Alimenti vivi e vitali per salute e benessere: 9 consigli

alimenti vivi, cibi vivi, frutta e verdura
disclaimer, avvertenze, rivolgersi al proprio medico,
disclaimer, avvertenze, rivolgersi al proprio medico,
disclaimer, avvertenze, rivolgersi al proprio medico,
disclaimer, avvertenze, rivolgersi al proprio medico,

Alimenti vivi e alimenti morti. Quali scegli?

Ho voluto farti questa provocazione per alzare il livello della tua attenzione. Ed ecco un altro spunto:

Il cibo è una forza viva e poderosa, che interagisce con noi a livello fisico, mentale, emotivo, energetico e spirituale.

Maurine Withehouse, Cibo per nutrire l’anima.

Siamo fatti di cellule vive

Il nostro organismo è composto da cellule viventi, quindi è logico che queste cellule traggano più nutrimento dai cibi vivi, le cui sostanze naturali e la cui energia sono ancora intatti.

Mi riferisco ad alimenti vegetali freschi e non contaminati da processi di lavorazione industriali, cioè artificiali, innaturali.

L’organismo trae maggior beneficio da alimenti semplici, più facili da digerire e che nel contempo contengono più nutrienti. L’uomo, nella sua storia evolutiva, si è sempre alimentato con gli alimenti che la natura gli forniva. Nell’ultimo secolo è cambiato tutto.

L’industria alimentare

Le lavorazioni industriali, i processi di raffinazione, la lunga conservazione dei cibi depauperano i loro valori nutrizionali, inoltre molto spesso l’aggiunta di conservanti e additivi rende più complessa la loro assimilazione.

Tanto per cominciare, le verdure crude contengono fino a 10 volte più sostanze nutritive rispetto alle verdure cotte. La semplice cottura casalinga degli alimenti, anche se talvolta necessaria, comporta la riduzione del contenuto di micronutrienti.

Inoltre, i vegetali freschi sono ricchi di enzimi, micronutrienti con la funzione di attivare e accelerare i processi biologici, come la digestione.

9 consigli per scegliere il cibo che fa bene alla salute

  1. Fai in modo che i tuoi pasti siano composti da una buona quantità di alimenti freschi e crudi (più del 50% della quantità totale).
  2. Scegli vegetali di stagione e possibilmente biologici.
  3. Acquista ortaggi interi e non già porzionati e lavati.
  4. Se puoi, o quando ne hai l’occasione, acquista frutta e verdura direttamente da piccoli produttori: la frutta è più viva e contiene più nutrienti se matura direttamente sull’albero, come è naturale che sia. Inevitabilmente molti prodotti offerti dalla grande distribuzione vengono raccolti acerbi. Non solo: se non provengono da coltivazioni biologiche, dopo la raccolta vengono sottoposti a diversi trattamenti come il gas per allungarne la conservazione e ai coloranti per renderli più appetibili.
  5. Lava i tuoi ortaggi, i tuoi frutti, e preparali poco prima del pranzo o della cena. Usa coltelli di ceramica per ridurre il processo dell’ossidazione.
  6. Privilegia frutta e verdura dai colori vivaci, e cerca di avere, a rotazione, tutti i colori nel tuo piatto.
  7. Mangia molte verdure a foglia verde, condisci con poco olio extravergine di oliva e qualche goccia di limone che supporta l’assimilazione del calcio. Prova altri condimenti come l’aceto di mele bio o l’acidulato di umeboshi.
  8. Preferisci verdura e frutta del tuo territorio, senza per questo rinunciare, saltuariamente ai frutti esotici.
  9. Se ti piace il pane, scegli quello a base di farine di cereali integrali e biologiche. Varia più che puoi anche gli ingredienti base. Abituati a verificare la lista degli ingredienti, diffida del pane che ha troppi ingredienti e che contiene additivi.

I vantaggi di scegliere alimenti vivi e vitali: vegetali freschi, di stagione, biologici, colorati

Scegliere un’alimentazione ricca di alimenti freschi, naturali e vivi ha molti vantaggi:

  • I cibi di stagione sono più buoni e costano meno.
  • La natura ci mette a disposizione i nutrienti di cui abbiamo bisogno, nel momento giusto e nel luogo in cui siamo. Importante, da ricordare sempre!
  • La digestione dei prodotti naturali è facilitata
  • Eviti additivi, sale, zucchero, conservanti, usati per i cibi confezionati e cibi pronti, che fanno male.
  • Ti senti meglio, hai più energia, riduci le infiammazioni, rafforzi il tuo sistema immunitario.

Non mangiare cibi morti

I cibi raffinati, lavorati, conservati, precotti, a lunga conservazione possono essere definiti cibi morti.

Anche se al giorno d’oggi, nel mondo in cui viviamo, è molto difficile farne a meno, riduci il loro consumo e, se proprio non puoi farne a meno, bilanciali con gli alimenti vivi: freschi, colorati, di stagione, biologici.

Stare bene è una scelta, fai anche tu la scelta giusta.

Bibliografia e fonti scientifiche

 

Cibo per Nutrire l'Anima
Maureen Whitehouse
BIS Edizioni
cibo per nutrire l'anima
© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.