Il fegato: come uscire dalla gabbia della rabbia?

Il fegato, posto nella parte destra dell’addome del nostro corpo, di colore rossastro con un peso di circa 1,5 kg, è uno degli organi più complessi, tanto da essere ritenuto da medici ed esperti insostituibile. E’ a strettissimo contatto con il colon ( ansa epatica ), con il polmone destro, lo stomaco ( duodeno: parte finale ) e l’intestino tenue.
Un organo multitasking a tutti gli effetti! Vediamo insieme in cosa.

I molteplici compiti del fegato

Il fegato partecipa attivamente a molteplici funzioni dell’organismo, funzioni che sono vitali e garantiscono la nostra sopravvivenza.
Produce la bile, liquido con pH basico utile a riequilibrare il pH acido presente nello Stomaco, dovuto agli acidi gastrici necessari alla digestione. Tali acidi all’interno scindono i cibi solidi e liquidi che arrivano dall’esofago, ma se oltrepassassero lo sfintere che collega lo stomaco all’intestino tenue, riuscirebbero a sciogliere e liquefare il sistema digerente.
Aiuta l’intestino ad assorbire i grassi, scindendoli tra grassi bruni e grassi bianchi che, se non smaltiti correttamente, ristagnano nell’intestino crasso.
 Collabora attivamente alla formazione del glucosio, fonte energetica per tutte le cellule dell’intero organismo.
Collabora con il cuore per cui svolge l’importante ruolo di filtrare il sangue, eliminando tossine e sostanze velenose per il corpo.
 E’ una sede di stoccaggio e distribuzione di vitamina B12, componente importante  nei processi di formazione dei globuli rossi e per le cellule del sistema nervoso, ferro e rame. Il rame guida reazioni chimiche da cui dipendono la salute e lo sviluppo dell’uomo. Appena viene ingerito, il fegato lo assorbe smistandolo all’interno organismo.
 Nelle donne in gravidanza è capace di produrre il sangue necessario allo sviluppo inziale del feto.
 Produce Linfociti T, utili al sistema immunitario per difenderci da attacchi esterni di virus e batteri.

Nessun organo nel corpo umano è in grado di sostituire interamente il fegato.  Basti pensare che anche in casi gravi di malattia, si cerca di non asportarlo, ma al massimo di ridurlo in dimensioni o effettuare un trapianto.
Tra gli organi più importanti come cuore e cervello, il fegato è l’unico organo in grado di rigenerarsi, producendo incessantemente nuove cellule.

Leggi anche: Fegato, l’importanza della disintossicazione

Il Fegato come sede della rabbia

“Avere fegato”
“Mi sto facendo il fegato amaro”
“Sono verde di rabbia”

Sono espressioni comuni che descrivono come la rabbia “nasca” nel fegato. Secondo il Talmud la rabbia nasce nel fegato e muore nella cistifellea ( viscere collegato al fegato ).
Il colore utilizzato nella seconda espressione è il verde. E non è un caso o una coincidenza.
Secondo la teoria dei 5 Elementi ( la stessa utilizzata dalla Riflessologia Olistica Plantare ), la casa verde è la casa del fegato e la casa della rabbia.

Ma la rabbia è cattiva? Arrabbiarsi ci rende cattivi?

Il discorso non è morale o etico. La rabbia è un’emozione e negarla è come affermare che nel tramonto manca il colore arancione.rabbia, hulk Tutte le emozioni sono buone, può invece essere scorretto il loro utilizzo, la scelta che facciamo di abusarne. Un bicchiere di vino può essere vitale, abbattendo i radicali liberi che causano l’invecchiamento delle nostre cellule; ma un abuso di vino può causare problemi seri all’intero sistema digestivo, nervoso e circolatorio.
Un pizzico di rabbia può essere vitale in condizioni in cui ci occorre una scintilla per prendere una decisione.
Riportando l’essere umano a centinaia di migliaia di anni fa, quando era a stretto contatto con la Natura, ci saremmo trovati di fronte un nostro antenato pacifico, che non aveva motivo di arrabbiarsi, ma nel momento della caccia, della fuga da un predatore o nella difesa del proprio villaggio, aveva bisogno di una scarica di rabbia per sopravvivere.

 

 

L’effetto benefico della rabbia con la Riflessologia

Cari amici miei, è possibile uscire dalla gabbia della rabbia, senza demonizzarci, senza sensi di colpa!
La Riflessologia è un potente strumento per “addomesticare” la rabbia e trasformarla da bestia feroce ed indomabile in fedele alleato.
L’immagine di Hulk è perfetta: “diventare verdi a causa della rabbia”,  ma canalizzare sempre la sua potenza della rabbia nella direzione vitale e non distruttiva.
Con i Massaggi Olistici verranno trattati fegato / cistifellea ( casa verde ) sui piedi con forte intensità favorendo e, schiena/addome/torace sul corpo.
Pensate un po’, la rabbia genera l’emozione della Gioia, subito successiva nella teoria dei 5 elementi.
Arrabbiarsi? Giusto un po’, grazie!

Stefano Intintoli

Your ads will be inserted here by

Easy Plugin for AdSense.

Please go to the plugin admin page to
Paste your ad code OR
Suppress this ad slot.

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

Newsletter

Stefano Intintoli
Riflessologo Olistico Plantare e Massaggiatore Olistico. Lavora e riceve a Padova.
Contatti
Email: armonyariflessologia@gmail.com
Telefono: +39 349 5881092
Website: http://www.armoniariflessologiapadova.com
Facebook: https://www.facebook.com/armonyapereesserebene
Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares
↑ Torna su