Chinotto: non solo bevanda

Il chinotto è il frutto della pianta  Cytrus myrtifolia originaria della Cina  che si è diffusa nel nostro Paese nelle regioni del sud e in Liguria. Il chinotto di Savona in particolare è un presidio Slow Food. Nonostante sia conosciuto come una bevanda gassata che include tra gli ingredienti additivi e conservanti chimici, vogliamo farvi conoscere le sue proprietà come frutto e rimedio naturale. E’ un agrume simile ad un piccolo arancio dal sapore leggermente amaro e acido, tanto che solo gli appassionati lo consumano fresco. Con le opportune cure può essere anche coltivato sul balcone. Ma scopriamo i suoi grandi benefici.

Proprietà

Il chinotto fornisce un ottimo apporto di vitamina C, betacarotene e una sostanza chiamata naringina che gli conferisce il gusto amaro. E’ un alleato dello stomaco poiché è noto per le sue proprietà digestive, rinforza il sistema immunitario ed è un ottimo antiossidante. Grazie alla presenza di vitamina C ha proprietà antinfiammatorie e stimola la produzione di collagene proteggendo così pelle, tessuti e ossa. I fiori e la scorza sono utilizzati in fitoterapia per preparare rimedi contro l’insonnia.

In cucina e altri utilizzi

Del chinotto di utilizza tutto: frutto e scorza per preparare marmellate, frutta candita, liquori digestivi, birre, dolci. Fiori e foglie essiccati per preparare infusi che favoriscono la digestione e conciliano il sonno. Il chinotto è anche utilizzato per la preparazione di cosmetici come saponi, profumi e creme idratanti e antiage.

Il chinotto fatto in casa

La bevanda che troviamo al supermercato è spesso prodotta con ingredienti chimici ma se ci piace possiamo anche prepararla in casa. Ecco la ricetta:

Ingredienti per 1 litro di bevanda

  • 750 ml di acqua minerale gassata
  • 100 g di caffè caldo
  • 50 g di sciroppo di chinotto
  • 50 g di zucchero di canna
  • Il succo di una arancia spremuta
  • Il succo di un limone spremuto
  • Una bottiglia di vetro con tappo ermetico

 

Preparazione (15 minuti + tempo di raffreddamento)

Preparate il caffè caldo e scioglietevi tutto lo zucchero.  Aggiungete lo sciroppo di chinotto, mescolate e lasciate raffreddare,

Sciogliete nel caffè lo zucchero di canna. Se il caffè è caldo questa operazione sarà più semplice. Aggiungete anche lo sciroppo di chinotto, mescolando. Quando il tutto è ben amalgamato lasciatelo raffreddare.

Prendete al bottiglia e versate il preparato di caffè e chinotto, il succo di limone e di arancia. Chiudete la bottiglia ed amalgamate bene gli ingredienti. Riaprite la bottiglia e versate lentamente l’acqua gassata. Richiudete la bottiglia e capovolgetela lentamente un paio di volte facendo attenzione a non sgasare la vostra bevanda e mettetela in frigorifero a raffreddare.

(Ricetta ispirata da http://cucina.excite.it/chinotto-fatto-in-casa.html)

 

Poiché è una bevanda comunque molto zuccherata, vi suggeriamo di berla con moderazione e saltuariamente.

 

 

 

 

 

 

Your ads will be inserted here by

Easy Plugin for AdSense.

Please go to the plugin admin page to
Paste your ad code OR
Suppress this ad slot.

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

Newsletter

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares
↑ Torna su