5 consigli per vincere la cellulite

0
7954
vincere la cellulite, Pelle, cellulite,buccia d'arancia, rimedi naturali, consigli

Vincere la cellulite è possibile.

Cellulite, eccessi di scorie e tossine

La cellulite è la manifestazione evidente di un problema di “blocco”, di stasi linfatica e di eccesso di scorie e tossine accumulate nei tessuti. Nonostante l’efficacia dei trattamenti locali come creme e oli specifici veicolati da massaggi, ritengo che la via migliore per combattere questo problema estetico e di salute sia il trattamento per via interna. Infatti la “buccia d’arancia” è uno stato di infiammazione dei tessuti che va “sfiammata” dall’interno guadagnando in risultati visibili e, soprattutto, in salute.

Vincere la cellulite: 5 mosse fondamentali

Depurare per vincere la cellulite

Annuncio pubblicitario

Spesso la causa principale della cellulite è un’inadeguata irrorazione sanguigna dei tessuti. Il sangue cioè scorre poco ed essendo intasato di tossine non ossigena bene i tessuti, ma li “carica” di ulteriori scorie. Ecco perché  è importante fare un’adeguata depurazione del fegato e di tutti gli organi emuntori in modo da permettere al sangue di essere libero da scorie e tossine per portare ossigeno e nutrimento ai tessuti.

Le piante più adatte per depurare sono la Curcuma, il Cardo Mariano, il Carciofo, il Tarassaco, la Bardana, la Fumaria e il Rosmarino.

Drenare per vincere la cellulite

Alla cellulite consegue in molti casi anche una sensazione di pesantezza e gonfiore alle gambe e alle caviglie. Ciò è dovuto ad un eccessivo ristagno di liquidi e ad un mal funzionamento del sistema linfatico. Per aiutare le gambe a sgonfiarsi e per togliere l’acqua in eccesso sotto il tessuto cutaneo è importante drenare con piante ad alta azione drenante e antinfiammatoria come la Pilosella, il Tarassaco, l’Orthosiphon, la Centella e la Betulla.

Alcalinizzare per vincere la cellulite

Quando ci si trova in uno stato di acidosi cronico, oltre a mancanza di energia, sensazione di affaticamento, perdita del tono muscolare, si ha anche un aumento della cellulite. Per ridurre l’acidosi bisogna innanzi tutto correggere l’alimentazione mantenendo un equilibrio tra cibi acidificanti e cibi alcalinizzanti ed eventualmente aiutare l’organismo con integratori naturali basificanti.

Controllare l’alimentazione per contrastare la cellulite

Ridurre l’eccesso di sale ed eventualmente assumere solo sale rosa dell’himalaya, consumare verdure iposodiche come le zucchine, le biete, il finocchio, i fagiolini, il radicchio rosso, l’indivia, i funghi, i cavoletti di bruxelles e gli asparagi.

Importante è l’assunzione di legumi e cereali integrali. Ricchi di fibre, sali minerali, i cereali integrali e i legumi sono cibi a lungo rilascio energetico e mantengono bassa la glicemia. Sappiamo infatti che anche gli zuccheri nel sangue sono un fattore aggravante della cellulite.

Altra indicazione da tener presente è quella di eliminare o ridurre il più possibile durante la fase di depurazione e drenaggio, i grassi animali (soprattutto carne rossa, salumi, latticini e formaggi). Ridurre il caffè ed evitare le bevande gassate.

Attività fisica moderata e non intensiva preferibilmente al mattino

Certamente fare movimento aiuta a combattere il sovrappeso e a vincere la cellulite, ma attenzione a non esagerare. L’attività intensa infatti influenza negativamente l’equilibrio acido-basico gravando di un carico di scorie e tossine acide l’apparato muscolare e scheletrico. Anche scegliere il momento giusto della giornata ha la sua importanza.

Non allo sport di sera

Fare sport di sera, dopo una giornata di lavoro, faticosa e intensa, non è consigliato perché l’organismo, già provato e senza energia, va in una situazione di stress creando uno stato di acidosi. Meglio fare movimento al mattino, quando il corpo è ricco di energia e riposato

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.