Aloe Vera e Arborescens, foglie di benessere

aloe vera, pianta, depurazione, gel, succo

Aloe deriva dalla parola greca ‘als, alòs’ che significa ‘mare, acqua marina, sale’e dalla parola araba olloech e alua (amaro). Il suo significato è da attribuire al sapore del suo succo un po’ amaro e salato che ricorda il sapore dell’acqua di mare.

Aloe, pianta medicinale da sempre

Fin dall’antichità è considerata una pianta medicinale: già le popolazioni assiro-babilonesi la utilizzavano per tutti i problemi digestivi.

Nell’antico Egitto l’Aloe Vera veniva unita ad altri prodotti naturali ed usata per moltissimi disturbi. Aggiunta al latte di capra, l’Aloe Vera era usata dalla regina Cleopatra, come prodotto cosmetico di bellezza.

Ippocrate, il padre e maestro della medicina dell’antica Grecia, elogia nei suoi scritti l’Aloe per le sue proprietà ricostituenti, antinfiammatorie, cicatrizzanti. Dopo Ippocrate fu il medico greco Discoride che ne definì più dettagliatemente i diversi utilizzi: scoprì che la polpa delle foglie poteva essere usata per tutte le irritazioni e disturbi della pelle, per le scottature e per tutti gli stati infiammatori.

Aloe vera e Ayurveda

Pian piano l’Aloe Vera fece il giro del mondo: India, Persia, Africa. In India diventò un pilastro della medicina ayurvedica che la utilizza ancora oggi e che l’ha diffusa per tutto il mondo fino ai giorni nostri.

Ogni Paese le ha attribuito poteri medicinali e magici e gli studi sulle sue proprietà sono ancora in corso. E’ solo a partire dal 1900 che ha avuto dei riconoscimenti ufficiali da parte del Ministero della sanità americano.

Aloe vera: le proprietà magiche

L’ Aloe Vera contiene antrachioni, sostanze che aiutano la motilità intestinale, mucopolisaccaridi, molecole in grado di trattenere acqua di riserva utile per il nostro organismo e per la nostra pelle, la fibra vegetale chiamata glucomannano che aiuta la cicatrizzazione dei tessuti. Inoltre, l’Aloe Vera è ricca di minerali, vitamine e acido cinnamico germicida ed antisettico.

Le proprietà complete dell’ Aloe Vera non sono ancora state rese ufficiali anche perché alcuni recenti studi le hanno attribuito proprietà anti cancro. La medicina ufficiale, però, ancora non ha espresso pareri definitivi.

I benefici dell’Aloe Vera sul nostro organismo sono comunque comprovati: sia sotto forma di succo che sotto forma di gel è in grado di aiutarci e sostenerci per diversi malesseri fisici sia interiori che esteriori. Vediamo quali.

Il succo di aloe

succo aloe, aloe vera, depurazioneIl succo è utile durante tutti i tipi di infiammazione intestinale, stimola e rafforza il sistema immunitario, è altamente nutritivo, potente antinfiammatorio ed antiossidante. Si consiglia di assumerlo per periodi  da uno a tre mesi al massimo, da valutare comunque caso per caso e con il consiglio di un’esperto. E’ bene non esagerare perché il succo di Aloe Vera può avere effetti collaterali.

Il gel che ha prevalentemente un uso esterno può essere impiegato per dermatiti, scottature, herpes, protezione dai raggi Uv, ferite ed utile per gli stati infiammatori della pelle. E’ lenitivio ed idratante, lo troviamo spesso come ingrediente per rimedi cosmetici naturali antiage data anche la sua nota proprietà antiossidante.

Informazioni importanti e curiosità

L’Aloe Vera è una pianta grassa che cresce su terreni secchi e sabbiosi e predilige la temperatura di 20-22°. Attraverso un lavoro manuale dalle sue foglie si estrae il gel che può essere utilizzato per uso topico o trasformato in succo.

Attenzione al fai da te

Oggi l’ Aloe Vera è sovente coltivata in vaso e tenuta in casa ma è importante non consumare l’estratto delle foglie direttamente poiché contengono l’aloina, una sostanza lassativa nociva per l’organismo.

I produttori di Aloe Vera durante la lavorazione la eliminano permettendoci di usufruirne di tutti i benefici senza pericoli, inoltre suggeriscono la modalità di assunzione e le controindicazioni. E’ bene prestare attenzione perché un uso improprio di questa meravigliosa pianta può portare dolori di stomaco e crampi intestinali. E’ inoltre sconsigliato l’utilizzo di Aloe Vera in stato di gravidanza, durante l’allattamento e nei bambini al di sotto dei 12 anni.

Gli egizi la ritenevano pianta dell’immortalità portatrice di felicità e lunga vita tanto che, oltre ad essere usata nei processi di imbalsamazione, la tenevano davanti all’uscio di casa. Possiamo seguire il loro saggio consiglio ed abbellire la nostra casa con questa affascinante pianta dalle proprietà magiche rivolgendoci invece agli esperti per sfruttarne al meglio le utili proprietà.

Aloe Vera e Aloe Arborescens

Oltre all’ Aloe Vera è molto coltivata ed utilizzata anche l’Aloe Arborescens che ha le foglie più piccole che contengono meno acqua, con una maggiore concentrazione di principi attivi e valori nutrizionali. Questa pregiata varietà di aloe è molto usata per la preparazione di una bevanda, oramai conosciuta come ricetta di Padre Romano Zago.

Nel panorama dei preparati a base di aloe arborescens l’azienda agrobiologica La Viola è quella che recentemente ha evoluto il metodo di preparazione della bevanda, ottenendo uno standard qualitativo particolarmente elevato.

 

 

Aloe, succo

Per maggiori informazioni scrivi a: info@agrilaviola.com

 

 

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.