Tuttofood 2017, tanto cibo, tanto bio, tante novità

Una giornata a Tuttofood

Tuttofood 2017, perchè ero lì? Mi occupo di benessere da diversi anni, ed in particolare mi interesso di alimentazione, cioè di ciò che è più importante per costruire le basi del benessere del nostro complesso e meraviglioso sistema corpo mente e spirito.

Tuttofood è oggi una vera e propriea “kermesse”, molto più di una fiera. Oltre ai tradizionali spazi espositivi la proposta di quest’anno è stata estremamente ricca. Parlo di Week end Food, di Taste Milano, di Spazio Nutrizione, della Festa del Bio, di decine di convegni, di Academy  (spazi formativi tra gli stand). Oggi vi parlo della mia esperienza tra gli spazi espositivi.

Aziende e cibo a volontà: tante voci tutte insieme

C’è un bel clima a Tuttofood. C’è fermento, anche allegria, come potrebbe non essere così?
La prima sensazione appena entrati in fiera è quella di non saper da che parte iniziare la visita. Nel mio caso, semmai, e stato subito chiaro da dove non iniziare: carni  e salumi.

Dunque via verso il settore green attraversando l’altra parte del padiglione dedicata ai prodotti caseari. bio e non bio, tutti insieme appassionatamente, con una caratteristica comune ai più: assaggi in porzioni anche generose. Stessa cosa che ho poi ritrovato in quasi tutti gli altri padiglioni.

Un obiettivo per non perdersi

Se vai al Tuttofood senza un obiettivo preciso, ti perdi. Se non devi incontrare la tal azienda ma vuoi solo esplorare un settore, devi armarti di tempo, pazienza e… buone gambe. I metri da percorrere tra i padiglioni di Rho Fiera Milano sono molti, e pensandoci bene, non è male visto che inevitabilmente ti trovi a dover smaltire gli effetti di qualche assaggio di troppo.

Scelta l’area di partenza, mi sono affidato alla possibilità di incontrare, anche per caso, sul mio percorso, le aziende in sintonia con la mia visione del cibo e dell’alimentazione.

Tuttofood 2017

Bio sempre più presente

Non è stato facile interpretare la logica che ha guidato la disposizione degli stand e il loro raggruppamento, fatta eccezione per le grandi macro aree (meat, prodotti caseari, cereali e farine, oil, drink, sweet, green, fruit & veg). Ecco perché non ho dato niente per scontato. Nota positiva: finalmente tra gli stand la parola BIO è ben presente, molto presente. L’attenzione per il biologico da parte delle aziende è palpabile, cosi come la cura dei più nella proposta degli ingredienti.

Il padiglione green e gli altri

Tra gli incontri fatti sul percorso, ne citerò alcuni che, anche grazie alla cortesia del personale, alla sintonia creatasi e alle condivisioni avvenute, mi hanno lasciato un buon ricordo nel mare delle aziende presenti alla fiera.

Non c’è un ordine di apparizione, ma uno pseudo ordine cronologico di incontri e interazioni. Mi scuso con tutte le aziende che ho incontrato e che non ho citato in questo articolo. Sicuramente ci saranno nuove occasioni.

La finestra sul Cielo, dalla macrobiotica ai prodotti per intolleranti

Nel padiglione green ho incontrato alcuni dei nomi noti del mondo natural bio in Italia: tra questi La Finestra Sul Cielo, azienda della provincia di Torino, nota da tempo agli appassionati della Macrobiotica, oggi vanta un catalogo davvero completo di prodotti vegani, senza latte e senza zucchero, con una gran varietà di legumi, semi e frutta secca, farine, cereali anche senza glutine, bevande vegetali. Da qualche tempo presente anche in grande distribuzione con il marchio Vivibio.

Sweet Bio,  grossisti appassionati

Sweet Bio è un’altra azienda piemontese impegnata nel commercio all’ingrosso di un’ampia varietà di alimenti bio, dai legumi allo zenzero, passando per farine, cereali e frutta secca. Parlando con il personale allo stand si intuisce la passione per il prodotto naturale e bio.

