Dimagrire: 6 motivi per i quali non stai perdendo peso

bilancia, peso, dimagrire

Hai deciso di dire addio a qualche chilo in eccesso?  Sai già cosa fare per raggiungere il tuo nuovo obiettivo di peso e di benessere? Se pensi di aver  imboccato la strada giusta, non vedi i risultati e non hai ancora iniziato a perdere peso velocemente, forse stai commettendo qualche errore.

Preparati, ora ti diciamo quali sono i 6 errori più comuni che probabilmente anche tu stai commettendo:

 1. Sei troppo dura/o con te stessa/o

Siamo bersagliati  da ogni tipo di pubblicità che promette di far perdere i famosi “10 chili in 10 giorni” o anche di più: pur sapendo che si tratta di messaggi pubblicitari che non hanno fondamenta reali, alcune false aspettative  si insinuano inesorabilmente nella nostra mente. Molti di noi si convincono che, una volta iniziata una dieta, sia normale perdere anche decine di chili in tempi brevi. Ci creiamo così aspettative irrealistiche. Dobbiamo inoltre tener presente che, con l’aumentare dell’età, anche il tempo per una variazione (diminuzione) di peso si allunga. Ecco perchè non conviene far riferimento ad esperienze personali  di dimagrimento vissute anni addietro, quando si avevano 10, 20, 30 anni di meno.

Annuncio pubblicitario

L’attenzione va posta alle sane abitudini per il miglioramento dello stato di benessere e della salute, mentre la diminuzione del peso sarà una normale conseguenza nel medio lungo periodo. Dopo tutto, quando si tratta di tornare in forma per il resto della tua vita, che cosa vuoi che siano due o tre settimane in più per raggiungere  l’obiettivo?

2. Ti sei dato un obiettivo di peso troppo ambizioso

Una cosa di cui sono convinto, che dico sempre ai miei clienti, è che la perdita di peso non dovrebbe mai comportare una grande fatica. Mi spiego meglio: se la vivete come un momento di  sacrificio e frustrazione siete sulla strada sbagliata, la dieta (meglio chiamarla “il nuovo stile alimentare”) non funzionerà. Certo, un minimo di sacrificio e di forza di volontà sono necessari, ma ciò che fate nella vita deve continuare a darvi piacere. Ecco perchè la maggior parte delle diete restrittive non funzionano. Anzi,  quasi tutte le diete non funzionano.

Stai seguendo una dieta che ti fa morire di fame ? Oppure segui una dieta che esclude tutti i tuoi cibi preferiti drasticamente?  Fino a ieri mangiavi chili di pane e pasta e da un giorno all’altro sei passato ad una dieta iperproteica?  Pensaci: cosa ti verrà spontaneo fare quando avrai raggiunto l’obiettivo? E dopo?

Ecco perchè suggerisco di evitare qualunque dieta drastica e piuttosto fare piccoli cambiamenti migliorativi che ci sentiamo in grado di mantenere.

3 Ti sei affidata/o esclusivamente all’attività fisica

Ci sono persone, e tra queste molte donne, che quando decidono di dimagrire si ammazzano di attività in palestra. Risultato: nessuna diminuzione di peso.  L’esercizio fisico è importante per la tua salute, su questo siamo tutti d’accordo. Nonostante ciò la maggior parte delle persone pensano che iniziando a fare attività fisica inizi anche la diminuzione di peso.  Certo è importante ma non è sufficiente se non intervenite sulle vostre abitudini alimentari. La cosa è ancora più vera se avete superato i 40 anni. Fare attività fisica in maniera costante  è  una buona e sana abitudine, fatelo!  Ma, se volete perdere peso, migliorate anche la qualità della vostra alimentazione,  riducete le quantità di cibo che consumate e lasciate da parte certe cattive abitudini.

