Acque informate: cosa sono, come informarle

acque informate, acqua informata, acqua con crsitalli

L’acqua è un elemento meraviglioso: oltre alle proprietà fisiche che la rendono un liquido che si comporta in modo particolare (allo stato solido aumenta il suo volume), e oltre ad essere indispensabile per la nostra sopravvivenza, essa ha un collegamento importante con tutto ciò che è comunicazione e informazione.

L’acqua una “via di comunicazione”

Questo collegamento è facilmente intuibile se pensiamo al fatto che tutti i corsi d’acqua nella storia sono sempre stati considerati “vie di comunicazione” perché permettevano di collegare più facilmente e velocemente luoghi molto lontani tra loro. È uno dei motivi per cui moltissimi insediamenti (poi diventati città) nacquero proprio in prossimità di fiumi, laghi e del mare.
Alla luce di questa connotazione dell’acqua, si riesce più facilmente a comprendere che essa stessa sia veicolo di informazioni.

Cosa significa che l’acqua può essere informata?

Come già spiegato nel precedente articolo sul  lavoro del dott. Masaru Emoto, l’acqua sembra modificare e trasformare la struttura dei suoi cristalli in base alle informazioni a cui viene esposta.

Questa caratteristica così importante ci permette di impiegare l’acqua “informata” in molti ambiti che possono aiutare in modo dolce il nostro lavoro per mantenere o ritrovare l’equilibrio e l’armonia.

Acque informate con le parole

Su una brocca o una bottiglia di vetro si appone un’etichetta su cui sono state scritte le parole con cui si vuole informare l’acqua (le parole devono essere rivolte verso l’interno della bottiglia o brocca): per la scelta si può fare riferimento alle immagini dei cristalli pubblicate nei libri del dott. Emoto, ispirandosi alle forme dei cristalli che più ci piacciono.

Secondo i suoi esperimenti infatti, il cristallo che ha la migliore informazione è quello dell’acqua che è stata esposta alle parole “Amore e Gratitudine”, ma la quantità di esperimenti da lui condotta offre un’ampia possibilità di scelta. Inoltre si possono fare delle prove per capire quali sono le parole che ci fanno stare meglio.

Acque informate con le immagini

In questo caso non si può utilizzare una semplice etichetta e seguendo il suggerimento dello stesso dott. Emoto si deve disporre l’immagine prescelta sotto una brocca di vetro colma d’acqua o sotto a un bicchiere anch’esso pieno d’acqua.
Dopo un tempo di esposizione sufficientemente prolungato l’acqua così informata può essere bevuta. Naturalmente il procedimento può essere ripetuto tutte le vote che vogliamo, e tra le immagini che si possono scegliere, si possono utilizzare proprio le foto dei cristalli d’acqua. In questo modo sarà come informare l’acqua sia con l’immagine che con la parola che forma quel cristallo.

masaru emoto, acque informate, amore e gratitudine, gratitudine, benesserecorpomente

Acque informate con i colori

Si può anche scegliere di informare l’acqua con un colore, ricordando che è sempre necessario consultare prima un esperto che possa aiutarci nella scelta.

Il procedimento prevede di versare l’acqua in una bottiglia di vetro colorato oppure in una bottiglia di vetro avvolto in un tessuto (meglio se di seta) del colore prescelto, esporla all’esterno per 24 ore in modo che riceva sia la luce del sole che della luna, dopo di che la si può utilizzare in aggiunta all’acqua della vasca da bagno per immergersi in quel colore e integrarlo.

Ciò si spiega grazie alle vibrazioni del colore, che di tutto lo spettro luminoso riflette una determinata lunghezza d’onda, la quale oltre ad arrivare al nostro occhio va a colpire l’acqua contenuta all’interno della bottiglia.

Acque informate con i cristalli

I cristalli possono essere utilizzati in moltissimi modi (vedi articolo su Chakra e Cristalli), e la produzione di acque informate con le caratteristiche del cristallo stesso è un ulteriore modo. Anche in questo caso è necessario ricordare che è sempre necessario rivolgersi ad un esperto prima di procedere a questo tipo di impiego dei cristalli.
Poiché i cristalli sono costituiti da minerali e metalli, è sempre indicato utilizzare apposite ampolle di vetro per contenerli, e successivamente immergere l’ampolla in una brocca di vetro che contiene l’acqua che desideriamo informare.

Alcune avvertenze per la preparazione dell’acqua con i cristalli

In alternativa all’ampolla di vetro, si può procedere posizionando diverse pietre dello stesso tipo esteranamente tutte intorno alla brocca colma d’acqua. Una volta preparata la brocca, la si espone dal tramonto all’alba dopo di che l’acqua può essere utilizzata in aggiunta a quella della vasca per il bagno.

 

 

 

Ti può interessare anche:“L’incredibile potere dell’acqua”

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.