Amio Legumi

Amio Legumi, giovane brand di Ilta Alimentare di Venezia, presenta una nuova gamma di legumi italiani. Il meglio della terra, il meglio dell’Italia, con tanto firma di garanzia dell’agricoltore posta sul pacchetto. Interessante.

Poggio del farro, passione e specializzazione

Nel padiglione 5 allo stand del Poggio del Farro troviamo una realtà aziendale che ha saputo valorizzare la sua specializzazione sulla coltivazione e  trasformazione del Farro, cereale antico dalle ottime proprietà nutrizionali. Poggio del Farro presenta al Tuttofood un nutrito catalogo che partendo dal farro in chicchi, farina e pasta, si completa con una ottima gamma di prodotti per la prima colazione: biscotti, muesli, farro soffiato. Federico Galeotti, titolare, mi trasmette la sua passione.

Mysoia, piatti pronti vegetali e vegetariani

Un interessante brand novità da un’azienda già presente sul mercato dal 1985, Cortemia. di Roverchiara (VR) azienda a carattere familiare con un forte legame con la terra e l’attività agricola tradizionale, ora specializzata nella produzione e trasformazione di cereali ed oleosi biologici. Uno stand molto fresco e luminoso, che presenta una gustosa gamma di piatti pronti Bio, vegetali e vegetariani. Burger vegetali, ravioli, polpette… Da seguire!

Molino Filippini, molino e macina, tanto bio e farine senza glutine

Mi è già capitato di incontrare alle fiere lo stand del Molino Filippini, dalla Valtellina, ed anche questa visita a Tuttofood ha confermato la regola. Negli ultimi anni ho visto via via crescere la gamma delle farine bio e di quelle senza glutine. Il Sig. Filippini, come le altre volte, presente allo stand, testimonia il suo coinvolgimento diretto e la passione nell’attività.

Verys, vegan alternative made in Italy

Sono bastati pochi minuti per entrare in sintonia con Alessandro Menegon, titolare ed ideatore di questa innovativa proposta alimentare. Questa azienda della provincia di Treviso offre alimenti sani e gustosi ripresi dalla tradizione culinaria italiana preparati con materie prime di altissima qualità e senza alcun derivato animale, per il mantenimento della nostra salute, per il benessere psico-fisico, per la sostenibilità ambientale e per l’amore di tutti gli animali (dal sito). Due su tutti: il formaggio vegetale a base di riso germogliato, e i nuovissimi sushi vegetali.

Kontak, la passione per i prodotti dell’alveare

Per me è immancabile il passaggio da Kontak per salutare Ivano Fabretto e la sorella Cristina sempre più impegnati impegnati con i Buyer esteri,  per farmi aggiornare sulle loro novità. I diffusori di propoli e tutti i prodotti dolciari a base di prodotti dell’alveare destano continuo interesse anche fuori dal nostro paese. Chi li conosce, e conosce la storia e la dedizione di Kontak, non si stupirà di certo.

L’evoluzione alimentare

Tuttofood mi ha fatto tornare a casa fiducioso e felice dell’evoluzione alimentare: ho trovato molte aziende che producono con fini salutistici e sempre con grande passione per il benessere oltre che per l’alimentazione.

Your ads will be inserted here by

Easy Plugin for AdSense.

Please go to the plugin admin page to
Paste your ad code OR
Suppress this ad slot.

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

Newsletter

Claudio Monteverdi
Naturopata, esperto di alimentazione naturale, rimedi naturali, floriterapia ed altre tecniche per il benessere. Convinto sostenitore dell'approccio olistico e del vivere etico e sostenibile. Fondatore e direttore del portale BenessereCorpoMente.it
Contatti
Email: claudio@benesserecorpomente.it
Telefono: +393484753274
Website: http://www.benesserecorpomente.it
Twitter: @claudiomontev
Facebook: https://www.facebook.com/claudio.monteverdi
Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares
↑ Torna su