Ritenzione idrica: le cause e 5 rimedi

Cosa è la ritenzione idrica e come si manifesta

Ritenzione idrica: tratta di una problematica molto diffusa, che colpisce soprattutto le donne, caratterizzata della tendenza a trattenere liquidi in eccesso a livello dei tessuti. Questi liquidi sono trattenuti soprattutto nelle zone di cosce, glutei, addome e giro vita, cioè le aree corporee dove di solito si accumula più facilmente il grasso, evidenziando un rigonfiamento tissutale anomalo.

Le possibili cause

Questo fenomeno spesso è accentuato nel periodo premestruale, talvolta c’è anche cellulite. A causa della problematica circolazione venosa e linfatica assieme a questi liquidi ristagnano anche numerose tossine che causano un’alterazione al metabolismo, che già soffre per ridotto apporto di ossigeno e di nutrienti. I liquidi non vengono smaltiti dalla circolazione linfatica e sanguigna, perciò si concentrano tra una cellula e l’altra negli spazi interstiziali. Occorre approfondire se la ritenzione si presenta con un edema generalizzato, che potrebbe essere spia di problemi più gravi quali cardiopatie, nefropatie, problemi alla tiroide.

La prova del dito

Un metodo forse non troppo accurato ma utile. Premiamo con forza il pollice sulla parte anteriore della coscia per un paio di secondi; se dopo aver tolto il dito resta un’impronta ben visibile è molto probabile che soffriamo di ritenzione idrica.

Ritenzione e sovrappeso

Molti credono che la ritenzione sia una delle cause del sovrappeso, ma in realtà il ristagno di liquidi contribuisce solo di poco ad aumentare il peso corporeo. E’ vero invece il contrario: il sovrappeso e il rallentamento del metabolismo, assieme a problemi di circolazione, rallentano la diuresi e favoriscono la ritenzione idrica. E’ quindi utile seguire un’alimentazione corretta e drenante, che favorisca l’eliminazione dei liquidi e migliori la circolazione.

5 Soluzioni Naturali

Oltre all’ovvio consiglio di ridurre sale e conservanti contenuti nei cibi, aumentare il consumo di cibi freschi come insalate disintossicanti come radicchio e tarassaco per esempio, fare più movimento quotidiano, ecco alcune proposte che possono apportare grandi benefici per questo problema:

1) Mangiare germogli

Tra gli alimenti che favoriscono naturalmente il drenaggio di liquidi in eccesso i germogli occupano un posto in prima linea. Andrebbero sempre aggiunti all’alimentazione quotidiana di chi ha questo problema, partendo da germogli di finocchio, molto profumati e dalle grandi proprietà diuretiche e stimolanti, che si possono aggiungere allo yogurt della colazione. A seguire quelli di porro, ottimi con insalate e piatti di pesce o di carne per il pranzo, e a cena i germogli di cavolo rosso, dal sapore leggermente piccante e con capacità di bruciare le scorie accumulate durante la giornata.

2) Una tisana speciale

Da farsi preparare in erboristeria, con ottime proprietà drenanti, è un mix di 30 gr di betulla, 20 di equiseto, 20 di foglie di ortica, 20 di foglie di uva ursina, 20 di brugo. Prendi 30 gr di questa miscela e mettili in un litro di acqua bollente, lascia in infusione per 10 minuti, quindi filtra e bevine 3 tazze al giorno

3) Fiori di Bach

Anche se sono preferibili sempre miscele ‘personalizzate’ da scegliere con un floriterapeuta dopo un colloquio, può valere la pena provare un mix di fiori per 3 settimane, composto da Chicory, Cherry Plum, Rock Water, Crab Apple, che dà spesso ottimi risultati per il drenaggio dei liquidi

4)Riflessologia plantare integrata

Con il trattamento mirato del piede si vanno a stimolare i punti riflessi di surrenali e sistema linfatico, assieme agli organi preposti per la disintossicazione e la circolazione, i risultati sono di solito rapidi specie se abbinati a post tecniche mirate sulle parti maggiormente interessate dalla ritenzione idrica.

5) Un bagno drenante

Un sistema casalingo da preparare la sera per stimolare la circolazione sanguigna e linfatica, tonificare i capillari e drenare liquidi in eccesso, grazie all’abbinamento dell’effetto di erbe con il calore. Nella vasca piena di acqua calda si immerge un sacchetto chiuso di cotone contenente 2 cucchiai di rosmarino fresco, 2 cucchiai di foglie di betulla e 2 cucchiai di foglie di vite rossa. Poi si resta immersi nella vasca per almeno 20 minuti.   

Cell-Plus Alta Definizione - Crema Cellulite Anti-Acqua
Cell-Plus Alta Definizione – Crema Cellulite Anti-Acqua

 

Your ads will be inserted here by

Easy Plugin for AdSense.

Please go to the plugin admin page to
Paste your ad code OR
Suppress this ad slot.

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

Newsletter

Manuela Palchetti
Naturopata specializzata in Riflessologia Plantare Integrata®, Digitopressione dinamica®, Tecnica Craniosacrale, Fiori di Bach, Himalayani e Australiani, Massaggio Ayurvedico, Kinesiologia. Operatrice certificata Theta Healing®.
Contatti
Email: manuela.palchetti@libero.it
Facebook: https://www.facebook.com/Manuela-Palchetti-Naturopata-349081901882452
Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

↑ Torna su