4. Stai dimenticando le calorie liquide

Le calorie di per sé non sono cosi importanti  se non lavoriamo sulla qualità di ciò che mangiamo e sulle abitudini, tuttavia date grande attenzione a ciò che bevete: vino, alcolici e bevande zuccherate apportano calorie vuote, ovvero mediamente prive di proprietà nutritive.  Bere 1 bicchiere di vino in più vanifica lo sforzo di  aver rinunciato al pane o ad uno snack nel pomeriggio…. In particolare a cena: migliorate la qualità, riducete le quantità del cibo e contemporaneamente riducete le bevande alcoliche. Questo non significa che non si deve bere il vino: l’importante è  essere consapevoli di quanto si sta bevendo e valutre se la quantità è compatibile con gli obiettivi di perdita di peso. Discorso diverso per bibite, bevande zuccherate, succhi di frutta industriali: sono da evitare.

5. Non stai dormendo abbastanza

Andare  a letto troppo tardi e dormire poche ore per notte può vanificare anche i primi risultati positivi. Il metabolismo ne risente e la fame aumenta, insieme al desiderio di carboidrati.  Se questo accade si innesca un circolo vizioso: ci si sente nervosi, si mangia di più… e cosi via. In questi casi per proseguire il percorso verso il benessere ed il dimagrimento è fondamentale recuperare un buon sonno  e dormire un numero di ore sufficiente (il numero è soggettivo ma non dovrebbe essere inferiore alle 6/7 ore per notte).

6. Non stai mantenendo una regolarità nei pasti

Non è solo importante cosa si mangia, ma anche come e quando si mangia. E’ importante avere una certa routine di orari per i 3 appuntamenti con il cibo: la colazione, il pranzo e la cena. Non saltare i pasti. Non mangiare troppo tardi: la sera  è buona norma coricarsi dopo aver digerito e quindi il consiglio è di cenare abbastanza presto, almeno 3 ore prima di andare a dormire e,  se possibile, fare una camminata prima di rilassarsi sul divano.

In conclusione, sii felice !

L’importante, anche in un percorso verso il benessere ed una nuova forma fisica, è non fare niente per costrizione e non apportare cambiamenti drastici che verranno vissuti con grande sacrificio, magari con rabbia e frustrazione. Prendi consapevolezza delle sane abitudini ed introducile gradualmente facendole diventare parte del tuo nuovo stile di vita. Solo così riuscirai a perdere peso e ritrovare un benessere che avevi dimenticato. Se le cose non funzionano come ti immaginavi non incolpare te stessa/o,  anzi sii indulgente e prova a rileggere questi 6 consigli. Se sei davvero motivato a  perdere peso, devi solo essere consapevole di tutti i possibili errori che potresti fare durante il tuo percorso ed imparare ad evitarli.

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.
Articolo precedenteFinocchio e semi di finocchio: stomaco sgonfio e buona digestione
Articolo successivoColite: sintomi, rimedi naturali, alimentazione
Claudio Monteverdi
Naturopata, esperto di alimentazione naturale, educatore alimentare. Convinto sostenitore della visione olistica e del vivere etico e sostenibile, curioso e studioso. È impegnato da anni nella divulgazione di tematiche su alimentazione e benessere. Ha frequentato il corso triennale di naturopatia alla scuola Riza Natura dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica (Milano). Ha frequentato corsi di perfezionamento su floriterapia alla scuola del Bach Center, tecnica Craniosacrale, Digitopressione Dinamica e Riflessologia Plantare Integrata® presso Riza. Ha frequentato il master Operatore del Benessere presso il Centro Studi di Perugia. Ha approfondito L’alimentazione naturale con alcuni riferimenti del mondo medico scientifico (Franco Berrino, Debora Rasio, Martin Halsey...) partecipando a numerosi convegni e workshop. Partecipa costantemente a convegni, eventi formativi e manifestazioni a tema alimentazione e benessere. Grazie alle passioni storiche per il web, il marketing e la comunicazione, derivate da una Laurea in Scienze dell'Informazione e da anni "da manager" in diverse aziende, dopo aver collaborato con importanti iniziative editoriali del mondo olistico e con alcune realtà di prodotti naturali, ha ideato e fondato il progetto BenessereCorpoMente.it. Mette a disposizione di aziende e privati la sua esperienza facendo anche attività di consulenza, in particolare sui temi dell'alimentazione naturale e dell'educazione alimentare.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.