Enzimi: digerire bene e bruciare i grassi

enzimi, anans, papaya, benessere, cosa sono gli enzimi, Hironi Shinya

Enzimi, cosa sono esattamente e a cosa servono? Sicuramente ne avete sentito parlare e probabilmente vi siete chiesti cosa sono gli enzimi, a cosa servono e come interagiscono con l’organismo. Infine molti sono certamente interessanti alla domanda:

Gli enzimi servono a dimagrire?

L’argomento è abbastanza complesso e richiede nozioni di biochimica, tuttavia l’intento di questo articolo è quello di dare una visione di base comprensibile a tutti, con una particolare attenzione agli enzimi digestivi.

Cosa sono gli enzimi

Da uno dei libri di riferimento della medicina naturale, e del tema specifico,” Il fattore enzima“, l’autore, dott. Hiromi Shinya introduce l’argomento nel modo seguente:

Enzima è un termine generico che indica un catalizzatore proteico che si forma all’interno delle cellule degli esseri viventi. Ovunque vi sia vita, in animali o piante, gli enzimi sono al lavoro. Prendono parte a tutti i processi necessari a sostenere la vita: sintesi, trasporto, decomposizione, escrezione, disintossicazione e rifornimento di energia. Più di 5000 tipi di enzimi vengono creati all’interno delle cellule del nostro organismo e vengono prodotti anche a partire dagli enzimi che si ritrovano negli alimenti che consumiamo ogni giorno.

Da qui l’importanza di un’alimentazione sana fatta di alimenti vivi.

L’importanza degli enzimi e le loro funzioni

Gli  enzimi sono dunque molecole sintetizzate da stomaco, fegato, pancreas ed intestino, che agiscono come catalizzatori delle reazioni biochimiche che avvengono negli organismi viventi, svolgono il ruolo di accelerare la velocità delle reazioni chimiche fino a più di un milione di volte, la loro presenza è fondamentale in quanto la maggior parte delle reazioni chimiche dei sistemi biologici non avviene a velocità apprezzabile in loro assenza. Grazie alla loro presenza, determinate reazioni biochimiche  avvengono in tempi brevissimi, molto più brevi di quelli relativi a reazioni non catalizzate.

Gli enzimi forniscono l’energia metabolica e giocano un ruolo fondamentale per tantissime funzioni vitali del nostro organismo:

  • digestione (sono anche detti enzimi digestivi)
  • sistema immunitario
  • processi di invecchiamento (azione antiossidante).

Il nostro corpo ne produce miliardi per sostenere tali funzioni, ma ogni giorno possiamo danneggiare tale processo produttivo tramite scelte di vita errate.

Perché esistono gli enzimi

“La ragione dell’esistenza di cosi tanti enzimi, spiega il dott. Shinya, è che ognuno di essi ha caratteristiche speciali e funzioni uniche.” Ad esempio l’enzima digestivo amilasi, che si trova nella saliva, reagisce solo ai carboidrati (da qui l’importanza della masticazione di questi alimenti).

Anche grassi e proteine vengono digeriti da enzimi specifici e diversi uno dall’altro. Prosegue poi spiegando la sua teoria, sviluppata nel corso di lunghi di pratica clinica e osservazioni, che ipotizza l’esistenza di un enzima sorgente, un prototipo di enzima non specializzato: il nostro stato di salute dipende dalla nostra capacità di  mantenere (o di esaurire) l’enzima sorgente all’interno del nostro organismo. Una precisazione doverosa: quasi tutti gli enzimi conosciuti sono delle proteine, anche se sono state scoperte molecole di RNA con proprietà catalitiche.

Gli enzimi digestivi (aiutano anche a dimagrire)

Una funzione di fondamentale importanza svolta dagli enzimi è legata ai processi digestivi. Tra gli enzimi digestivi ci sono le amilasi che agiscono sugli amidi riducendoli in maltosio, e le proteasi che agiscono sulle proteine riducendole in aminoacidi. Un buon apporto di enzimi digestivi può aiutarci anche a dimagrire.

Proteasi e amilasi

Grazie all’azione di particolari enzimi come  le proteasi o le amilasi, determinate macromolecole (amidi e proteine in questo caso) vengono ridotte in unità più semplici che possono essere assorbite facilmente a dall’intestino.

