Aloe Arborescens: i benefici dell’aloe più pregiata con una ricetta speciale

Aloe Arborescens, antica come l’Aloe Vera, è una varietà di Aloe molto pregiata, dalle importanti proprietà medicinali. Le sue foglie sono sottili, lunghe, di colore verde inteso e ci regala dei fiori di colore rosso-arancio.

Le proprietà dell’Aloe Arborescens

Le foglie di Aloe Arborescens contengono vitamina A, vitamine del gruppo B, vitamina C, E, acido folico e sono ricche di sali minerali tra cui: magnesio, calcio, potassio, cromo, zinco, ferro e manganese.
L’Aloe Arborescens è ricca di aminoacidi essenziali tra cui il triptofano, la prolina, la tirosina, la fenilalanina, l’isoleucina, la leucina, l’istidina e alcuni polisaccaridi tra cui l’acemannano che stimola la produzione di globuli bianchi (rinforzando così il sistema immunitario) ed ha proprietà protettive dell’apparato gastrointestinale. L’acemannano è una molecola all’interno del tessuto connettivo, prodotta dall’organismo fino alla pubertà, successivamente andrebbe introdotta con l’alimentazione. L’ Aloe Arborescens è uno dei pochi alimenti che contengono l’acemannano.

Inoltre l’Aloe Arborescens contiene gli antrachinoni pigmenti colorati, tra cui l’aloina, che hanno proprietà lassative antinfiammatorie e l’acido acetilsalicilico che ha anch’esso azione antinfiammatoria oltre a proteggere l’apparato cardiovascolare.
L’Aloe Arborescens è un ottimo e forte depurativo, consigliato nelle diete di cambio stagione, ed ha molteplici proprietà benefiche:

  • è ricca di sostanze nutritive tanto da poter rientrare nella categoria dei superfood
  • stimola e rinforza il sistema immunitario
  • è antinfiammatoria, antibatterica e cicatrizzante
  • ha ottime proprietà ricostituenti
  • contribuisce a riequilibrare l’apparato gastrointestinale
  • agisce come depurativo del fegato e disintossicante dell’intero organismo
  • ha la grande proprietà di ridurre l’effetto dei farmaci. Per questo motivo ci sono medici che la consigliano in abbinamento alle cure contro il cancro.

Grazie a tutte queste proprietà nutritive e curative l’ Aloe Arborescens è consigliata per moltissimi disturbi ed in caso di squilibrio psicofisico può essere utile assumerla, come consigliamo sempre, previa consultazione medica.

L’Aloe Arborescens e la ricetta di Padre Zago

Padre Romano Zago è un frate Francescano originario del Brasile che durante i suoi viaggi in Israele ha studiato l’Aloe Arborescens che in quei luoghi cresce rigogliosa.

Frullando le foglie di aloe con miele e grappa ottiene una bevanda che somministra ai malati del luogo scoprendo che è in grado di guarire molti mali.

Continua a sperimentare e perfezionare la sua ricerca finché, rientrato in Brasile, ne inizia la divulgazione continuando a curare molti malati.

Nel 1997 il frate pubblica un libro intitolato “Di cancro si può guarire”. Nel 1998 concede la sua formula ad un’industria brasiliana per produrre in suo nome il preparato a base di Aloe. È da qui che prende il via la nota storia dell’ “Aloe di Padre Romano Zago”, bevanda fedele alla formula originale, commercializzata in numerosi paesi. (fonte  aloedipadreromanozago.it)

La ricetta di Padre Zago evoluta in Viola-Aloe

Abbiamo conosciuto l’azienda agrobiologica La Viola di Torre San Patrizio, nelle Marche, apicoltori da oltre 30 anni e dedicati alla coltivazione biologica. Dopo aver incontrato l’Aloe Arborescens e letto il libro di Padre Zago più di 15 anni fa, Gliberto Croceri con la moglie Violita, decide di unire le ricche proprietà del suo miele biologico con l’Aloe Arborescens e di seguire la ricetta di Padre Zago.

Per rispondere alle esigenze di tutte le persone che utilizzano la loro Aloe, decidono di far evolvere la ricetta sostituendo la grappa con un distillato a più alto potere vibrazionale: l’idromele.

