Depurazione autunnale: ritrovare energia e mantenere lo stato di salute dell’organismo

Rimedi fitoterapici e consigli alimentari per la depurazione degli organi emuntori

Per mantenere o ritrovare lo stato di salute del nostro organismo è necessario fare una depurazione del fegato, dei reni, ma anche di tutti gli altri organi preposti all’eliminazione delle tossine metaboliche, organi chiamati “emuntori”. Gli organi emuntori sono: il fegato, i reni, l’intestino, i polmoni e la pelle. La depurazione è un mezzo efficace per eliminare le tossine e dare nuova energia a tutti questi organi e, di conseguenza, a tutto il nostro organismo.
E’ importante segnalare che per una buona depurazione è fondamentale ripulirsi anche delle tossine del sistema nervoso e quindi durante il periodo di detossificazione, cercare di ritagliarsi momenti di relax con pratiche che aiutino il sistema nervoso a disintossicarsi dallo stress. Vanno bene lo yoga, la meditazione, ma anche l’ascolto di musica rilassante e un buon sonno ristoratore.

Sintomi di un sovraccarico di tossine

Errate abitudini di vita come una cattiva alimentazione ricca di zuccheri, cibi grassi e raffinati, fumo, stress, inquinamento, vita sedentaria, favoriscono l’accumulo eccessivo di tossine. 
I sintomi principali di eccesso di tossine sono: debolezza, stanchezza eccessiva che non passa col riposo, dolori alle articolazioni, problemi di pelle e capelli, alito cattivo, mal di testa, gonfiori intestinali, problemi digestivi, colorito giallastro o comunque spento, occhiaie. Per quanto riguarda l’aspetto psico-emotivo il sovraccarico di tossine porta cattivo umore, nervosismo, irritabilità, difficoltà di concentrazione, scarsa memoria.

Consigli per una buona depurazione

  • Bere due litri d’acqua a basso contenuto di sodio, al giorno.
  • Un giorno alla settimana fare una dieta semi-liquida a base di zuppe e passati di verdura, succhi e centrifugati di frutta e verdura fresca: mele, carote, spinaci, pere, cavoli, zenzero, verdure a foglia verde, sedano.
    • Centrifuga (o succo estratto) per il fegato: finocchio, sedano, limone, un cucchiaino di semi di anice
    • Centrifuga (o succo estratto) detossinante: mela, carota e ananas.
  • Eliminare o perlomeno ridurre: latte e latticini, carne e i grassi animali in genere,  zucchero bianco.
  • Sostituire la farina bianca con farina integrale.
  • Sostituire il caffè co e semi, come finocchio, cumino, carvi zenzero.
  • Aggiungere spezie ed erbe aromatiche in grado di favorire il processo di depurazione dell’organismo: cumino, zenzero, finocchio, rosmarino, curcuma.
  • La mattina a digiuno bere un bicchiere d’acqua calda con aggiunta di mezzo limone spremuto.
  • Camminare o praticare attività fisica almeno 3 volte a settimana.
  • Dormire almeno 8  ore.
  • Prendersi tempo per smaltire l’accumulo di stress facendo attività gratificanti e rilassanti.
  • Assumere rimedi fitoterapici che favoriscano il processo di depurazione e rigenerazione del fegato.

I Rimedi fitoterapici per la depurazione

Per rigenerare il fegato la fitoterapia propone diversi rimedi  da usare singolarmente oppure in sinergia.
Le piante più utilizzate si trovano in Tintura Madre e sono:
Cardo mariano: ricco di silimarina, flavonoide in grado di ostacolare la degenerazione e la morte delle cellule epatiche.
Carciofo:  ottimo diuretico, per la presenza di cinarina è particolarmente indicato per  il drenaggio” del fegato e di tutti gli organi emuntori.
Tarassaco:  depurativo e diuretico, utile sia per la depurazione del fegato che per il drenaggio dei reni, è la pianta più utilizzata per favorire l’eleminazione delle tossine dopo un periodo di stress o di assunzione di farmaci.
Queste tre piante sono generalmente i componenti principali dei preparati erboristici per la depurazione. Oltre a Cardo, Carciofo e Tarassaco altre piante utili sono la Fumaria, la Bardana e la Curcuma.
Anche la Gemmoterapia può essere un valido aiuto poiché assicura una profonda e durevole disintossicazione attraverso una dolce azione di drenaggio. In particolare consiglio il gemmoderivato di Ginepro che, grazie alla sua azione epato-renale, permette di ottenere anche un miglioramento della ritenzione idrica e della cellulite.

Chi può fare la depurazione?

Un periodo di depurazione, specie ai cambi di stagione, è consigliato a tutti, indipendentemente dallo stato attuale di salute.  Ovviamente quanto scritto in questo articolo rappresenta un’indicazione generale e sarebbe opportuno rivolgersi ad un Naturopata di fiducia per avere consigli personalizzati a seconda dello stile di vita, dell’età e della propria storia personale.

Consiglio a cura della redazione

All’interno di un programma di depurazione è molto utile inserire un integratore alimentare come Cellfood di Eurodream

Your ads will be inserted here by

Easy Plugin for AdSense.

Please go to the plugin admin page to
Paste your ad code OR
Suppress this ad slot.

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

Newsletter

Elisa Bignotto
Naturopata specializzata in Fiori di Bach e Australiani, Essenze Spirit in Nature, Fitoterapia, Riequilibrio alimentare, Enneagramma e Ayurveda. Insegna e tiene regolarmente corsi e incontri su tutte le tematiche riguardanti le sue specializzazioni. Riceve a Verona.
Contatti
Email: info@elisabignotto.it
Telefono: +39 349 7445607
Website: http://www.elisabignotto.it
Facebook: https://www.facebook.com/ElisaBignottoNaturopata/?fref=ts
Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares
↑ Torna su