Accorciare le distanze ai tempi del Coronavirus

0
607
accorciare le distanze, mani che si cercano, incontro
Photo by Toa Heftiba on Unsplash
ebook gratis
ebook gratis
ebook gratis
ebook gratis

Accorciare le distanze ora è possibile? Sì, con un po’ di impegno e con il desiderio di farlo nel modo giusto.

Le distanze ai tempi del Coronavirus

Questo tempo ci ha costretti a prendere le distanze da persone, cose, desideri. Distanze che hanno creato in noi una grande confusione e sentimenti contrastanti. Quanti di noi hanno desiderio di abbracciare, baciare, prendere per mano e, contemporaneamente, sentono un freno, paura e fastidio?

Tra di noi si è creata una barriera invisibile che contiene tutti questi sentimenti contrastanti.

Il grande caos

Nella nostra quotidianità vige ora un grande caos che, da dietro queste barriere, ci trova immersi in notizie contrastanti sulla politica, sulla sanità, sul nostro stile di vita odierno e futuro.

Un grande caos in cui è davvero difficile trovare un orientamento, farsi un parere, comprendere. Inoltre, ci sono molte previsioni su “come sarà dopo” perché in questo momento di incertezza abbiamo bisogno di certezze e punti di riferimento. Abbiamo bisogno di risposte.

Ma, lo stato emotivo di bisogno, aumenta la nostra fragilità e la possibilità di commettere errori, prendere strade sbagliate, aggrapparci a notizie sbagliate.

Spesso la nostra mente sceglie ciò che più ci fa comodo ma che non sempre è ciò che è meglio per noi.

Prendi le distanze dalle notizie per accorciare le distanze nella tua vita

Ci caschiamo tutti, ogni giorno. Sui social, appena accendiamo la TV. È giusto informarsi ma con il dovuto distacco e con equilibrio. La mente, il cuore, l’anima registrano tutto. Proviamo ad immaginare cosa stanno respirando in questi ultimi tempi.

In che modo stai nutrendo ogni giorno la tua mente il tuo cuore e la tua anima? Cosa stai dando loro da bere? Acqua e cibo sano oppure tonnellate di cibo spazzatura e alcool?

Tutte queste informazioni allungano le distanze. Ci portano a nutrire sentimenti negativi. La rabbia per il sistema, la paura per la salute, il fastidio per il contatto. Possiamo scegliere come nutrirci. Ogni giorno.

Il potere del cuore e dell’amore

Spegni la TV, lo smartphone e accendi il cuore.

Cosa puoi fare ora? Metti una mano sul tuo cuore e ascolta.

Ascolta la rabbia, la paura, il fastidio. Permetti loro di essere ascoltati, prova a liberare queste emozioni per lasciar posto all’amore.

Un amore che può:

  • farti salutare con un sorriso il vicino invece di calcolare la distanza.
  • permetterti di scegliere di avere un atteggiamento propositivo invece che distruttivo.
  • aiutarti a scegliere le parole giuste per comunicare in questo tempo. Perché anche le parole che usiamo hanno un peso, oggi ancora più importante.
  • alleviare la rabbia, la paura, la frustrazione.

Imparare a stare per accorciare le distanze

Guardando i social mi sono resa conto che forse nessuno si è fermato veramente.

Anzi, forse per reazione, tutto si è amplificato in rete in una ricerca spasmodica di “fare” riunioni, corsi, eventi on line.

Per qualcuno può essere anche sano, per chi è solo, per chi proprio non riesce a gestire questo periodo.

Ma, ricordiamoci anche di “stare” con noi stessi, nel momento presente, nell’ascolto di cosa questo momento ci sta portando.

Per molti è un grande dolore, per altri un grande vuoto, per altri disperazione, per qualcuno un tempo nuovo.

Ho letto un pensiero interessante: “non siamo sulla stessa barca, siamo ognuno sulla sua barca ma nella stessa tempesta”.

E, per affrontare la tempesta, ci vuole il coraggio del cuore che accorcia le distanze e ci fa sentire uniti. Tutto il resto ci allontana, togliendoci ulteriori forze ed energie.

Mettiamoci più spesso una mano sul cuore e sorridiamoci quando ci incontriamo per strada.

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.
Annunci pubblicitari e articolimacrolibrarsi, eshop, libri, shop online

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.