Gilberto Croceri di AgriLaviola racconta:

“l’idromele tra le bevande Sacre è la più Sacra, il dono degli Dei per eccellenza. La sua origine celeste deriva dal polline dei fiori, dal lavoro dell’ape, simbolo sacro della trasformazione e della poesia, dall’Acqua di una fonte, simbolo della linfa vitale della Madre Terra.

Per costruire il suo corpo fisico e gli organi l’umo dipende da ciò’ che assimila. Nel senso più’ ampio, ciò costituisce il normale processo di alimentazione, che rappresenta una sorta di stimolo e sostegno per l’organismo umano. Attraverso l’alimentazione vengono tenuti vivi i processi vitali. Curare per mezzo di una sostanza, in realtà, fa parte dell’alimentazione stessa ed è una delle vie di auto-guarigione.”

Il procedimento alchemico per ottenere Viola-Aloe e la simbologia psicosomatica

Continua Gilberto Croceri:

In questi avvenimenti, il mondo delle piante, ha un ruolo centrale. Il procedimento alchemico che ci permette di ottenere questa  formula potenziata di preparato è stato da noi definito espansione armonica dell’energia (HEE METHOD) , in quanto il nostro intento era quello di arrivare ad un prodotto che oltre a racchiudere in sé tutti i principi attivi dei suoi componenti, ne trattenesse anche le loro forze vibrazionali (energia).

L’Hee method è focalizzato su tre punti

  1. Bilanciamento delle polarità: nella scelta dei componenti della bevanda sono state selezionate delle piante le cui parti, ricostituiscono una pianta, secondo la cosiddetta visione tripartita (radici – foglie – fiori) che pone l’uomo in rapporto inverso. Questa pianta figurata è particolarmente ricca di foglie (fotosintesi), per analogia, corrispondente alla parte ritmica del corpo umano ( cuore-polmoni), questa parte tendenzialmente sopita nell’uomo, ha a che fare con il sentire-volere, le radici con il pensare ed i fiori-frutti-semi con l’agire.
  2. Intersecazione dei ritmi: ogni singolo componente della bevanda è parte dell’universo e interagisce con esso attraverso un processo ritmico-ciclico. Questo processo, la cui manifestazione più percepibile è l’alternanza delle stagioni, è del tutto fisiologico per il mondo vegetale e il mondo minerale. Per quanto riguarda il mondo animale, anch’esso è sintonico ad eccezione dell’uomo, il cui rapporto armonico con il tutto passa attraverso il suo stato di coscienza.
  3. Azione del processo: nel caso specifico è riferito all’azione della fermentazione dell’idromele (quintessenza). Questo processo che mediamente dura 3 settimane (7×3=21) fissa in esso, oltre ai principi attivi delle piante, anche le forze in esse presenti. Le ceneri del residuo vegetale della fermentazione (sale) vengono lasciate nell’idromele.

Possibilità di utilizzo della bevanda di aloea arborescens

La bevanda Viola-Aloe si inserisce a pieno titolo nella vasta gamma di prodotti a particolare vocazione depurativa e detossificante del nostro organismo.
Si presta sia ad una ciclica depurazione stagionale (primavera-autunno) per cui è sufficiente consumarne un cucchiaio da minestra al mattino a stomaco vuoto, da sola o con succhi di frutta o verdura appena spremuti, per un periodo che va dalle 4 alle 6 settimane o comunque fino a quando il consumo risulta gradevole.
Un altro caso in cui può essere utile consumare la bevanda è dopo un’assunzione prolungata di farmaci particolarmente tossici. La bevanda aiuta a neutralizzare gli effetti collaterali nel modo più veloce possibile.

In questo caso il consiglio è del produttore è di aumentare il consumo anche a 2 o 3 cucchiai al giorno, sempre prima dei pasti e sempre fino a quando il consumo risulta gradevole. Vi invito, in ogni caso, a chiedere il parere ad un medico, farmacista o erborista esperto.

 

Aloe, succo

Per maggiori informazioni scrivi a: info@agrilaviola.com

 

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.