Alga Wakame: proprietà nutrizionali della più buona del reame

Alga Wakame, Wakame, alghe, alghe alimentari, alghe commestibili

Alga Wakame: si tratta di un alga appartnente alla famiglia delle alghe brune (Feoficee). Il suo nome originario è Undaria Pinnatifida ed è molto diffusa in Giappone, mentre in Europa la troviamo sulle coste atlantiche. Viene fatta essiccare dopo essere stata raccolta dalle acque più profonde, dove le acque marine sono generalmente molto mosse. Per conservarne più a lungo il colore e la freschezza, talvolta viene scottata brevemente in acqua bollente prima di essere essiccata.

Alga Wakame: perché fa bene

Ricordo che le alghe in generale sono ricche di proprietà salutistiche.

Oltre per l’uso alimentare vengono utilizzate anche a scopo terapeutico e come base per preparazioni cosmetiche. L’alga Wakame contiene importanti quantità di iodio e magnesio, oltre ad altri minerali e vitamine del gruppo B e vitamina C.

Sappiamo che i Sali minerali nobili contenuti nelle alghe sono facilmente assimilabili per l’organismo e ottimi per tutte le problematiche dell’apparato osteo-articolare (calcio, magnesio e fosforo).

Wakame per l’apparato cardiocircolatorio

Ottima contro l’ipertensione e le malattie del cuore. Utile per la salute dei capelli, della pelle e di altri annessi cutanei.

Secondo alcuni ricercatori l’alga Wakame avrebbero proprietà anticoagulanti del sangue e quindi indicate per chi soffre di problematiche cardiocircolatorie. Importanti le sue funzioni per il fegato, è considerata un disintossicante epatico, le mucillagini contenute in quest’alga proteggono la mucosa gastrica.

Sistema immunitario e metabolismo

Rafforza il sistema immunitario e grazie alla sua ricchezza di iodio stimola la tiroide e il metabolismo.

Per la salute dell’intestino

Come altre alghe, apportano benefici per l’intestino, in quanto le mucillagini migliorano la peristalsi e sfiammano la mucosa intestinale.

Aggiunte all’acqua di cottura dei cereali e legumi tolgono il calore interno e sono quindi utili nelle problematiche emorroidali.

Alga Wakame e Vitamina B12

Come tutte le alghe, anche le Wakame non dovrebbero mai mancare nell’alimentazione vegetariana, in quanto molto ricche di vitamina B12. Dovrebbero avere un posto di rilievo anche nell’alimentazione di chi desidera perdere peso e segue un regime dimagrante, poiché oltre allo iodio che stimola il metabolismo, vi sono anche sostanze che stimolano la lipasi e favoriscono quindi la demolizione dei grassi.

Controindicazioni

L’unico caso in cui ne viene sconsigliato l’uso è quello di ipertiroidismo.

Le wakame in cucina

Grazie all’elevato contenuto nutritivo delle alghe, queste vanno utilizzate con parsimonia, non come ingrediente base, ma come complemento e condimento capace di arricchire notevolmente il valore nutrizionale dei piatti.

Le alghe Wakame sono particolarmente indicate per le zuppe. Meglio metterle in ammollo per quindici minuti e poi tagliuzzarle ed utilizzarle come ingrediente. Possono anche essere spezzettate da secche e lasciate in ammollo in succo di limone, per poi aggiungerle come condimento ad insalate, cereali o legumi.

Un ottimo modo per gustarle è metterne in ammollo un cucchiaio per 10/ 15 minuti, nel frattempo si prepara un trito di aglio (è sufficiente una piccola quantità) e zenzero fresco macinato, oppure in polvere. Si aggiunge poi il trito alle alghe Wakame, si condisce con olio extra vergine di oliva, si mescola e si serve: è un ottimo condimento per verdure lessate o per funghi trifolati.

Alga Wakame, una “verdura” molto gradita

Forse pochi sanno che in Giappone l’alga Wakame fresca e scottata è venduta nei mercati con le verdure di terra, mentre quella che viene esportata è solo essiccata. In questo paese risulta essere la terza alga in ordine di popolarità, dopo la Nori e la Kombu. In Occidente, per il suo sapore leggero, è una delle più gradite.

Ricerche cliniche su quest’alga

In alcune prove di laboratorio, estratti di alga wakame sono risultati in grado di curare e prevenire il cancro al polmone in cavie di laboratorio (approfondisci qui sul sito PubMed), suggerendo un’efficace azione di stimolo a livello immunitario. Sempre sulla wakame sono state individuate sostanze in grado di svolgere attività antitrombinica di potenza doppia rispetto a quella dell’eparina.

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.