Agrifoglio, pianta di natale: storia e tradizione

0
1283
agrifoglio, holly, natale, pianta di natale, leggenda dell'agrifoglio, bacche rosse, pianta natalizia, agrifoglio

Agrifoglio, da sempre è considerato una pianta magica, un portafortuna. Questo è solo uno dei motivi per il quale l’agrifoglio è la pianta natalizia per eccellenza.

Agrifoglio: pianta di Natale

Con i suoi frutti rossi e con le sue verdi foglie contornate di spine, l’agrifoglio è spesso presente nelle nostre feste natalizie. È una pianta sempreverde molto resistente ed è coltivato praticamente ovunque.

Tuttavia l’uso dell’agrifoglio ebbe origine in Irlanda, poiché questa è una delle principali piante che fioriscono durante la stagione natalizia. La tradizione popolare racconta che proteggeva dai demoni e in molti paesi, durante le festività natalizie, era l’unica pianta che anche le famiglie più povere potevano permettersi per decorare le proprie abitazioni.

Simbologia dell’agrifoglio

La forma delle foglie della pianta rammenta la corona di spine di Gesù Cristo e i frutti rossi il suo sangue, mentre i boccioli bianchi la purezza della Madonna. Anche per questo è la pianta di Natale.

Anche prima dell’arrivo del Natale cristiano gli si attribuivano proprietà di portafortuna e protezione dai demoni.  I druidi ritenevano che l’agrifoglio, con le sue foglie lucide e le bacche rosse, rimanesse verde (è una pianta sempreverde) per rendere più bella la terra quando la maggior parte delle piante, compresa la sacra quercia, perdevano le foglie. Essi mettevano ramoscelli di agrifoglio tra i capelli quando andavano nelle foreste per assistere ai riti sacrificali.

L’agrifoglio era anche la pianta sacra di Saturno e veniva usato durante i Saturnali per rendere onore al dio. I romani infatti erano soliti fare delle ghirlande di agrifoglio per decorare le statue di Saturno. Secoli dopo, in dicembre i primi cristiani iniziarono a celebrare la nascita di Gesù. Iniziarono così ad usare questa pianta come decorazione per il periodo di Natale.

La leggenda dell’ agrifoglio e l’orfanello

Esiste anche una leggenda secondo la quale un piccolo orfanello, saputa dagli angeli la notizia della nascita di Gesù si mise in cammino con altri pastori verso Betlemme. Durante il tragitto intrecciò una corona di rami d’alloro da offrire a Gesù Bambino; arrivato a Betlemme, non appena deposta la corona si vergognò del suo misero dono e si mise a piangere. Allora Gesù Bambino toccò la corona e le sue foglie iniziarono a brillare di un verde intenso e le lacrime dell’orfanello si trasformarono in bacche rosse.

Sacchetto Agrifoglio Pout-Pourri Profumato
Sacchetto Agrifoglio Pout-Pourri Profumato
Acquistalo su SorgenteNatura.it

Agrifoglio, altri usi della tradizione

Tra le credenze che legano l’agrifoglio al Natale ce n’è una che dice che dal grado di affilatura delle foglie del primo agrifoglio che veniva portato in casa a Natale si poteva capire chi dei due coniugi avrebbe avuto più potere nell’anno nuovo; inoltre, l’agrifoglio era considerata una pianta molto favorevole agli uomini, come lo era l’edera per le donne.

Sulla testata del letto

Un’altra tradizione popolare consiglia di mettere dei rametti di agrifoglio sulla testata del letto per procurare sogni tranquilli, oltre che essere un buon rimedio contro la tosse.

Inghilterra, vigilia di Natale: per le giovani

In Inghilterra si ritiene che mettere dei ramoscelli di agrifoglio sul letto di una giovane ragazza la notte della Vigilia di Natale allontani gli spiriti maligni.

Germania, agrifoglio come amuleto

In Germania si ritiene che un pezzetto dell’agrifoglio usato in chiesa per le decorazioni di Natale sia un ottimo amuleto contro lampi e tuoni.

Agrifoglio è Holly nei fiori di Bach

Tra i rimedi scoperti dal dott. Edward Bach, troviamo anche l’agrifoglio, Holly. Il fiore, dice il dott. Bach, “per quelli che a volte sono assaliti da pensieri come la gelosia, l’invidia, la vendetta, il sospetto; per le varie forma di vessazione. In loro stessi possono soffrire molto e spesso, senza che ci sia una causa reale alla loro infelicità.”

La frase affermativa dello stato positivo di Holly è:

Apro il mio cuore all’amore e al perdono.

Ti può interessare anche:“Holly, il fiore dell’amore universale e incondizionato”

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.