Ansia e rabbia, stanchezza e decisioni da prendere. Che fare? Niente

0
4994
ansia e rabbia, decisioni da prendere, cosa fare, Ansia, stress, stati d'animo negativi: 3 consigli, non fare niente, un esercizio

Ansia e rabbia sono emozioni molto comuni, la vita di molte persone va di corsa, con tante decisioni da prendere e la stanchezza sempre presente. Che fare in questi casi? Proviamo a inquadrare meglio il problema.

Ansia e rabbia, stanchezza e…

Viviamo in un mondo in cui ci viene chiesto di fare sempre di più, sempre meglio, sempre più in fretta. Per questo sempre più spesso ci troviamo a convivere con

  • ansia
  • rabbia
  • stanchezza fisica e mentale
  • sensazione di avere la mente annebbiata.

Quelli elencati sono solo alcuni degli stati d’animo negativi che ci tolgono lucidità e capacità di azione. Inoltre le azioni che nascono dalla negatività sono anch’esse molto probabilmente negative.

Annuncio pubblicitario

Dunque, qual è la cosa migliore da fare in questi casi?

Niente.

Fare niente

Sorpresi?

Eppure è proprio così: quando siamo in preda a stati d’animo negativi, è necessario prima di ogni altra cosa riportare la pace interiore, ritornare ad essere presenti a noi stessi – nel qui e ora. Solo cosi potremo ricominciare ad intraprendere azioni positive e costruttive.

Ecco 3 consigli utili per tornare ad essere più produttivi ed efficienti.

1. Sei arrabbiata/o? Non fare niente

La rabbia è come la nebbia che si impedisce di vedere le cose secondo la giusta prospettiva. La rabbia amplifica le nostre emozioni ed è la manifestazione esterna di una nostra paura interna. Lascia che il tempo faccia la sua azione, che la nebbia della rabbia svanisca poco a poco e tu possa riacquistare il controllo della situazione. Solo in quel momento puoi riprendere ciò che avevi interrotto, con maggiore focus e chiarezza mentale.

2. Sei in preda all’ansia? Non fare niente

Quando siamo proiettati nel futuro, è facile sentirci ansiosi, incerti e pieni di dubbi. In queste condizioni, è difficile rimanere lucidi. Ansia e rabbia arrivano spesso insieme.

Come ben descritto nel libro di Lucia Giovannini, Mi Merito il Meglio, il momento presente è l’unico che esiste. Ieri è già passato, domani deve ancora arrivare. Il qui e ora è anche il solo momento che abbiamo per prendere le decisioni che creano il nostro futuro. Non possiamo decidere ieri e non possiamo farlo domani. Possiamo solo farlo ora. E se ora la nostra mente non è presente, ci perdiamo questa occasione.

Respira. Il respiro è un ottimo modo per riportarci al momento presente. Ogni volta che senti ansia, affanno, preoccupazione, fai un respiro profondo. Osserva la sensazione del tuo respiro. Percepisci l’aria muoversi dentro e fuori dal tuo corpo. Nota come il petto e l’addome si espandono e contraggono leggermente con l’inspirazione e l’espirazione. Un solo respiro cosciente è sufficiente per fare spazio dove prima c’era la successione ininterrotta di un pensiero dopo l’altro, e per riportarci nel qui e ora.

Ti può interessare anche: Superare ansia, rabbia e paura con il respiro

3. Sei stanca/o? Non fare niente

Il corpo ci parla sempre anche quando non vogliamo ascoltarlo. Vista affannata, bisogno di staccare o di dormire, più sforzo richiesto per fare cose semplici.

Quando il nostro corpo ci invia certi segnali, è bene assecondarlo. Se sentiamo il bisogno di fare una pausa, concediamoci questo tempo. Anche solo 10 minuti, bastano per ricaricarci e sentirci più freschi e lucidi. Se ti senti esausta/o o assonnata/o, vai a fare una passeggiata per ravvivare la tua energia e rinfrancare lo spirito. Quando mente, corpo e anima sono allineati, siamo nello stato di flusso. Quando creiamo la pace dentro di noi e siamo dedicati al compito di quel momento – senza alcun pensiero negativo o sabotante la nostra produttività – ogni azione diventa senza sforzo. Siamo capaci di ottenere molto di più con meno sforzo.

Prova questo esercizio

Per avere più pace interiore, prova a fare questo esercizio tratto dal libro Libera la Tua Vita di Lucia Giovannini: indossa un braccialetto elastico (o un elastico per capelli), scegli tu su quale polso portarlo. Ogni volta che ti accorgi di avere pensieri negativi, sposta il braccialetto sull’altro polso. L’obiettivo è di stare 21 giorni di seguito senza aver mai spostato il bracciale, ma quanto più gli intervalli si allungheranno, tanto più avrai una sensazione di benessere. E’ un esercizio che ti aiuta a diventare sempre più consapevole delle tue emozioni e ti predispone ad avere stati d’animo sempre più positivi.

Liberamente tratto da BlessYou Blog

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.