra con lo yoga

anahata, quarto chakra

Anahata, il quarto Chakra e la via del Cuore

Siamo ormai a metà del nostro percorso, Anahata, il quarto Chakra, quello del cuore e dell’amore incondizionato. E’ posizionato al centro del torace e governa il sistema immunitario, cuore, polmoni, timo, braccia e  mani. Governato dall’elemento aria, siamo passati dalle parti più solide e materiali a quelle più sottili, impalpabili.

Amore, sentimenti e rapporti in equilibrio

Il quarto chakra ci insegna il controllo dell’ego, indispensabile per aprirsi all’altro con amore, compassione, accettazione. Siamo nelle energie degli aspetti emozionali e sentimentali dell’essere umano, qui impariamo gli equilibri dell’amore e dell’affettività, tra desiderio e libertà, egoismo e generosità, ricevere e donare.

Annuncio pubblicitario

Siamo anche nell’ambito dell’esternazione dei sentimenti, non tanto a parole ma con il corpo, in particolare braccia e mani, che usiamo per abbracciare, gesticolare, carezzare, ma anche schiaffeggiare… due lati della stessa medaglia.

Mantra, il suono per il quarto chakra

Il mantra legato al primo centro energetico è YAM, potete ripeterlo a voce alta oppure mentalmente durante la pratica, quando espirate.

Pranayama, la respirazione

Respirazione Dinamica: Partendo da una posizione accucciata, inspirando distendere le gambe portandosi in piedi, distendere le braccia verso l’alto ed allungarsi verso sinistra. Espirando tornare nella posizione accucciata. Ripetere a destra. Continuare il movimento dinamico, con ritmo sostenuto. Il movimento ed il respiro veloce rinforzano il cuore e migliorano l’equilibrio.

Asana, le posizioni

Dhanur – asana, Arco

Proni con fronte a terra, piegare le gambe e  portare i talloni vicino ai glutei, con le mani prendere le caviglie. Le ginocchia si possono separare, mentre i piedi rimangono uniti. Inspirando i piedi spingono verso l’alto, le spalle si sollevano da terra, la nuca segue la curva della colonna. Migliora l’elasticità ed aumenta l’energia generale, massaggia gli organi addominali, facilita la digestione.

Anahata – asana, il Chakra del cuore

Sulle ginocchia, con i femori perpendicolari a terra, mani a terra con braccia distese avanti, fronte a terra, far scendere il torace scende verso terra senza opporre resistenza con le spalle. Le scapole si avvicinano tra loro, il torace si espande. Rafforza il dorso e la capacità respiratoria.

Ustrasana – Cammello

In ginocchio, gambe separate come i fianchi, bacino che rimane sopra le ginocchia, attivare i glutei per spingere avanti il bacino, contemporaneamente arcare la schiena e portare lo sterno verso l’alto. La nuca segue l’arco della colonna, le mani possono essere nella bassa schiena per proteggere le vertebre lombari, sui tallono sollevati da terra con le dita dei piedi puntati, sui talloni abbassati, con il dorso del piede a terra. Migliora il portamento, contrasta l’incurvamento di spalle e parte alta della schiena, dona sicurezza, combatte la timidezza.

Setubandha – asana, Ponte

Supini ginocchia piegate con i piedi vicino ai glutei, piedi separati quanto i fianchi, braccia stese a terra lungo l corpo. Inspirando sollevare bacino e dorso da terra. Il peso del corpo è distribuito tra i piedi e le spalle.  Elasticizza la colonna vertebrale, tonifica la muscolatura, aumenta il volume toracico e la respirazione.

Mudra – gesti delle mani

Bhramara – mudra, l’ape

Indice piegato fino alla base del pollice, punta del pollice poggiata sul lato dell’unghia del medio, anulare e mignolo distesi. Questo Mudra rinforza il sistema immunitario, riduce le allergie, ripristina la flora intestinale.

La via del cuore ci aiuta a trovare l’equilibrio tra il nostro ego e le persone che ci circondano regolando i rapporti amorosi ed affettivi.

Buona pratica e tanto amore 🙂

Ti può interessare anche:“Il quarto Chakra: l’energia del cuore per aprirsi alla vita con gioia”

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.