Lattasi

Un altro importante enzima digestivo è la lattasi, enzima deputato alla digestione dello zucchero caratteristico del latte. Più precisamente, si tratta di una proteina deputata all’idrolisi enzimatica del lattosio in glucosio e galattosio.

Un deficit parziale od assoluto di lattasi è responsabile di una delle più comuni forme di intolleranze alimentari che segue l’ingestione di latte ed alimenti derivati dal latte (burro, panna, formaggi) ricchi in lattosio.

La conseguenza della parziale o totale mancanza di questo enzima si manifesta con gonfiori intestinali, flatulenza, meteorismo ed altri disturbi.

Il Fattore Enzima
Hiromi Shinya
Macro Edizioni
In situazione di carenza di enzimi la digestione è più lenta e difficoltosa, inoltre il pancreas è costretto ad un superlavoro, il metabolismo rallenta, i grassi si accumulano in particolare sulla pancia.

Il superlavoro pancreatico inoltre può dare origine a diversi sintomi come colite, stipsi, gonfiore, allergie e intolleranze alimentari, aumento di peso, e molti altri.

Il consiglio

Mangiate cibi che contengono molti enzimi: alimenti freschi, crudi, vivi e vitali.

Alimenti ricchi di enzimi (enzimi della frutta)

Per disporre quotidianamente degli enzimi necessari è importante scegliere gli alimenti giusti, vivi.  Tutti gli alimenti vegetali crudi e freschi sono ricchi di enzimi, alcuni lo sono maggiormente. Tra i frutti troviamo:

  • Ananas che contiene la bromelina, l’enzima che favorisce la digestione delle proteine e combatte la ritenzione idrica, inoltre in sinergia con i reni favorisce la depurazione. Stimola l’attività dell’intestino.
  • Fragole: sono ricche di enzimi capaci di attivare il metabolismo dei grassi e aiutando il corpo a dimagrire.
  • Papaia: contiene un enzima, la papaina molto utile per migliorare la digestione.
  • Banana, fichi, mango, melone, pera e pompelmo rosa.

Tra gli ortaggi troviamo: i broccoli, carote, cipolle, lattuga, pomodori, i germogli freschi di vari vegetali.  Ci sono anche altri cibi tra cui lo yogurt sia di latte che di soia, il kefir, lo zenzero, le alghe,  il tofu, il miso, l’umeboshi, i semi oleosi come mandorle e noci.

 

Enzimi per Guarire - Guida Pratica
Tom Bohager
Macro Edizioni

Particolarmente ricchi di enzimi sono anche i succhi estratti di frutta e verdura, che consiglio tutte le volte che me ne capita l’occasione. Succhi vivi e vitali per definizione.

Come procurarsi gli enzimi digestivi e i coenzimi

Il consiglio è di scegliere alimenti vivi, freschi e, soprattutto, biologici, ricchi di vitamine e sali minerali.

Avete chiaro ora di quante fonti di enzimi digestivi abbiamo a disposizione?

Queste molecole per “funzionare bene” hanno bisogno di essere attivate da altre sostanze: i coenzimi.

Si tratta della vitamina A, vitamina C e vitamina K,  delle vitamine del gruppo B, e di alcuni minerali come lo zinco, il magnesio, il rame e io calcio. In genere queste sostanze sono già presenti negli stessi alimenti, infatti uno dei tanti vantaggi di  frutta e verdura è quello di essere dotate di coenzimi naturali.

Curiosità: uso nell’industria alimentare

L’utilizzo degli enzimi nell’industria  alimentare avviene da tempo, ecco alcuni prodotti che ne fanno uso e alcuni tra i più comuni utilizzi

  • lievito per il pane
  • fermenti per la produzione della birra
  • caglio nella produzione dei prodotti caseari
  • per la chiarificazione dei succhi di frutta
  • accelerano il processo di frollatura della carne
  • rigenerano le caratteristiche organolettiche di prodotti sottoposti a lavorazioni di tipo chimico e fisico.
  • integratori alimentari di enzimi per dimagrire

Bibliografia

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.