Argilla per la pelle, antisettico naturale. Proprietà e ricette

Maschera di argilla, cataplasmi, argilla per la pelle, argilla verde

Argilla per la pelle: è considerata uno dei migliori antisettici naturali perché ha la proprietà di agire unicamente ove necessario.

La composizione chimica dell’argilla

Questa peculiarità deriva principalmente dalla sua composizione chimica: tutte le argille, ovunque scavate, contengono la quasi totalità dei minerali e, in dosi omeopatiche, oligoelementi come rame, oro, argento, stagno (attivo contro gli stafilococchi), costituendo un insieme molto interessante dal punto di vista terapeutico.

Annuncio pubblicitario

Altri fattori, quali

  • la capacità di scambio ionico (ossia la capacità di cedere i suoi ioni minerali ed assorbire tossine idrosolubili),
  • l’essiccazione al sole,
  • la granulometria,

intervengono ad aumentare i suoi meccanismi d’azione.

Il potere assorbente e battericida insito nell’argilla la rende un ottimo cicatrizzante per curare piaghe e ferite, mentre le sue proprietà toniche ed  energizzanti, nonché riequilibratrici nei confronti della cellula, fa sì che si riveli un’alleata come biocatalizzatore dei tessuti connettivi, favorendo la disinfiammazione delle zone affette, per esempio, da cellulite.

Infiammazioni, significato simbolico

Il processo infiammatorio segnala, dal punto di vista psicosomatico, che vi è una sorta di “guerra in corso”, un conflitto che riguarda la persona nella sua globalità, sovente rimosso dalla coscienza e, per questo, espresso attraverso il corpo.

Secondo la visione psicosomatica, nella maggior parte dei casi il conflitto nasce dallo scontro tra le pulsioni dell’individuo e l’ambiente in cui si trova: la persona si sente impossibilitata ad attuare ciò che si desidera nella realtà pratica, poiché l’ambiente risulta ostile.

Infiammazione acuta e cronica, le differenze

Mentre l’infiammazione acuta simboleggia un conflitto nel presente che richiede d’esser portato a coscienza e metabolizzato, l’infiammazione cronica esprime invece il compromesso: la battaglia è in fase di stallo, nessuna delle due componenti riesce a prevalere sull’altra, ed il conflitto diventa parte integrante dell’Essenza della persona, limitandone le funzioni.

Il distretto corporeo in cui l’infiammazione si presenta delinea il quadro emotivo generale, ad esempio il coinvolgimento di un’articolazione o di un muscolo “parla” dell’indecisione tra azione e non azione.

L’infiammazione cutanea (cellulite compresa)  rivela un conflitto sulle modalità di relazione e contatto e nella gastrite emerge l’indecisione tra accettare e respingere (per approfondire vedi l’articolo Gastrite: significato psicosomatico e rimedi naturali )

L’argilla dal punto di vista mineralogico

Va ricordata l’origine dell’argilla: essa deriva da millenari processi erosivi da parte di agenti atmosferici (acqua, vento, calore solare e vulcanico) su rocce di tipo granitico: è , dunque, un minerale appartenente al secondo processo litogenico (minerali secondari).1

I minerali secondari, ben si prestano a coadiuvare la “messa in luce” di quegli aspetti che rappresentano la maschera che ogni individuo indossa per relazionarsi col mondo circostante.

Spesso questa maschera, inizialmente funzionale, tende a prendere il sopravvento sulla natura dell’individuo, imprigionandolo, per così dire, in schemi che non gli appartengono veramente, ma che sono invece “richiesti” dalla società, intesa come ambiente in cui vive.

I minerali secondari sono dunque un’importante risorsa alla quale è possibile attingere ogniqualvolta la “maschera” abbia preso il sopravvento sulla reale natura dell’individuo, nonché in quei frangenti dove il “mal-essere” derivi da palesi conflitti con l’ambiente in cui è inserito, o è cresciuto.

Tratto da “L’oracolo dei cristalli-comunicazione intuitiva con il proprio Sè”, libro di Isabella Dal Pont.

Medicamenti

Cataplasmi disinfiammanti

Per le infiammazioni generiche (distorsioni, contusioni…)

Ingredienti

2 cucchiai d’argilla verde ventilata, acqua q.b.

Preparazione

Mescolate argilla ed acqua fino a farne un composto omogeneo e morbido.

Applicate sulla zona interessata e bendate con una garza. Lasciate coperto almeno 30 minuti. Sciacquate con acqua fresca e ripetete , se necessario, non più di 2 volte al giorno per 4 giorni consecutivi.

Successivamente, sulle contusioni, applicare,  un oleolito d’arnica per favorire il processo di guarigione.

Cataplasma di argilla per la cellulite

Ingredienti
  • 2/3 cucchiai d’argilla verde ventilata,
  • acqua q.b.
Preparazione

Mescolate argilla ed acqua fino a farne un composto omogeneo e morbido.

Applicate sulla zona interessata e bendare con una garza.

Lasciate coperto almeno 30 minuti e sciacquate dapprima con acqua tiepida e poi fresca.  E’ consigliabile procedere con l’alternanza caldo/freddo per almeno cinque minuti, così da stimolare la circolazione sanguigna e linfatica all’interno della zona.

Questo cataplasma va ripetuto a giorni alterni fino a miglioramento.

Nota importante: la cellulite, prima che inestetismo, è un’ infiammazione cronica del tessuto connettivo sottocutaneo e, pertanto, sarebbe opportuno apportare anche cambiamenti nello stile di vita (alimentazione, movimento…). Approfondisci qui nell’articolo dedicato alla cellulite.

Maschera di argilla per la pulizia del viso

Ingredienti

  • 1 cucchiaio d’argilla verde ventilata,
  • ½ cucchiaio di miele,
  • acqua q.b.

Preparazione

Mescolare gli ingredienti in una ciotola di vetro (o ceramica) ed aggiungete l’acqua necessaria a farne una pasta abbastanza fluida.

Lasciate riposare per una decina di minuti.

Detergete il viso con acqua tiepida, al fine di dilatare leggermente i pori della pelle e spalmate un sottile strato di composto su tutto il viso in modo uniforme;lasciate agire per 10/15 minuti.

La maschera va sciacquata con acqua tiepida, seguita da impacchi con acqua fresca (per tonificare). Applicate, infine, un cucchiaino di oleolito di calendula (o altra crema nutriente).

Maschera antirughe

Ingredienti

  • 40 gr di polpa di mela grattugiata,
  • 125 gr di yogurt magro,
  • argilla verde ventilata q.b.

Preparazione

Mescolate in una ciotola di vetro la polpa di mela, lo yogurt e tanta argilla quanto basta per ottenere una pasta morbida. Stendete sul viso e lasciate seccare.

Sciacquate bene con acqua tiepida e tamponate il viso con un tonico.Questa maschera può essere ripetuta ad intervalli di 5/6 giorni per due mesi.

Articolo aggiornato il 25/11/2018

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.