Problematiche della pelle: possibili cause e lettura psicosomatica

“Quel che c’è di più profondo nell’uomo è la pelle”. Paul Valéry

La pelle è l’organo più esteso del nostro corpo e le sue funzioni sono di difesa, assorbimento, termoregolazione, escrezione e secrezione, percezione.

I disturbi di questo organo sono prevalentemente causati da un eccessivo accumulo di tossine all’interno dell’organismo. Le problematiche della pelle rappresentano quindi la via con cui il nostro corpo espelle le sostanze nocive. Spesso dietro ad una manifestazione fisica, ci sono esigenze e turbamenti di tipo psico-emotivo che vanno certamente prese in considerazione se si vuol risolvere il problema e non tamponare semplicemente la situazione. La pelle è l’organo più esposto al contatto e alla relazione con gli altri ed è proprio nel rapporto con gli altri e nelle relazioni in genere che troviamo spesso la causa psicosomatica di un disturbo. Prima della relazione con l’altro però c’è la relazione con se stessi e dal momento che la pelle delimita il nostro corpo, lo protegge e lo “contiene” possiamo certamente legare i problemi di pelle alla relazione non solo con l’altro ma anche e soprattutto con se stessi.

La pelle come via di comunicazione non verbale

 

Attraverso la pelle esprimiamo noi stessi e le nostre emozioni. Cambiamenti, anche lievi, come il rossore, il pallore e la sudorazione esprimono i nostri stati d’animo, le nostre sensazioni, i nostri disagi. La pelle rappresenta quindi un organo di comunicazione non verbale e non deve stupirci se la manifestazione di un disturbo cutaneo è spesso l’ultima espressione di un disagio interiore non espresso e portato dentro per un lungo periodo.

Capire la patologia cutanea a livello simbolico aiuta ad affrontare il disagio interiore che può aver contribuito a crearla insieme a fattori di tipo genetico e alimentare.
In linea generale si può dire che la pelle grassa e con brufoli esprime problematiche di contatto, mentre una pelle secca e rugosa esprime il rifiuto di relazionarsi o la non accettazione di se stessi e degli altri. E’ bene considerare che quando le dermatosi si presentano nell’estremità del corpo (mani, piedi) c’è una forte carica energetica all’interno che spinge per eliminare le sostanze tossiche, mentre quando è all’interno del corpo, per esempio sul petto, vuol dire che il corpo non ha molta energia ed è più facile che l’affezione che ha colpito la pelle abbia una ripercussione anche sugli organi interni.

Consigli del naturopata per i problemi di pelle

La manifestazione di un disturbo cutaneo non dipende mai da una sola causa, ma da diverse componenti che intervengono contemporaneamente. Nella maggior parte dei casi, le cause vanno ricercate nella scorretta alimentazione, nello stress e nella tensione di tipo psico-emotivo.

Che si tratti di acne, dermatite o psoriasi è sempre consigliato rivedere la propria alimentazione, togliendo i cibi maggiormente acidificanti come latte e derivati, caffè, alcolici e iniziando un percorso alimentare altamente purificante e detossinante. Questo ovviamente chiedendo consiglio ad un naturopata esperto in alimentazione che potrà preparare un percorso alimentare personalizzato sulla persona. Per depurare e disintossicare l’organismo e tutti gli organi emuntori spesso non basta l’alimentazione, ma bisogna anche integrare con un programma fitoterapico a base di piante depurative, drenanti e disintossicanti di tutti gli organi preposti all’eliminazione di tossine: fegato, reni, polmoni, intestino, pelle.

