Allergie stagionali nei bambini: consigli e rimedi

bimba, fiore , primavera

E se quegli occhietti rossi, il nasino che cola, gli starnuti a raffica e la tosse improvvisa fossero segnali di allergia? Il cambio di stagione in primavera porta un aumento della temperatura, la natura si risveglia, i fiori sbocciano belli e pieni di polline e il clima secco, il vento lo spostano nell’aria. Se ci troviamo di fronte a soggetti sensibili le reazioni possono essere molteplici. Appunto gli occhi si arrossano e, nelle forme più acute lacrimano, il naso prude e gocciola, si starnutisce in continuazione, arrivano mal di testa immotivati. Nelle forme acute ed in soggetti predisposti, si presenta la tosse o un principio di asma bronchiale. Qui di seguito consigli e rimedi per affrontare meglio questo disturbo di stagione senza mai trascurare il parere del medico/pediatra.

Alimentazione

Nei soggetti allergici è sempre bene diminuire drasticamente l’assunzione di latte e derivati, tenendo conto che questo alimento è presente in forma subdola cioè nascosta in moltissimi alimenti come ad esempio il prosciutto cotto. Prediligete sempre (cosa che andrebbe fatta anche in soggetti anallergici) alimenti freschi, biologici e poveri di zucchero: quindi via libera a frutta sotto forma di macedonia, centrifugato, succo estratto, gelato. Va diminuita considerevolmente anche l’assunzione di cibi contenenti istamina o istamino-liberatori come cioccolata, bibite gassate e zuccherate, cibo fast food, insaccati, cibo in scatola, salse, pesce in scatola, fragole, pomodori, crostacei. Il segreto è un’alimentazione semplice fatta di cose naturali, poco lavorate, possibilmente integrali e biologiche e molta frutta e verdura fresca.

L’istamina è una molecola presente nel nostro organismo che interviene in caso di allergie, provocando di solito eritemi, gonfiore, rinite,congiuntivite, asma ecc. quindi in un soggetto allergico la limitazione di questi alimenti è indispensabile per la riduzione dei sintomi.

Annuncio pubblicitario

Gesti quotidiani

Ci sono accorgimenti a cui porre attenzione nei nostri gesti quotidiani che possono essere notevolmente d’aiuto. Il ‘nemico’ numero uno è il vento o comunque l’aria che sposta polveri e polline quindi quando siamo all’aperto proteggiamo gli occhi dei soggetti allergici con occhiali da sole e nelle forme più acute anche naso e bocca con delle mascherine. Cambiate e lavate gli indumenti quotidianamente e fate particolare attenzione all’igiene personale perché spostato dal vento il polline si deposita su pelle e capelli. Usate detergenti, tanto per il corpo quanto per la biancheria, delicati e poco profumati che non irritino ulteriormente pelle, olfatto e vista.

Rimedi naturali

Fiori di Bach: il rimedio principe per le allergie stagionali è Sclerantus, ma si notano effetti potenziati associando anche Crab Apple e Cherry Plum. La modalità di somministrazione è di 4 gocce per 4 volte al giorno direttamente sotto la lingua.

Argento colloidale: in questo caso può essere usato per tenere puliti gli occhi e diminuire prurito e arrossamenti e per liberare il naso ‘tappato’ e in ogni caso per evitare che le secrezioni diventino batteriche. Dosi e modalità di somministrazione a seconda della casa distributrice.

Fitoterapia

Ribes Nigrum: è un grande anti-infiammatorio, stimolante surrenalico e immunitario, previene e/o inibisce gli stati infiammatori e tutte le turbe allergiche. Stimola la corteccia delle ghiandole surrenali che rilasciano sostanze che possiedono azione anti-infiammatoria ed anti-allergica, comportandosi quasi come un cortisone naturale, quindi diminuisce o smorza le manifestazioni allergiche.

Betulla: stimola le potenzialità del sistema immunitario, nel caso di pollinosi la gemma riduce l’infiltrazione degli allergeni nella mucosa nasale ed aiuta a sostenere la funzione polmonare durante la stagione allergica.

Rosa Canina: anti-infiammatoria ed anti-allergica particolarmente indicata nell’asma bronchiale.

Malva: è una mucillagine che favorisce la fluidità delle secrezioni bronchiali

Nelle formulazioni MG1DH la posologia è di 4 gocce per ogni anno di età per 3 volte al giorno diluite in poca acqua. Ci sono in commercio anche prodotti senza alcool e la posologia differisce da azienda ad azienda.

Oligoelementi

La diatesi corrispondente a questo disturbo è la D1 Allergica o Manganese. In questo caso la posologia è molto bassa, in quanto questo oligoelementi può dare origine ad un peggioramento dei sintomi: sconsiglio il fai da te e procedere in questa direzione solamente sotto stretto controllo di personale qualificato. Le associazioni vengono fatte con Zolfo e Fosforo che diminuiscono le manifestazioni dell’allergia.

Quando aspettarsi i pollini che causano le allergie

Qui di seguito vi riporto una tabella della concentrazione dei pollini più diffusi nei vari mesi per le macro zone  italiane.

gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic
Artemisia nord             * * * *    
centro             * * *      
sud             * * *      
Parietaria nord       * * ** * ** * *    
centro     * * ** ** * * * *    
sud * * ** ** ** * * * * * *  
Nocciolo nord ** ** ** *                
centro * ** ** *                
sud * * * *                
Betulla nord     ** ** *              
centro     * * *              
sud     * *                
Ambrosia nord             * ** ** *    
centro               * *      
sud                        
Cipresso nord ** ** ** *                
centro * ** ** *                
sud * * * *                
Olivo nord         * *            
centro         * **            
sud         ** **            
Graminacee nord     * ** ** ** * * *      
centro       ** ** ** * *        
sud       * * * *          

 

CONCENTRAZIONE   * = medio bassa   ** = elevata

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.
Articolo precedenteMilza: a cosa serve? L’importanza di nutrire il sangue e il pensiero
Articolo successivoOlio di cranberry o mirtillo rosso per una pelle di seta
Maria Vittoria Piras
Diplomata in Naturopatia c/o Istituto RIZA di Medicina Psicosomatica, Master di specializzazione in Floriterapia, Erboristeria, Kinesiologia applicata e Cristalloterapia. Operatore Certificato Theta Healing. Socio FINR (Federazione Italiana Naturopati RIZA). Si occupa di Benessere di adulti e bambini, di riequilibrio psico-fisico ed educazione alla mindfullness. Da sempre appassionata di natura e particolarmente attenta allo stile di vita volto al benessere anno dopo anno ha perfezionato i suoi studi conseguendo primo fra tutti il master in Erboristeria per conoscere tutto ciò che la natura ci ha messo a disposizione. Il passo successivo è stato il master in Floriterapia per fare suoi tutti i segreti meravigliosi nascosti non solo nelle essenze scoperte da Bach , ma anche nelle essenze Australiane, Californiane ed Himalayane. Il master in Kinesiologia Applicata è stato la chiave di volta che le ha dato gli strumenti necessari per mettere a punto tutto ciò che fino a quel momento aveva imparato, dalla Medicina Tradizionale Cinese alla Floriterapia. Infine, ma è certa che non sarà l’ultimo, il master in cristalloterapia e la meravigliosa energia delle pietre. Crede che ognuno di noi possa vivere in modo meraviglioso. Riceve nel suo studio a Verona dove si occupa del Benessere di bambini ed adolescenti, donne e uomini, anziani. Riceve a Verona in Via del Pontiere 12/a

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.