Moqui Balls: le pietre del maschile e del femminile

Da appassionati di pietre e cristalli come strumento di bellezza e benessere un giorno abbiamo scoperto le Moqui Balls, una coppia di sfere color rossiccio-marrone dalla forma molto particolare. Una sfera è tonda quasi ovale, un’altra leggermente schiacciata. Entrambe con una superficie ruvida e di misure diverse che variano dai 2 centimetri ai 20 centimetri di diametro.

Tenere le Moqui Balls tra le mani: un’esperienza particolare

Chi ci ha fatto conoscere e venduto queste sfere ci ha invitato subito a farne esperienza. Ci ha suggerito di tenere la sfera più tonda mano sinistra e quella più piatta nella destra, di chiudere gli occhi e di stare in ascolto delle sensazioni che avremmo provato. La prima percezione che ho avuto è stata la differenza di “pesantezza” delle due parti del mio corpo. La parte destra più leggera, la parte sinistra più pesante, la mano sinistra con del formicolio. Dopo qualche minuto una sensazione piacevole di calore in tutto il corpo e la curiosità di saperne di più.

La storia delle Moqui Balls

Ritengo utile precisare che a queste due sfere sono stati attribuiti più nomi: Moqui Marbles, Iron Balls, Navaho Sandstone o anche pietre degli sciamani e che le origini non sono state spiegate scientificamente.

Le sfere sono state trovate in un deserto che si trova tra il Nord Arizona e lo stato dello Utah negli Stati Uniti. Pare che la loro età risalga a circa 190000 anni fa.

L’interno delle sfere è composto di sabbia, pietra arenaria e silicio, la parte esterna di ematite (ossido di ferro). I geologi della zona stanno ancora studiando la loro formazione poiché non si comprende come mai si trovino solo in quel luogo e non altrove. In ogni caso pare si formino dalla reazione chimica dell’acqua che cresce sotto il terreno con gli elementi della pietra, del ferro e del silicio. L’erosione del vento e della sabbia del deserto conferisce loro la particolare forma.

Le spiegazioni degli antichi Sciamani : il maschile ed il femminile

Gli sciamani del luogo tramandano le loro proprietà riequilibranti del nostro sistema psicofisico. La particolarità delle loro due forme in cui si presentano, ha fatto sì che fossero associate ai due poli dell’essere umano e dell’intera esistenza il maschile ed il femminile. La moqui più tonda corrisponde alla parte maschile, quella più piatta alla parte femminile. Ecco spiegato il motivo di come prenderle tra le mani: la pietra maschile equilibra la parte femminile e viceversa.

Proprietà delle Moqui Balls

Il silicio che contengono è un minerale dalle proprietà rigeneranti, remineralizzanti e antidolorifiche. L’ematite è una pietra purificatrice e riequilibrante.  Ecco che pietra e minerale uniti in queste sfere diventano un ottimo canale per equilibrare il nostro sistema psicofisico ed energetico andando ad armonizzare non solo le nostre parti maschile e femminile ma anche i chakra.

Provate ad utilizzarle per 5 minuti al giorno o durante la meditazione potrete trarne grande beneficio!

 

Ti può interessare anche: Come equilibrare i Chakra con i cristalli

 

La Via degli Sciamani
La Via degli Sciamani

Your ads will be inserted here by

Easy Plugin for AdSense.

Please go to the plugin admin page to
Paste your ad code OR
Suppress this ad slot.

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

Newsletter

Diana Cordara
Consulente Fiori di Bach certificata BFRP, Counselor individuale e di coppia, Reiki. Partner e consulente di redazione di BenessereCorpoMente.it. Riceve a Monza e a Milano.
Contatti
Email: diana@benesserecorpomente.it
Telefono: +39 327 4745778
Website: http://www.dianacordara.it
Facebook: https://www.facebook.com/IlPercorsodiDiana
Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares
↑ Torna su