Lettura psicosomatica delle problematiche più frequenti

Acne

E’ una dermatosi provocata dall’infiammazione dei follicoli piliferi e delle ghiandole sebacee. Le cause principali di questo problema sono generalmente ormonali e alimentari. Dal punto di vista della psicosomatica all’origine di questa infiammazione vi è spesso la sensazione d non essere accettati dagli altri che inevitabilmente porta a non accettare se stessi. A soffrirne sono soprattutto gli adolescenti che proprio in questo delicato momento della loro vita, tendono a dubitare di se stessi, a non avere un’identità ben sviluppata e che talvolta hanno difficoltà ad integrarsi con gli altri e temono di essere respinti. L’adolescente che soffre di acne difficilmente ha un buon rapporto con se stesso. Non si accetta e non si sente accettato e si rende sgradevole agli altri mettendosi una maschera “respingente”. L’acne diventa quindi un alibi per non avere relazioni con gli altri e non esser costretti a vivere situazioni che potrebbe generare ansia e insicurezza. Oltre che degli adolescenti, l’acne è anche un disturbo delle persone che non hanno autostima, non si amano. La maschera acneica nasconde le emozioni di chi non sa esprimerle, di chi è compresso e non riesce ad esprimere se stesso.

Dermatiti

Le dermatiti sono stati infiammatori cutanei di vario genere e possono avere cause e sviluppi molto differenti. La dermatite ha generalmente a che fare con i problemi di “contatto”. Solitamente insorge nelle persone con difficoltà a farsi toccare, problemi sessuali, persone ossessionate dall’igiene che si lavano di continuo. Solitamente è proprio l’aprirsi al contatto con gli altri, lasciarsi toccare, che può aiutare la persona a risolvere la causa psico-emotiva del problema. La persona che manifesta una dermatite, potrebbe essere stata respinta, abbandonata o sentirsi incompresa, sottovalutata. Nei bambini può manifestarsi una dermatite quando l’ambiente familiare non da sicurezza, quando ci sono frequenti litigi, quando i genitori si separano o si mantengono “a distanza” non dando la giusta importanza al contatto e alle manifestazioni d’affetto corporee.

Psoriasi

E’ uno stato infiammatorio della cute, generalmente cronico e recidivante, La psoriasi è caratterizzata da chiazze eritematose ricoperte di squame secche a volte associate a prurito e bruciore. La psoriasi può interessare tutto il corpo, ma generalmente si concentra nei gomiti, sulle mani, nelle ginocchia e sul cuoio capelluto. Nella psoriasi la tematiche principali sono l’eccessivo bisogno di difesa di fronte ad una realtà vissuta come troppo invadente e la vergogna di se stessi. Il rossore e il bruciore in questo caso sono riconducibili ad una forte carica di aggressività non espressa e al conseguente senso di  colpa. Chi soffre di questa affezione cutanea spesso sente il desiderio di cambiare perché non si sente a proprio agio con la vita che sta vivendo. La psoriasi è quindi a livello simbolico una corazza con la funzione di proteggere la persona dall’esterno avvertito come minaccioso. Le persone che soffrono di psoriasi difficilmente si mettono in gioco completamente e chi ha a che fare con loro percepisce una sensazione di distanza forzata, di barriera oltre cui non si può andare. E’ necessario in questi casi lavorare sull’accettazione di sé e sul concedersi senza barriere nella relazione con gli altri. Un’altra tematica importante è il controllo, ovvero il conflitto nella persona tra il lasciare andare la propria rabbia e invece contenerla perché ritenuta uno stato da controllare e non esprimere. Le persone che soffrono di psoriasi sono spesso persone molto controllate, irreprensibili.

Per concludere

Si può quindi concludere che le problematiche della pelle vanno affrontate sotto tanti aspetti e che, avendo una componente psicosomatica importante, costituiscono un problema di non facile risoluzione, ma anche un’occasione per l’evoluzione interiore personale e per sciogliere quegli stati psico-emotivi che ci danneggiano e bloccano la nostra realizzazione.

Your ads will be inserted here by

Easy Plugin for AdSense.

Please go to the plugin admin page to
Paste your ad code OR
Suppress this ad slot.

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

Newsletter

Elisa Bignotto
Naturopata specializzata in Fiori di Bach e Australiani, Essenze Spirit in Nature, Fitoterapia, Riequilibrio alimentare, Enneagramma e Ayurveda. Insegna e tiene regolarmente corsi e incontri su tutte le tematiche riguardanti le sue specializzazioni. Riceve a Verona.
Contatti
Email: info@elisabignotto.it
Telefono: +39 349 7445607
Website: http://www.elisabignotto.it
Facebook: https://www.facebook.com/ElisaBignottoNaturopata/?fref=ts
Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

↑ Torna su