Aceto: cibo, salute, igiene. Proprietà e curiosità

aceto, aceto di vino, aceto di mele, aceto balsamico
ebook gratis
ebook gratis
ebook gratis
ebook gratis

Aceto: una parola che evoca ai più un semplice e comune condimento, ma che in realtà rappresenta un meraviglioso alimento, un conservante naturale, nonché un rimedio naturale tramandato dalle antiche tradizioni popolari e oggi  riscoperto.

E non è finita, anche un ottimo prodotto per la pulizia domestica: insomma, un mondo da scoprire formato da numerosi tipi e qualità.

Inizia il viaggio alla scoperta dell’aceto. 

Aceto: storia e produzione

Cenni storici

L’aceto è un prodotto che l’uomo conosce fin dai tempi antichi. Era utilizzato come un vero e proprio rimedio naturale per curare le ferite, per combattere le infezioni, la febbre ed altri malesseri. La medicina popolare conosce da sempre le sue proprietà, recentemente riscoperte dalla medicina naturale moderna.

Gli antichi Egizi già lo utilizzavano per la preparazione e la conservazione dei cibi, oltre che per preparare bevande e per curare disturbi fisici. Anche se oggi l’aceto più diffuso è quello di vino, il primo tipo di aceto dell’antichità veniva ricavato dal miele , in quanto il vino non era ancora stato prodotto dall’uomo.

Gli antichi Greci preparavano una bevanda, detta oxicrat, composta da acqua, aceto e miele. Come rimedio naturale veniva usato per curare piccole ferite ed alcuni disturbi. Si pensi che Ippocrate, il medico conosciuto come il Padre delle Medicina, ne raccomandava l’utilizzo per la salute.

Anche i romani lo utilizzavano, sia a tavola, che per preparare bevande energetiche e fortificanti per i legionari. L’uso dell’aceto continuò anche nel Medioevo, periodo nel quale fu ancor più usato come disinfettante e come rimedio contro le malattie e le epidemie.

Come si ottiene

Una delle cose importanti da sapere è che l’aceto può essere prodotto a partire diverse materie prime. La caratteristica necessaria è che la materia prima di partenza deve contenere etanolo (alcol etilico) in quanto l’acido acetico si forma dalla fermentazione dell’alcol grazie all’azione di batteri “acetobacter”. Ricordiamo però che l’alcol si forma a sua volta dalla fermentazione degli zuccheri di diverse materie prime.

Le sostanze di base da cui si produce l’aceto

Eccone alcune sostanze tra le più comunemente usate: vino, sidro (vino di mele), birra, cereali (tra cui il riso), miele. In sostanza l’aceto deriva da una doppia “trasformazione”: nella prima fase gli zuccheri si trasformano in alcol (avviene una fermentazione), nella seconda l’alcol etilico diventa acido acetico.

I vari tipi di Aceto

Aceto di vino

E’ il più noto e il più diffuso nei paesi mediterranei e nell’Europa centrale. Si ottiene d vino bianco o vino rosso.

Aceto balsamico

E’ considerato quello di maggior qualità: si ottiene dall’acetificazione del mosto d’uva dopodiché viene fatto invecchiare a lungo in botti di legno.

Aceto di mele

Cosi erroneamente chiamato perché in realtà si ottiene dal sidro, oppure dal mosto ricavato dalle mele, attraverso un processo di fermentazione e acetificazione.

È il tipo più usato attualmente nell’ambito dei rimedi naturali come disintossicante, diuretico, tonificante, stimolante dell’intestino e coadiuvante per il controllo del peso.

Ovviamente per ogni singolo individuo sarà necessario il parere di un medico per valutare l’opportunità di usare questo rimedio.

Altri tipi di aceto

Esistono poi l’aceto di pere, di riso, di miele, di malto d’orzo, di uva passa, di cocco, di birra.

C’è poi un  aceto bianco da non confondere con quello di vino bianco: si tratta del distillato di un qualsiasi tipo di aceto ottenuto con un procedimento che porta all’ottenimento di un liquido incolore contenete acqua e acido acetico. È normalmente usato per la preparazione di medicinali e di prodotti per la pulizia.

Proprietà e uso

Le proprietà dell’aceto sono molte, cito qui di seguito le più importanti tra le doti di rimedio naturale, di prodotto per la pulizia della casa, e in cucina.

Rimedio della natura

  • Disinfetta (uccide i batteri)
  • Antiossidante (protegge dall’invecchiamento)
  • Aiuta a depurare l’organismo e lo rinforza
  • Lenisce gli arrossamenti della pelle
  • Aiuta a perdere peso
  • Favorisce la digestione
  • Rinforza la flora intestinale.
  • Tonifica la pelle
  • Ammorbidisce i capelli

Uso domestico e pulizia

  • Lava a fondo
  • Scioglie il calcare
  • Elimina gli odori (deodorante naturale)
  • Ammorbidisce il bucato
  • Elimina i batteri

In cucina

Ottimo condimento, molto usato anche se non amato da tutti. I trend del momento vedono la riscoperta delle varietà invecchiate e dell’aceto balsamico. Grazie alle proprietà antisettiche ed antibatteriche viene usato per conservare i cibi. In generale l’aggiunta di un po’ di aceto a piatti e ricette ha il duplice vantaggio di donare un tocco di gusto e nel contempo di rendere più digeribile il piatto.

Bibliografia

Le mille virtù dell’aceto, Giuseppe Maffeis, Edizioni Riza

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.
Annunci pubblicitari e articolimacrolibrarsi, eshop, libri, shop online

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.